04 Novembre 2008, 00.00
Idro
Eridio 1

«Approfondiremo il monitoraggio»

di Ubaldo Vallini

Inclinometri che saltano e ancora problemi alla galleria degli agricoltori
Meglio verificare con più attenzione, ne hanno parlato tecnici e sindaci ieri a Brescia.

Fra marzo e luglio di quest’anno la paleofrana che insiste sull’uscita del lago ha messo fuori uso quattro inclinometri sugli otto piazzati dall’Arpa per monitorare lo smottamento.
Anche la “galleria degli agricoltori”, che permette di scaricare l’acqua dal lago senza impegnare l’area del fiume Chiese che scorre sotto alla paleofrana, presenta grossi problemi di stabilità. Poi c’è l’accordo di programma siglato con i sindaci rivieraschi che impegna la Regione a darsi da fare per stabilizzare lo smottamento.

Questi i presupposti della riunione che ieri ha interessato tutti i sindaci rivieraschi del lago d’Idro e quelli che si occupano dei territori più a valle, potenzialmente a rischio inondazione, da Lavenone fino ad Acquanegra. Un’assemblea dettata dalla necessità di fare il punto della situazione in merito alla sicurezza geologica dell’intera area.
Un contesto in continua evoluzione per il quale insieme ai sindaci o ai loro delegati si sono presentati nella sede territoriale bresciana della Regione Lombardia, oltre al dirigente Carlo Giacomelli, anche il direttore generale della Protezione civile lombarda Paolo Baccolo, il geologo Gregorio Mannucci dell’Arpa di Milano e il Commissario regolatore dell’Eridio ingegner Fanfani.

“C’è da monitorare meglio cosa accade sul fronte franoso e in quella galleria; ci sono da aggiornare gli scenari di criticità già previsti dal Piano di protezione civile approntato lo scorso anno dall’Amministrazione provinciale; ci sono da pianificare, se saranno necessari, ulteriori interventi” ha affermato Baccolo, che ha poi precisato: “Non si tratta di una situazione particolarmente critica, niente allarmismi dunque, solo ci sono dei rischi da monitorare con maggior attenzione.

Parole, ma anche denari: “Per questo abbiamo ritenuto che è necessario un ulteriore investimento da parte della Regione, pari a circa 500mila euro nel prossimo triennio. Finalizzato ad automatizzare completamente la nuova strumentazione, a realizzare la modellazione geotecnica della frana e ad assicurare la gestione degli apparati e l’analisi dei risultati”.
“Verranno sistemati nuovi strumenti di analisi – ha chiarito Mannucci dell’Arpa –, che serviranno per ottenere informazioni di dettaglio, ma anche ad aggiornare il Piano di emergenza e a verificare le opere di stabilizzazione”.

Già, perché la Regione pare intenzionata, contestualmente all’iter per la realizzazione delle nuove opere di regolazione che il Cipe prevede vengano realizzate entro il 31 dicembre del 2013, ad intervenire per consolidare la paleofrana. Almeno a rallentarne la discesa che è stata misurata fra i 20 e gli 80 millimetri l’anno, per una profondità variabile fra i 28 e i 67 metri.
Un movimento che è più veloce quando piove.

“Solo se sarà necessario, in quanto è un’opera che andrà dismessa nei prossimi anni, interverremo anche per evitare che la galleria degli agricoltori possa crollare del tutto, peggiorando ulteriormente la situazione attuale” ha aggiunto Baccolo.
L’attuale scarico di fondo del lago nel corso degli anni ha manifestato grossi problemi di stabilità ed è destinato ad essere sostituito dalle nuove opere di regolazione che costeranno complessivamente 31,8 milioni di euro. La paleofrana invece rischierebbe, nel caso di improvvisa accelerazione del movomento franoso, di ostruire l’uscita del lago.
In quel caso però, fanno motare i rivieraschi che ci credono poco, a rischio ci sarebbe anche la viabilità e nessuno ne parla mai.


