18 Novembre 2020, 09.23
Lettere

La DAD? Ecco cosa ne penso

di Giuseppe Biati

Pubblichiamo volentieri una lettera inviataci da Giuseppe Biati, già dirigente scolastico, uomo di scuola a tutto campo. Oggi le sue parole sono riferite alla didattica a distanza (dad), che sta interessando centinaia di studenti, e i loro insegnanti, anche in Valle Sabbia

 
La DAD nel concreto e nell'oggi pare funzionare poco e male!
Ma non va condannata come metodologia innovativa e di per sè.
È l'utilizzo odierno, calato ex abrupto in un sistema impreparato, da una parte (insegnanti) e dall'altra (alunni), e in un contesto abbastanza drammatico, se non del tutto drammatico!

Tralascio volutamente la considerazione che all'Università e nelle ultime classi di Media Superiore la DAD dovrebbe essere un sistema metodologico di prassi, da ovviamente valutare per contesti, discipline e Facoltà.

Certamente, da un punto di vista pedagogico-didattico, il sistema DAD produce negli alunni piú giovani effetti non tanto di non-apprendimento, ma di non-inclusione (=aumento del divario tra alunni, differenziazioni di crescite culturali, perdita di alunni da un punto di vista scolastico, ecc.).

Forse bisognerà imparare da queste situazioni contingenti, non del tutto positive, non solo a risistemare le metodologie didattiche, ma anche e soprattutto ad analizzare quali sono effettivamente i saperi del presente (i saperi utili e indispensabili, vagliati e priorizzati) e del futuro, liberare le incrostazioni degli attuali programmi e metodi di insegnamento, rivedere le classi di concorso e le discipline di studio, rivedere gli orari degli insegnamenti, l'organizzazione in genere, ecc.

Un grande consulto nazionale sulla Scuola, insomma!
Cose che diciamo da anni e che non si sono mai fatte per ignavia ministeriale e di sistema!

Più volte io ho detto e scritto che l'attuale sistema scolastico va rivisto ab imis fundamentis: destrutturarlo, per ristrutturarlo! Non è più consono ai tempi attuali e futuri!
Soprattutto per i saperi fondamentali e i relativi contenuti, le metodologie, i cardini culturali  di riferimento!

In questo mondo i valori sono cambiati!
È cambiata anche l'etica, ad esempio!
E la scuola é rimasta a proporre in continuazione riformette (troppe e misere) di ogni ministro di turno, tanti, troppi e per lo più incompetenti e di bassissima levatura cultural-sistemica.

Faccio un esempio di come una tragedia come il coronavirus abbia contribuito a cambiare in meglio almeno una cosetta: sono spariti, spazzati via dalla scuola tutti i progetti inutili (leggasi scuola-progettificio)!
Non è cosa da poco: questi toglievano tempo e spazio alle materie di studio o discipline formative.

Io propendo attualmente per una scuola integrata, in classe e in DAD, purchè vi siano i presupposti di preparazione e di studio e non di estemporaneità rimediate all'ultimo istante.

Ai docenti, buon lavoro. Ai discenti, che l'insegnamento si trasformi in apprendimento!

Giuseppe Biati



Commenti:
ID82450 - 18/11/2020 20:02:55 - (bernardofreddi) -

Due anni fa hanno introdotto il nuovo esame delle superiori con una modalità da soap opera americana, mantenendo la suspance fino a primavera inoltrata con uno stillicidio di anticipazioni parziali. L'anno scorso, causa covid, hanno fatto una sanatoria generalizzata delle materie insufficienti, mandando avanti anche studenti privi dei requisiti per frequentare le classi successive (oltre che convinti che la cosa si ripeterà quest'anno). Quest'anno hanno calato dall'alto 33 ore di educazione civica in un momento in cui è praticamente impossibile sia portare i ragazzi fuori di scuola, che invitare a scuola esperti o persone significative (dal vivo non è come in dad). Dimenticavo l'ultima: hanno deciso che per mandare i ragazzi in stage nelle aziende non basta formarli sui rischi specifici della professione che andranno a svolgere, ma su tutti i 35 (ripeto: 35) i rischi delle varie attività lavorative (quindi un perito meccanico deve conoscere le

ID82451 - 18/11/2020 20:08:02 - (bernardofreddi) -

norme sui pesticidi)

Aggiungi commento:
Vedi anche
26/06/2020 09:30:00

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza» Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

10/03/2020 09:52:00

Didattica a distanza #Scuolainfanziasoprazoccononsiferma. Giorni difficili per le scuole di ogni ordine e grado. Anche la Scuola dell’Infanzia di Soprazocco si rivolge alla didattica a distanza

07/08/2020 10:42:00

Alle superiori lezioni in aula a rotazione Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

25/10/2020 09:32:00

A Brescia didattica a distanza alle superiori In un comunicato, che riportiamo integralmente, la Prefettura di Brescia – in accordo con l'Ufficio Scolastico Provinciale – ribadisce le modalità didattiche da adottare negli istituti secondari di secondo grado

11/02/2019 10:50:00

Arrivano i Chromebook per la didattica All’Istituto comprensivo “G. Bertolotti” di Gavardo sbarcano i primi 31 computer portatili con sistema operativo Chrome OS. Giovedì la cerimonia di consegna con la presentazione del progetto di didattica digitale



Altre da RagazziNews
01/11/2020

«Non dimentichiamo le fragilità»

Buongiorno, sono Bonelli Natascia e sono referente area disabilità di una scuola bresciana e chiedo di porre attenzione alle conseguenze di un lockdown "scolastico" per le famiglie e i ragazzini con disabilità...

18/10/2020

Anno scolastico all'estero?

“Intercultura” riparte con il bando 2021-22 e centinaia di borse di studio. I volontari del Centro di Salò aspettano il 20 e il 23 ottobre gli studenti interessati, il 29 i loro genitori. Tutto online

10/10/2020

350 alunni tutti in presenza

Un obiettivo importante per la didattica quello ottenuto dalla Scar di Roè Volciano adeguando gli spazi per ottemperare alla normativa anticovid

24/09/2020

A scuola con gli antichi Romani

Ancora pochi posti disponibili per l'iniziativa organizzata dal Museo Archeologico valsabbino per far conoscere ai bambini come si studiava ai tempi degli antichi Romani. Appuntamento questa domenica, 27 settembre

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

16/09/2020

Problemi col trasporto studenti da Bagolino

Si è verificato un disguido con il servizio trasporto studenti di Bagolino diretti all’Istituto Polivalente di Idro

14/09/2020

Corso di Project Management a prezzo ridotto

E' quello organizzato dal 15 al 17 settembre da Secoval e dalla School of Management and Advanced Education (SMAE) dell’Università degli Studi di Brescia

10/09/2020

Hackathon di Valle Sabbia

Una giornata dedicata all’innovazione, alla quale possono partecipare con le loro idee i giovani dai 17 ai 34 anni. Appuntamento per il 26 settembre, numero chiuso e poco tempo per iscriversi. Ecco come funziona

08/09/2020

Finalmente la Blacca!

La vetta simbolo della Valle Sabbia è stata la meta dell’escursione dei ragazzi dell’Alpinismo Giovanile del Cai di Vestone

04/09/2020

Geometrie alla «F. Odorici» di Roè Volciano

Anche alla scuola media di Roè Volciano ci si attrezza per dare il via al meglio e in sicurezza al nuovo anno scolastico