13 Gennaio 2012, 09.26
Provincia
Neve

Strade salate nell’attesa

di red.

Ancora di neve non se n’è vista sulle strade bresciane. Quando il termometro lo richiede, però, gli addetti della Provincia sono già al lavoro.

 
Lo scorso invenrno, il primo dicembre, è scesa la prima neve ed immediatamente è scattato il piano per fronteggiare l’evento.
Anche se quest’anno la neve non è ancora arrivata, l’Assessorato ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia, ha già da tempo allertato la macchina organizzativa di supporto al Piano Neve.
Un piano d’intervento sui quasi 2.000 km delle strade in gestione, al fine di garantire una viabilità più praticabile e sicura.
 
Non è infatti indispensabile la neve per entrare in azione!
Quando la temperatura si avvicina allo zero termico, i sorveglianti stradali, nel tardo pomeriggio, ordinano alle proprie squadra di uscire con i mezzi in dotazione per provvedere allo spargimento di prodotti antigelivi nei tratti più ombreggiati delle carreggiate in modo da prevenire la formazione di ghiaccio.
Durante la notte, se la temperatura si abbassa ulteriormente, i cantonieri escono e ripetono l’operazione più volte per rendere sicuro il transito dei veicoli che percorrono le nostre SS.PP.
 
Ogni operazione comporta il consumo di circa 18/20 quintali di sale.
In caso di nevicate, gli addetti del Settore Manutenzione Strade escono immediatamente con i propri mezzi e procedono a spargere sale misto a sabbia per garantire la transitabilità in sicurezza delle Strade di loro competenza; nel frattempo i sorveglianti allertano le Ditte appaltatrici dei lavori di manutenzione, che con le lame sgombraneve, provvedano alla pulizia della carreggiata.
La quantità di sale misto a sabbia utilizzata per la pulizia della carreggiata è di circa 500 quintali.
Anche per la stagione invernale 2011/2012 è stato acquistato salgemma per un importo pari ad € 350.000,00.

Il Settore Manutenzione è formato dai 4 centri operativi: il Centro Operativo ‘A’, con responsabile il Geom. Arturo Ghidinelli, (Bassa e Alta della Valle Camonica, Iseo e La Franciacorta); il Centro Operativo ‘B’, con responsabile il  Geom. Graziano Guatta Caldini, (l’Alto e il Basso Garda); il Centro Operativo ‘C’ seguito dal Geometra Pietro Bondoni (Valle Trompia, Valle Sabbia, Gambara e Tangenziale Sud); ed infine il Geometra Giambattista Frosio responsabile del Centro operativo ‘D’ (Bassa Bresciana e S.P. 19)
A loro volta i Centri Operativi sono divisi in 20 zone, presidiate da 20 sorveglianti e 70 cantonieri, per un totale di 90 uomini disponibili in caso di nevicate. Sono 58 i mezzi provinciali, affiancati dai 92 delle ditte appaltatrici, per un totale di 150 mezzi per lo sgombero neve, per spargere il sale e prodotti antigelo.
 
L’Assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Brescia Mariateresa Vivaldini ringrazia tutti i geometri, i sorveglianti e tutti i cantonieri per l’impegno e per l’attento lavoro che svolgono sia per la neve che per le frane, sempre disponibili ad uscire per fronteggiare le emergenze, nei giorni festivi, Natale e Capodanno compresi.
 
E aggiunge: ’Notevoli le spese che sosteniamo 350.000,00 euro per l’acquisto del sale, circa 1.000.000,00 per gli appalti della manutenzione per lo sgombero neve e circa 1.000.000,00 di bitumature per chiudere le buche e restituire strade adeguate, ma soprattutto per la sicurezza.
Dopo il primo tavolo tecnico in Regione Lombardia, ho chiesto ne venisse convocato un altro di carattere politico, assieme alle altre Province, al fine di decidere come comportarsi in merito all’obbligo della dotazione di catene da neve e pneumatici invernali.
Il tavolo di concertazione non è stato convocato e, per non creare disagi agli utenti, abbiamo mantenuto tale obbligo sulle strade di montagna, come per esempio la 345 del Maniva, la 669 per Bagolino, SP 6 della Val Saviore, la Sp 88 per Paspardo e tante altre. Meglio un’ordinanza concertata su tutto il territorio.
 