Aggiungi commento:
Vedi anche
28/12/2007 00:00:00

Ancora un buco sulla Galleria degli Agricoltori Non c’è due senza tre, dicono. E per i “fornelli” sopra lo scarico di fondo del lago d’Idro, meglio conosciuto come “Galleria degli Agricoltori” il detto non viene smentito. Intanto in Municipio si «affilano» progetti alternativi.

08/01/2008 00:00:00

Sotto esame la galleria di svaso Sopralluogo da parte dei tecnici del Rid nella galleria Degli agricoltori che nei giorni scorsi è stata lesionata dalla presenza di un nuovo fornello che nei giorni scorsi si è aperto nel prato sovrastante, di proprietà della parrocchia.

07/11/2019 17:20:00

«Il cinghiale campa, il campo crepa» Nutrita la delegazione di agricoltori e di sindaci valsabbini che questo giovedì hanno partecipato alla manifestazione in Piazza Montecitorio a Roma. Obiettivo: sensibilizzare sui problemi causati dall'inarrestabile presenza dei cinghiali sui terreni agricoli

25/10/2013 07:29:00

Un isolo da smaltire Oltre al livello, che ha obbligato il ricorso alla Galleria degli Agricoltori, l'Eridio ha sofferto anche l'arrivo di tonnellate di rifiuti "verdi" dal Trentino

30/09/2013 08:38:00

Buona giornata Chiediamo scusa ai lettori di Vallesabbianews per i problemi tecnici che fino a pochi minuti fa hanno impedito la lettura del giornale. Speriamo che in breve tutto possa tornare alla normalità



Altre da Idro
02/12/2021

Marinai valsabbini in festa per Santa Barbara

Nella ricorrenza della patrona del corpo i soci del gruppo Anmi Idro Valle Sabbia si ritroveranno sull’Eridio

30/11/2021

«Maxi grazie» in cartolina

In vista della Giornata della disabilità, una cartolina formato gigante è stata consegnata dai ragazzi del Cdd alla Comunità montana

26/11/2021

Un'accoglienza «smart» per i nuovi alunni

Nell’ambito del progetto “Smart School” è stato promosso un progetto di accoglienza per gli alunni delle classi prime dell’Istituto Perlasca

22/11/2021

Coi Forestali la Festa dell'Albero

Iniziative in tutta la Provincia, con piantine “geolocalizzate”. Per la Valle Sabbia la celebrazione è avvenuta a Idro e Vobarno

20/11/2021

«Altri Sguardi» torna in Valle Sabbia

Due appuntamenti a Sabbio Chiese e Agnosine e alcune matinèe per le scuole del territorio. Si comincia giovedì 25 novembre con "U parrinu", di e con Christian Di Domenico

19/11/2021

Le storie dei Caduti di Idro della Grande Guerra

Le ha ricostruite con un lavoro d’archivio Sirio Dolcetti del Gruppo di ricerca sulle difese del Lago d’Idro durante la Prima Guerra Mondiale

09/11/2021

Terza dose anche in farmacia

Da questo mercoledì anche in alcune farmacie valsabbine sarà possibile ricevere la terza dose anti Covid al momento riservata solo agli over 60 e agli operatori sanitari

06/11/2021

Abbassamento dei livelli, Tonina: «Nessuna conseguenza per il biotopo»

Per la Provincia autonima di Trento non ci sono state conseguenze per l'habitat naturalistico di Baitoni. Non la pensa così il consigliere Marini

04/11/2021

La storia non ci ha insegnato nulla?

Possibile che al giorno d’oggi esistano ancora movimenti neofascisti e neonazisti?

29/10/2021

Nuovo progetto di svaso

Acque nuovamente agitate, sul lago d’Idro, a causa della partecipazione della Comunità montana, insieme a Regione Lombardia e Aipo, alla formulazione di un nuovo progetto per la regolazione delle acque