01 Febbraio 2021, 06.47
Blog - Genitori e figli

Fatti gli affari tuoi

di Giuseppe Maiolo

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

 
La sequenza è infinita e mette in evidenza quanto ci sia da fare con i minori per aiutarli a contenere online la violenza delle parole e delle offese e soprattutto renderli consapevoli del fatto che le cose dette online non sono gioco o divertimento ma armi taglienti che feriscono in profondità e potrebbero anche uccidere.

L’ennesimo fatto accade in Calabria ai danni di una ragazzina di 13 anni affetta da una rara patologia della pelle che le ha prodotto una diffusa deturpazione del volto.
Dopo numerosi interventi chirurgici, la ragazza che ha vissuto lunghi anni di sofferenza, era riuscita recentemente a vincere le sue difficoltà e le sue insicurezze, sia grazie al miglioramento dato dalle cure fisiche che dal sostegno psicologico che l’ha aiutata a ritrovare fiducia in se stessa.

Più sicura di sé, negli ultimi tempi era riuscita a mostrarsi con un video postato su TikTok in cui parlava di sé e della sua malattia.
Uno sforzo notevole che invece di essere apprezzato dai pari a cui si rivolgeva, ha scatenato una quantità di commenti umilianti e offensivi.
Così il video della ragazzina è diventato virale le offese verbali e le umiliazioni di migliaia di adolescenti che le hanno postate sul popolarissimo social.

Questo sta a dire che la generazione dei centenials, cioè quella dei nati nel nuovo millennio, cresce con l’idea che in Internet ci si possa permettere tutto, perché in rete ci si diverte e si gioca e si rimane impuniti.
I ragazzini oggi hanno la convinzione che online la presa in giro non faccia male ma diverta e che le offese non producano dolore.

In gran parte non esiste la percezione del danno che viene creato con le diffamazioni e le parole di odio.
Al contrario molti pensano che esse non feriscano perché sono mediate dal dispositivo mobile e dal display che apparentemente protegge sia l’aggressore che la vittima

Più di tutto manca la partecipazione emotiva, cioè la capacità di riconoscere quello che si prova e ancor meno quello che prova l’altro.
Questo perché abbiamo sempre più a che fare con adolescenti analfabeti sul piano emotivo. Ragazzi e ragazze che non sanno percepire la differenza tra una carezza e un pugno, tra un abbraccio e una coltellata.

Crescono senza riuscire a dare un nome a quello che provano, diventano adolescenti e adulti incapaci di gestire i loro sentimenti e ciò che muove dentro, senza strumenti utili a distinguere il bene e male. Per lo più incoraggiati a restare distanti dalla partecipazione emotiva e senza riverbero affettivo perché prevale un’educazione che ruota attorno alla frase “Fatti gli affari tuoi!”.

Difficile allora lo sviluppo di quell’empatia che potrebbe permettere di cogliere il dolore e la sofferenza dell’altro.
Anche se le basi del processo empatico si ritrovano nella neurobiologia e la ricerca scientifica ha dimostrato come sia precoce l’attivazione dei  cosiddetti “neuroni specchio” che sono in grado di far percepire al bambino piccolo gli stati d’animo altrui e promuoverne l’imitazione, queste funzioni vanno sostenute.

Ora sappiamo che le mappe emotive si sviluppano in maniera decisiva nei primi 4-5 anni di vita.
Se questo non avviene l’ignoranza emotiva diventa una realtà e la capacità di cogliere quello che prova l’altro che sta male, si perde.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it




Aggiungi commento:
Vedi anche
26/08/2018 09:23:00

Bullismo e disimpegno morale

Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza

05/08/2018 07:00:00

Costruire empatia L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

28/09/2020 08:50:00

Perchè non insegnare l'empatia? E se insegnassimo l’empatia? Se introducessimo questa materia scolastica per insegnare ai bambini a riconoscere i vissuti dell’altro?

10/03/2019 14:27:00

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti

04/06/2015 06:47:00

Intervista a Teresa Manes Il tema della conferenza di stasera per il ciclo di "GENITORI IN FORMAzione" è quello del bullismo e del cyberbullismo.  A parlarne alle  20,45 presso la Biblioteca comunale di Vobarno, ci sarà Teresa  Manes, madre di Andrea



Altre da Pillole di Psicologia
10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

27/06/2020

Disturbi specifici dell'apprendimento. Di cosa si tratta?

Leggiamo che “esistono molti bambini e ragazzi che nel corso della loro carriera scolastica incontrano momenti di particolare difficoltà negli apprendimenti, ad esempio nella lettura, nella scrittura o nel calcolo...

19/06/2020

Oltre la paura del contagio

Stiamo vivendo una crisi epocale. Crisi come queste per la storia si ripetono quasi in modo ciclico. Negli ultimi quaranta, cinquant’anni, abbiamo vissuto mutamenti degli assetti geopolitici, economici, sociali.

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere