03 Marzo 2021, 08.56
Valsabbia
Ambiente

Fuochi di ripulitura: si può, ma a certe condizioni

di val.

In questo periodo, fino a quando la Regione Lombardia non dichiarerà lo stato di alto rischio di incendio boschivo, è possibile bruciare sul luogo di produzione le ramaglia. Attenzione però...


Vuoi leggere l'articolo completo?

A) Accedi con il tuo account


B) Registrati nella Community di ValleSabbia News

Registrandoti e acquistando un'abbonamento potrai accedere a tuttle le notizie, commentare e usufruire dei servizi di ValleSabbia News (secondo il piano di abbonamento scelto)


REGISTRATI

Leggi qui per avere maggiori informazioni...




Vedi anche
15/02/2018 07:04:00

Nei guai un anziano di Provaglio Appiccando un fuoco di ripulitura ha rischiato di bruciare il bosco intero. Eventualità scongiurata dall'arrivo dei carabinieri forestali, che hanno spento l'incendio e hanno denunciato l'uomo. Millecento i metri quadri andati in fumo

09/10/2018 09:28:00

Forestali e territoriali verso l'accorpamento Tempo di trasferirsi per molti carabinieri forestali, le cui stazioni sono state accorpate a quelle territoriali. Il processo di fusione coinvolge anche alcuni presidi valsabbini 

15/11/2020 09:45:00

Bracconaggio e detenzione di stupefacenti A finire nei guai, dopo la perquisizione domiciliare dei Carabinieri di Sabbio Chiese e dei Forestali di Vobarno, un uomo residente in Valle Sabbia

07/10/2017 18:08:00

Contrasto alle pratiche illecite In azione, anche nella Bassa bresciana, gli uomini della stazione gavardese dei carabinieri forestali

17/03/2020 12:02:00

«Non accendete fuochi» La Regione Lombardia nei giorni scorsi ha dichiarato lo "stato di alto rischio di incendio boschivo". Vale sino ad avvenuta revoca. I fuochi di ripulitura sono dunque illegali, ovunque



Altre da Valsabbia
02/03/2021

Simona Frapporti e l'addio al ciclismo

La velocista di Lavenone appende la bici al chiodo e ringrazia lo sport che le ha dato tanto e tutti coloro che l'hanno sostenuta. «Ora inizia un nuovo capitolo»

02/03/2021

Fusione per il Consorzio Laghi: «Avanti insieme»

Incorporato nel Consorzio Solco Brescia, il Consorzio Laghi ringrazia l'intero territorio e La Cassa Rurale per il suo contributo, con l'auspicio di proseguire nelle collaborazioni e nelle relazioni intrattenute fino ad oggi

02/03/2021

La lunga e sofferta strada verso la parità

“Donne per le donne” ritorna sul palcoscenico in modo virtuale in attesa, Covid permettendo, che la manifestazione torni fisicamente in presenza

02/03/2021

Ecco il programma

Dodici appuntamenti, che in tempo di Covid diventano online, dedicati alla valorizzazione della donna e a quella parità di genere che, nonostante i tempi moderni, non è stata ancora realmente raggiunta

02/03/2021

La quadra della rotonda

La vicenda kafkiana della rotonda quadrata sul Caffaro, al confine fra Lombardia e Trentino, sembra avere i... mesi contati

01/03/2021

Cogess cerca personale di Sala e Bar

Per inviare la propria candidatura per il servizio Labis c'è tempo fino al 31 marzo. I requisiti richiesti e qualche informazione in più

01/03/2021

Dissesto idrogeologico, a Gavardo il finanziamento maggiore

Dei fondi stanziati dal Ministero dell'Interno nel Bresciano per la messa in sicurezza del territorio un grande contributo è arrivato anche in Valle Sabbia, in particolare a Gavardo, che si è visto finanziare quattro progetti

01/03/2021

Tavolo delle Associazioni, lo studio legale e la raccolta fondi

La Federazione del Tavolo delle Associazioni che amano il Fiume Chiese e il suo Lago d'Idro si organizza concretamente per difenderne le acque, anche a fronte dei progetti in corso di valutazione per la depurazione dei reflui gardesani

28/02/2021

La foglia di fico

Secondo il Comitato Referendario Acqua Pubblica, la "mozione Sarnico" è servita solo a coprire le vergogne di un'Amministrazione provinciale che ha già deciso che le acque reflue del Garda verranno depurate a Gavardo

26/02/2021

Montagna bresciana, la strategia di rilancio post Covid

Turismo di prossimità ed esperienze a contatto con la natura, per ritrovare serenità e voglia di reinventarsi. L’analisi degli esperti di marketing per le montagne di Valle Sabbia, Valtrompia e Val Camonica