A Cesare Maestri e Aramisi Susan Chembai la Ivars Tre Campanili della rinascita
di Redazione

In 450 runner si sono fronteggiati sulla distanza della mezza maratona di corsa in montagna organizzata dalla Libertas Vallesabbia


Si è svolta domenica mattina, con partenza alle 9.30 in Piazza Garibaldi, la XIV edizione di Ivars Tre Campanili half marathon, organizzata da A.S.D. Libertas Vallesabbia con il patrocinio del Comune di Vestone.

Ivars Tre Campanili è una gara nazionale FIDAL classificata nella tipologia Silver e inserita nel circuito "GRAN PRIX MASTER CDS DI CORSA - TROFEO VASCO PISCIOLI S.R.L. 2021".

Dopo lo start ufficiale dato dal noto speaker Fabio D'Annunzio, alla presenza del sindaco di Vestone Roberto Giuseppe Facchi e di numerosi spettatori, i 450 podisti si sono fronteggiati su un percorso misto di 21,097 km con un dislivello di oltre 900 metri, caratterizzato da tratti di asfalto in leggera salita, da salite ripide e brevi su sentieri e mulattiere e infine da una discesa su tratti cementati, sentieri e strade bianche.

Primo assoluto Cesare Maestri con 1 ora, 20 minuti e 45 secondi seguito da Kiyaka Dennis Bosire, DeMatteis Martin, DeMatteis Bernard e Goffi Stefano.
La prima donna è Aramisi Susan Chembai con 1 ora, 39 minuti e 24 secondi seguita da Tegegn Addisalem Belay e da Angelini Simona.

Al termine della gara sono stati premiati i primi 5 classificati assoluti, maschili e femminili, i primi cinque classificati per ogni categoria maschile e le prime tre classificate per ogni categoria femminile.

Premiati anche il primo atleta Valsabbino a tagliare il traguardo, Bertoletti Michele, con l'11° Memorial "Michele Cargnoni", e il primo atleta vestonese Alessandro Ricci. Assegnata inoltre, come di consueto, la medaglia ufficiale della manifestazione a tutti coloro che hanno tagliato il traguardo.

Le classifiche complete sono disponibili sul sito https://www.endu.net/it/events/tre-campanili-half-marathon/results

Mai come quest'anno la manifestazione ha rappresentato un momento di rinascita e di speranza, dopo l'annullamento dell'edizione 2020 a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19.

Il Presidente del Comitato Organizzatore Paolo Salvadori ha espresso la propria soddisfazione per la buona riuscita dell'evento dopo mesi di duro lavoro e, soprattutto, per la sentita e appassionata partecipazione da parte degli atleti: «Nonostante sia stato dimezzato il numero di iscritti per garantire il rigoroso rispetto del protocollo Covid, siamo molto contenti per la presenza oggi di quasi 500 atleti...Un ottimo risultato, considerando che in questo periodo difficile i tesserati FIDAL si sono ridotti della metà. Arrivederci al prossimo anno, con la speranza di poter tornare a organizzare questo evento a pieno regime, con una vera e propria festa».
210704Primi3classificati.jpeg 210704Primi3classificati.jpeg 210704Primi3classificati.jpeg 210704Primi3classificati.jpeg