24 Febbraio 2021, 10.14
Pertica Bassa
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

Il monumento ai Caduti di Ono Degno, in un "quadro" paesaggistico stupendo

di Alfredo Bonomi



Il monumento ai Caduti di Ono Degno è veramente notevole e ricorda l’orgoglio di un paese che l’ha voluto maestoso.
La fervorosa cronaca della sua realizzazione risente del clima del tempo, intriso di forte sentimento nel ricordo dei Caduti della Grande guerra.

Nel maggio del 1921 si costituì un Comitato per la costruzione del monumento, assai rappresentativo del paese, presieduto dal sindaco avv. comm. Bortolo Pirlo.
Si decise di affidare l’esecuzione allo scultore valligiano Cirillo Bagozzi (Nozza, 31 dicembre 1890 – Milano 15 giugno 1970), autore in Valle, oltre che delle belle sculture nel cimitero di Nozza, realizzate nel 1915, dei monumenti di Vobarno (1921), Capovalle (1922), di Nozza eseguito nel 1968 recuperando anche una sua prima scultura, come sua ultima opera significativa.

Il Comitato, proprio nel maggio 1921, spedì una sentita e vibrante missiva anche ai “paesani” emigrati oltre oceano, chiedendo loro un contributo per poter realizzare l’ambito progetto. 

L’esecuzione fu abbastanza veloce nei tempi.
Il 2 ottobre del 1922 lo scultore scrive al segretario del Comune, Bortolo Flocchini, che la statua è pronta, ma che il sindaco-presidente del Comitato gli ha comunicato che la messa in posa e l’inaugurazione avverranno nella successiva primavera.

Il monumento è di pregio, stilisticamente “accademico”, ma di indubbia qualità. Su uno sfaccettato basamento di massi, assai mossi, si erge la statua bronzea di un alpino, completo di divisa, con in una mano la fiaccola e nell’altra la statuetta della vittoria.

Il “combattente”, sicuro di sé, sembra guardare chi si reca al cimitero e, nel medesimo tempo, la bellezza eloquente del contesto nel quale è stato posato, a ricordo dei tanti caduti per assolvere un dovere ed a monito perché ciò non accada più.
A sinistra è affiancato dalla chiesetta della “Madonna del Tormine” che ricorda un antico e collaudato culto mariano, ancora attivo in paese. A destra le antiche “case-torri” richiamano alla mente le famiglie signorili ed attive nei commerci.
Sullo sfondo, imponente, la Corna Blacca, austera, sfaccettata, emblema delle montagne, cariche di fascino ma anche delle molte fatiche dei montanari.

Sicuramente la scelta di un monumento così maestoso, per un paese con limitate possibilità economiche, è stata influenzata dal parere dell’avv. comm. Bortolo Pirlo (22 dicembre 1861 – Vestone, 6 novembre 1930), di antica e facoltosa famiglia.

Sindaco di Ono Degno per molti anni, poi Podestà di Pertica Bassa sino alla morte per incidente d’auto nel 1930, Bortolo Pirlo fu personalità di rilievo a livello provinciale. A lungo Consigliere provinciale, membro della Deputazione provinciale, fu presente in numerose iniziative finanziarie ed economiche, nonché sociali.

Tra le molte cariche ricoperte, significative la Presidenza degli Orfanatrofi e Pie Case di Ricovero di Brescia e quella del Club Alpino Italiano.

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:
Vedi anche
09/12/2020 07:41:00

La tranquilla poesia del lago d’Idro Il lago d’Idro porta nel nome anche la tradizione di una leggenda che lo ancora a miti antichissimi

01/12/2020 06:34:00

Il «paradiso dorato» dei Boscaì L’ancona dell’altare maggiore della chiesa parrocchiale di Levrange, uno scenografico “paradiso dorato”, capolavoro dei Boscaì

26/01/2021 07:39:00

Una «sentinella di fede» lungo la via Regia Dopo l’abitato di Barghe la valle si restringe...

19/01/2021 09:13:00

Il teatro dei colori Oggi la "cartolina" di Alfredo Bonomi ci porta sulla Corna Blacca, scenario per certi versi surreale, cantato da artisti e poeti, ricordando un amico



Altre da Pertica Bassa
31/01/2021

Ciao caro Valentino

Non posso lasciarti andar via senza esprimerti il mio pensiero. Nel mio cuore ho un bel ricordo di te, del tuo sorriso e della tua ironia

26/01/2021

Protezione civile e volontari attenti al territorio

Oltre agli uomini del gruppo di Protezione civile e dell’antincendio boschivo, sono numerosi i cittadini che a titolo gratuito si prendono cura di una porzione del territorio comunale

17/01/2021

Una biblioteca e sala civica nella Casa Torre

È il progetto realizzato dall’amministrazione comunale attraverso un bando del Gal GardaValsabbia per iniziative culturali e sociali. Sarà operativo dalla prossima primavera

11/01/2021

Gli 84 della nonna bis

Tanti auguri a Francesca Dusi, di Pertica Bassa, che proprio oggi, lunedì 11 gennaio, compie 84 splendidi anni

11/01/2021

Cantieri completati e opere da eseguire

Nel tumultuoso anno che ci siamo lasciati alle spalle a Pertica Bassa sono stati terminati diversi cantieri. Per il 2021 previste opere in tutte le frazioni, tra appalti e finanziamenti regionali

07/01/2021

Tempo di bilanci

Per il sindaco di Pertica Bassa Manuel Nicola Bacchetti l'uscita del giornalino annuale è l'occasione per condividere con i suoi concittadini alcune riflessioni e informazioni sulle attività svolte

31/12/2020

Un nuovo anno, con la bellezza del nostro territorio

L'associazione “Riflessi di luce” propone anche per il 2021 il suo lunario che valorizza scorci e peculiarità del territorio delle Pertiche valsabbine

31/12/2020

Rebranding per il logo della Polisportiva

Grazie al talento di Michele Bacchetti la Polisportiva Pertica Bassa ha ora un nuovo logo che incarna i valori di sempre, ma in una veste più moderna ed energica

 

30/12/2020

Soccorsi in cordata per Soraya

Febbre altissima, ma l’ambulanza non ce la faceva ad arrivare. L’hanno fatto i Vigili del fuoco

29/12/2020

Polisportiva, anno zero

In attesa di poter ripartire il prima possibile con le proprie attività sportive e aggregative, la Polisportiva Pertica Bassa ripercorre l'anno che giunge ormai al termine e le iniziative messe in campo nel periodo natalizio