17 Settembre 2021, 09.54
Agnosine
Lettere

Un silenzio che fa male. A te Giuseppina Di Luca

di Rosalba Francinelli

Un dolore è difficile da esprimere. Come una gioia e si ha sempre il dubbio che non vi siano parole adeguate a renderlo profumato.

 
Giuseppina oggi da quassù in montagna nel mio paradiso posso paragonarti al ciclamino, un fiore bello di colore intenso, nascosto in questo bosco, ma che vuole essere visto perché il suo profumo si diffonda fino al cielo.
Oggi questi ciclamini li dono a te e guardano in alto nel cielo.

Cara Giuseppina ti ho conosciuta da piccola quando venivi a casa mia con tua mamma, papà e le tue sorelline.
Una famiglia meravigliosa e rispettosa. Poi ci siamo perse di vista perché tutte voi avete preso strade diverse ma, in quelle strade vi ho sempre seguite perché sempre vi ho portato nel cuore.

Ti ricorderemo sempre nella festa delle donne, ricorrenza atroce del 1910. L’8 marzo ricorderemo pure te e non meritavi di andartene così. Nessuna donna merita questo. Sofferenza nel tempo, ferite, dolori che le donne portano ogni giorno.
Questa ricorrenza è diventata mostruosità che non ha fine.

A te Giuseppina che hai fatto la tua battaglia di vita quotidiana, avevi tuoi ideali, volevi ancora vivere per sognare, tu, che credevi nell’amore e non pensavi che come un fiore potevi morire.
Tu che ogni mattina sbocciavi alla vita al giorno eri parte delicata e volevi essere la donna che quando ti facevi bella per una festa, che sceglievi il vestito più bello da indossare, ti mettevi il profumo e facevi belli i tuoi capelli.

Donna bella, donna Giuseppina tu che cercavi l’impossibile, tu che credevi nelle emozioni e i pensieri più belli che potevano rimanere nella tua mente. Tu che cercavi sempre luce negli occhi per guardare la luna e le stelle, tu orgogliosa mamma di due meravigliose figlie, tue creature.

Cara Giuseppina, l’amore lo pensavi una magia e pensavi avesse profumo di freschezza. A volte l’amore è amaro, uccide. A noi rimane solo silenzio, un vuoto nel cuore e di recitarti una preghiera.
Ritornerai a vivere accanto ai tuoi cari, ritroverai la tua cugina Maria Grazia lassù in quel paradiso in un prato fiorito, non dovrete avere paura. Dio vi proteggerà, non voleva questo. Una vita spezzata, una donna dolce. Lassù troverai tutte le donne strappate come te a questa vita.

Vi prenderete tutte per mano e aiutateci a lottare e che queste cose non accadano più. Le donne devono essere amate e non ammazzate. E chi non condanna questi reati diventa complice.

Ti ricorderemo Giuseppina.
Oggi ho provato a disegnare una rosa lassù nel cielo e stasera vedrò la luna e le dirò di consegnartela.

Rosalba Francinelli




Aggiungi commento:
Vedi anche
03/04/2012 08:00:00

La sensibilità Sempre la gioia e il dolore passano dapprima attraverso i sensi, poi per attraversare la vita ci vuole un pò di coraggio.

09/07/2011 07:00:00

Il sapore del dolore Per ognuno la strada da seguire è difficile, ma possiamo considerare che soffrire ci riguarda tutti indistintamente.

29/08/2013 08:00:00

Rinunce Si dice che frutta e verdura siano l'irrinunciabile di una giusta alimentazione ma risulta così difficile scegliere nel fare la spesa...

15/06/2014 07:26:00

L'irrevocabile Alle donne la maternità insegna delle sfide che vanno oltre il dolore e le risorse idealizzate, c'è in gioco sempre qualcosa che emerge da lontano e dal più profondo dei mari

10/05/2011 11:45:00

Si annoiano L'energia vitale si sprigiona sempre dove dalla parte opposta del pendolo c'è staticità e silenzio.



Altre da Lettere
15/09/2021

«Non demonizziamo chi sceglie di non vaccinarsi»

Buongiorno direttore, sono un insegnante di una scuola della Valle Sabbia...

(1)
04/09/2021

Quando sei in ospedale da solo

Cara redazione, vi scrivo e chiedo il vostro aiuto per segnalare una situazione poco tenuta in considerazione. Forse vale la pena di rifletterci un momento

(1)
01/09/2021

I due depuratori sul Chiese: cui prodest?

Fabrizio Landi, autore delle poesie di denuncia contro il famigerato progetto dei depuratori per i reflui dei comuni gardesani sul fiume Chiese, torna sul tema con alcune riflessioni

(4)
31/08/2021

«Grazie di cuore»

I ringraziamenti vanno ai fratelli Roberto e Louis Manni, del rifugio Graffer, sulle Dolomiti di Brenta, che hanno deciso di ospitare gratuitamente la "carovana" del Cai di Gavardo impegnata in un'escursione con due "joelette"

31/08/2021

Fra lungimiranza e cosmesi

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa lettera di Giuseppe Ferliga, che ci aiuta a riflettere su ciò che sta accadendo in merito alla questione della depurazione dei reflui gardesani. E non solo quelli

02/08/2021

«Non abbandonate la strada tracciata»

Da parte dei Comitati piena soddisfazione per l’approvazione della Mozione Almici in Consiglio provinciale, con un po’ di rammarico per il venir meno di alcuni voti

28/07/2021

«Se'l Cés el cambiarà nom...»

Una poesia “sfogo” quella che ci manda Fabrizio Landi sulla nefasta questione del depuratore delle fogne dei comuni gardesani

27/07/2021

«Sono nata a Idro, nel 1925...»

Una nota autobiografica affidata alla nipote, la vita della maestra Lina, che questo martedì pomeriggio molti a Idro accompagneranno per il suo ultimo viaggio

26/07/2021

Arrivederci mitica Maestra Lina!

Gli ex alunni rivolgono un affettuoso saluto alla loro insegnante delle elementari i cui funerali saranno celebrati questo martedì a Idro

24/07/2021

Depuratore del Garda, è questa la Transizione Ecologica?

L'Era della Transizione Ecologica nasce in perfetto stile Made in Italy, sotto forma di due grandiosi depuratori delle fognature del Garda, contrariamente al volere dei territori destinati