Riaperta la Ferriera Valsabbia
di val.

Come si fosse trattato di uno scherzo, solo due giorni dopo essere stati apposti su tutte le proprietà e i beni della famiglia Brunori, i sigilli sono stati stracciati, fra gli applausi degli operai.

Come si fosse trattato di uno scherzo, solo due giorni dopo essere stati apposti su tutte le proprietà e i beni della famiglia Brunori, i sigilli sono stati stracciati, fra gli applausi degli operai.

"Si è trattato di un gigantesco equivoco" sono state le parole di Ruggero Brunori, che non ha voluto mancare all'appuntamento con i Carabinieri del Noe al momento di togliere i sigilli.
La novità era trapelata fin dalle prime ore della mattinata, quando alcuni operai erano stati chiamati a riprendere il loro turno di lavoro. In realtà c'è stato bisogno di attendere il pomeriggio.

Alle 13 e 10 è saltato l'ultimo sigillo, quello del cancello principale, sotto gli uffici dello stabilimento di Odolo.
I contorni della straordinaria vicenda verranno delineati meglio nelle prossime ore.
Per le ore 16 il sindaco Cassetti ha inviato in municipio i vertici dell'Asl e quelli dell'azienda, per chiarire cosa sta accadendo e quali sono i rischi reali per la salute dei cittadini.