03 Luglio 2021, 08.00
Blog - 21 grammi di psicologia

Autostima

di Sabina Moro

Migliorare la propria autostima è un lavoro impegnativo che richiede impegno e costanza. Che collegamenti possono esserci tra autostima e impegno lavorativo?

 
Per migliorare la propria autostima è prima di tutto necessario darsi tempo in quanto sarà è un percorso non immediato che coinvolge più aree della vita di una persona (cultura, lavoro, sentimenti, giudizi, ecc..) e, richiede esperienza per comprendere se un certo comportamento è funzionale o meno per il nostro benessere.
 
Soffermandoci sull’area lavorativa è importante che il nostro lavoro sia in linea con le nostre abilità e con le nostre risorse, dandoci la possibilità di sperimentare ed apprendere. Avere un lavoro in linea con le nostre competenze permette di sentirsi abili, efficaci e di aumentare il valore che diamo a noi stessi. Un altro aspetto importante è quello di trovare un lavoro che rispecchi i nostri valori, sentirsi in linea e credere nell’azienda o nel prodotto che vendiamo ci permette di mantenere alta la motivazione al lavoro e ci invoglia a muoverci per la crescita dell’azienda stessa. 
 
Risulta inoltre necessario non lasciarsi scoraggiare dai possibili inevitabili fallimenti che si possono sperimentare in ambito lavorativo, essere perseveranti attraverso la ricerca di soluzione al problema è un punto di forza. È quindi importante tenere nota dei successi, anche piccoli, raggiunti, accettare gli errori commessi e non rifiutare nuove opportunità.
 
Un altro aspetto importante che incide sull’autostima lavorativa è la chiarezza degli obiettivi.  Avere ben chiara la meta da aggiungere è fondamentale per indirizzare i nostri comportamenti e apportare delle modifiche qualora non riuscissimo ad ottenere dei risultati. Muoversi in modo poco definito può essere fuorviante e generare emozioni di tristezza legate al sentimento di incapacità. Gli obiettivi devono essere infatti chiari, realistici e misurabili entro un periodo di tempo prestabilito. 
 
Avere una buona autostima è utile in qualsiasi tipo di lavoro in quanto ci perette di stare meglio e di volersi bene senza essere continuamente mossi da pensieri negativi come “questo lavoro è meglio di niente”, “accetto questo lavoro tanto non ne troverò mai un altro”, “odio questo lavoro”, “nessuno mi capisce e mi valorizza”, che hanno una notevole influenza anche sulla vita privata.  
 
Avere una buona autostima incide inoltre in modo rilevante su lavori nella quale è implicata la vendita di un prodotto. Mostrare fiducia in sé aumenta la possibilità che anche gli altri credano in noi. Alcuni aspetti da tenere a mente durante una vendita sono: spalle e petto aperti, abito in ordine, eloquio scorrevole, tono deciso, sorridere, intervenire nelle discussioni, ecc.
 
Le persone che considerano sé stesse come responsabili dei risultati raggiunti, a seguito di costante impegno e formazione, hanno più possibilità di crescere lavorativamente e personalmente. 
 
Dott.ssa Sabina Moro 
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia    


Vedi anche
15/07/2020 09:20:00

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

29/01/2016 15:16:00

Come si forma l'autostima? Spesso ci si attribuisce una bassa o buona autostima, ma cosa significa la parola autostima e come si forma?

09/02/2011 14:00:00

Autostima, come migliorarla L'autostima è un processo soggettivo e duraturo che porta la persona a valutare e apprezzare se stesso tramite la consapevolezza positiva del proprio valore personale.

21/03/2011 10:00:00

Autostima, stare bene con sé e con gli altri Un incontro incentrato l’importanza dell’autostima nelle relazioni familiari quello tenuto dalla dott.ssa Pelamatti nell’ambito di “Genitori in cammino”.

09/04/2013 07:57:00

Difendersi dai pregiudizi Come riconquistare la propria autostima: la tecnica che rende immuni dalle critiche e aiuta ad acquisire maggiore consapevolezza



Altre da Blog-21grammi
16/09/2021

Ansia e pensieri disfunzionali

L’ansia è un’emozione secondaria che si attiva nel momento in cui diamo valore ad alcune credenze considerate disfunzionali

31/08/2021

Noia e alimentazione

Spesso l’alimentazione può svolgere un ruolo regolatore nella gestione del tempo, il cibo verrebbe quindi utilizzato per gestire gli stati di noia e gli stati di frenesia. Vediamo insieme questo aspetto nel dettaglio

02/08/2021

Rimuginazione

La rimuginazione è un processo cognitivo che implica pensieri ripetitivi riguardo eventi negativi che potrebbero accadere in futuro. Vediamo insieme alcune tecniche per gestirla

19/07/2021

Essere se stessi

Come ti descriveresti come persona e come pensi ti descriverebbero le persone che ti circondano?

17/06/2021

Coraggio

La nostra zona di comfort non ci permette di sperimentare situazioni nuove e alimenta la nostra paura. E’ importante quindi sviluppare coraggio per allontanarci da ciò che ci fa soffrire

31/05/2021

Palestra

Molto spesso il percorso all’interno di strutture sportive viene interrotto a causa di una scarsa motivazione successiva al non vedere subito i risultati sperati

17/05/2021

Narcisismo

Uno dei disturbi di personalità inserito all’interno del Manuale Diagnostico dei Disturbi Mentali è il narcisismo. Ma di cosa si tratta?

02/05/2021

Lavoro

In relazione alla festa dei lavoratori volevo condividere una riflessione sull’importanza psicologica del lavoro

15/04/2021

Cura di sè

Quanto è importante imparare a prendersi cura di sé e cosa ci blocca nel prendersi cura sia della propria mente che del proprio corpo? Scopriamolo insieme

30/03/2021

Distress ed eustress

Il termine "stress" è solitamente associato ad una definizione negativa. Tale termine, in realtà, corrisponde ad una risposta, adattiva e naturale dell’organismo, rivolta ad uno stimolo (definito "stressor") che fa pressione su di esso