15 Luglio 2021, 07.30
La Nostra Valle online

Bando Arest, programma triennale per il rilancio economico e territoriale della valle

di Redazione

L'obiettivo è la rigenerazione delle filiere agroforestali da sviluppare su tre ambiti tematici: filiera lattiero casearia, colture minori e la filiera forestale


La Comunità Montana di Valle Sabbia, con il supporto del Gal Gardavalsab-bia2020, ha candidato al Bando AREST, promosso da Regione Lombardia, il progetto “Un nuovo Design Rurale per la rigenerazione delle filiere agroforestali”, un programma triennale di interventi per il rilancio economico e territoriale della Valle Sabbia.

Lo scorso 10 maggio Regione Lombardia ha infatti approvato la manifestazione d’interesse finalizzata ad attuare la strategia di rilancio economico e di sostegno al sistema rurale e ambientale per i territori montani, da attuarsi attraverso lo strumento dell’Accordo di rilancio economico sociale e territoriale (Arest), le cui proposte potevano prevedere interventi per un impegno complessivo massimo di 6 milioni di euro.

“Il programma è stato il frutto di un processo partecipato portato avanti con i portatori d’interesse locali per sintetizzare i reali bisogni del territorio e studiare una proposta che potesse aiutare concretamente la Valle Sabbia,” spiega Giovanmaria Flocchini, Presidente della Comunità Montana Valle Sabbia.

Gli interventi proposti nel progetto si focalizzano su tre ambiti tematici: filiera lattiero casearia, colture minori (olivicoltura e castanicoltura) e la filiera forestale. L’obiettivo è quello di rilanciare l’economia e il territorio della Valle Sabbia partendo dall’esistente e portando nuova linfa agevolando l’imprenditoria giovanile e idee innovative.

Il progetto si fonda infatti sulla convinzione che la qualità del territorio e del pae-saggio siano obiettivi fondamentali che possono essere raggiunti grazie all’innovazione a supporto delle attività presenti sul territorio stesso. Le attività agro silvo pastorali, contribuiscono al mantenimento del paesaggio alpino e prealpino caratterizzato dalla presenza di foreste, prati e pascoli e dai servizi ecosistemici da essi svolti.

Promuovere e mantenere in modo coordinato le attività agricole e forestali permetterà di disegnare nuovi scenari di sviluppo economico basati sui principi dell’economia circolare, ma anche sulla tutela e valorizzazione del paesaggio della Valle.


Vedi anche
04/04/2018 15:30:00

Un bando per l'agricoltura montana È stato aperto ieri, 3 aprile, dalla Comunità Montana di Valle Sabbia il bando 2018 inerente agli interventi a sostegno dell’agricoltura nelle aree montane. Un aiuto finanziario per la valorizzazione del territorio

11/05/2020 16:10:00

Bando a sostegno dell'agricoltura di montagna C'è tempo dal 18 maggio al 29 giugno per presentare le domande per il “Bando 2020” per gli interventi a sostegno dell'agricoltura in aree montane pubblicato dalla Comunità montana di Valle Sabbia

04/07/2020 08:00:00

Fondi per gli interventi forestali Ammontano a circa 300 mila euro i contributi disponibili per il bando “Misure forestali” pubblicato dalla Comunità montana destinati ai Comuni e ai soggetti privati operanti nella filiera forestale bosco-legno

29/06/2016 09:07:00

Sostegno comunitario all'agricoltura di montagna 115 mila euro per l'agricoltura di montagna. La Comunità montana di Valle Sabbia ha predisposto il relativo bando. Le domande devono essere presentate entro il 22 agosto

21/06/2021 07:00:00

Interventi a sostegno dell'agricoltura nelle aree montane Il Bando della Comunità Montana mira ad aiutare gli operatori del settore agricolo con particolare attenzione a potenziamento e sviluppo delle aziende. Per fare domanda c'è tempo fino a fine giugno



Altre da Politica e Territorio
26/10/2021

Rigenerazione urbana, un convegno per amministrazioni e professionisti

Focus sulla legge regionale 18/19 per amministrazioni pubbliche e professionisti questo giovedì nel convegno organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia

26/10/2021

Stop agli allagamenti

Stanno per concludersi i lavori di regimazione delle acque meteoriche in una frazione di Muscoline

26/10/2021

Fondi per le reti irrigue

Stanziamento regionale per i consorzi di bonifica per opere idrauliche: 3 milioni anche per il Naviglio Grande Bresciano

26/10/2021

Narciso a rischio chiusura

Prove di collaborazione, fra pubblico e privato, nel tentativo di impedire entro gennaio la chiusura definitiva del Centro sportivo Narciso, dal 2008 operativo sul lago d'Idro

(1)
25/10/2021

Anche il calcio scende in campo contro il depuratore

Ieri nel “Derby del Chiese” fra Bedizzolese e Prevalle manifestazione e striscioni contro il progetto dei due maxi depuratori delle fogne dei comuni gardesani

23/10/2021

Nuova sede per la Comunità Murialdo

L’ente di riferimento del Distretto famiglia per la Valle del Chiese ha inauturato la nuova sede a Palazzo Gelani, con l’intitolazione a Paolo Fiorile

23/10/2021

Ospitalità diffusa, ecco il piano del Gal

Formazione, affiancamento, scuola e incentivi. Ecco i pilastri del nuovo piano di lavoro del Gal a seguito del workshop

23/10/2021

«Avanti così»

Dal Ministero della Transizione ecologica, in risposta ad un’interrogazione, una doccia fredda sulla possibilità di cambiare la soluzione Gavardo-Montichiari del depuratore gardesano

22/10/2021

Dalla Regione fondi per la Protezione Civile

Anche alcune associazioni valsabbine riceveranno i contributi stanziati per l'acquisto di mezzi e attrezzature da destinare ai volontari

22/10/2021

«Che fine ha fatto il gioiello di Vobarno?»

Se lo chiede Giovanni Scalora in questa lettera che, della Fondazione Irene Rubini Falck, analizza i bilanci degli utlimi anni