Il fatto che città come Como, Varese, Sondrio e diverse strade provinciali di Cremona e Lecco siano stati oggetto di ordinanza, crea disagi sul comportamento che l’utente deve mantenere da provincia a provincia.
Certo, lo pneumatico da neve riduce sensibilmente lo spazio di arresto dei veicoli e riduce gli incidenti in caso di neve o ghiaccio, contribuendo ad impedire la paralisi del traffico, oltre a far risparmiare la Provincia, ma personalmente non sono d’accordo nell’assumere provvedimenti a macchia di leopardo, visto il consistente transito interprovinciale di mezzi sulla nostra rete stradale e di conseguenza i troppi i disagi che andremmo ad arrecare.’
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
10/12/2017 16:36:00

Incidente e neve Lunghe code lungo la 237 del Caffaro in territorio trentino, esattamente a Condino, per un incidente fra la rotonda e il distributore. Intanto continua a nevicare e le strade, anche se "salate" e "sabbiate" sono estremamente pericolose

17/12/2011 07:29:00

Dalla Provincia un piano per la neve I primi attesissimi fiocchi hanno iniziato a cadere e a Palazzo Broletto si pensa agli interventi in caso di precipitazioni tali da non garantire una normale circolazione sulle nostre strade

29/12/2020 09:15:00

Neve, la situazione nelle Giudicarie Le precipitazioni nevose di ieri hanno provocato qualche problema sulle strade dei paesi delle Giudicarie. Chiuso almeno fino a stamattina un tratto della statale 237 del Caffaro

10/11/2007 00:00:00

Chiude per neve anche il Crocedomini La neve arriva sulle montagne bresciane ed impone la chiusura di alcune strade provinciali. Ieri è stata sospesa la circolazione stradale sulla 345 «delle Tre Valli» e sulla Provinciale del Passo Crocedomini in Comune di Breno.

01/12/2008 00:00:00

Con la neve sale anche l'ottimismo La neve ieri non è arrivata sulle strade della Valle Sabbia, come segnalava e temeva la Protezione civile. Sulle montagne però si. E tanta.
Bene per le stazioni sciistiche di casa: il Gaver e il Maniva.



Altre da Provincia
02/12/2021

Mappatura delle risorse idriche anche in Valle Sabbia

Anche le nostre zone saranno coinvolte nel progetto di A2A con Acque Bresciane e Ufficio d'Ambito. Obiettivo la realizzazione di un acquedotto intercomunale di fondovalle per la gestione delle emergenze

02/12/2021

«E' davvero Gavardo - Montichiari l'opzione migliore?»

Nuova interrogazione per il ministro Cingolani, questa volta da parte della senatrice Margherita Corrado. I contenuti sono quelli portati avanti dal presidio “9 agosto”

01/12/2021

Approvata la legge di potenziamento della sanità

La legge promossa dal Consiglieri regionali, frutto di un lungo lavoro di ascolto del territorio e degli stakeholder, presenta una serie di novità fondamentali improntate sulla salute dei cittadini

30/11/2021

Connext 2021, 24 aziende bresciane alla seconda edizione

Dopo la pausa forzata del 2020 torna il grande evento di Confindustria, organizzato per favorire partnership e occasioni di collaborazione tra imprese

27/11/2021

Busi Group, mezzi elettrici per la raccolta rifiuti

L'azienda, che ha sede anche a Paitone, ha raccolto la sfida dell'elettrico siglando due partnership importanti e presentando i primi prototipi ad Ecomondo

27/11/2021

In metro da Brescia a Salò

È la proposta del sindaco di Gavardo Davide Comaglio da mettere in campo con i fondi del Pnrr. Ma intanto servirebbe ridisegnare lo snodo di Rezzato

(5)
26/11/2021

Giallo dei documenti, nuovo ricorso

Sembrerebbe un “buco” negli atti quello relativo al progetto del depuratore. Alla richiesta del sindaco di Montichiari il Ministero ha risposto che sono disponibili solo alcuni dei documenti richiesti

26/11/2021

Pronto l'iter per il progetto definitivo

Il commissario - prefetto accelera i tempi per poter chiudere la pratica a marzo 2023, come da accordi con il ministro Cingolani. I sindaci del Chiese rilanciano la loro battaglia al Tar

25/11/2021

Gavardo - Montichiari verso la progettazione definitiva

Dopo l'incontro tra il ministro Cingolani e il commissario Visconti sembra che Acque Bresciane sarà incaricata di procedere con il progetto del doppio impianto sul Chiese

24/11/2021

«Un vaccino per tutti», uno spettacolo al Teatro Grande

"Da le ses a le dò, da le dò a le des", promosso dalla Piccola Industria per raccogliere fondi da devolvere a Medicus Mundi Italia a sostegno della campagna vaccinale nei Paesi meno sviluppati