16 Settembre 2016, 07.29
Blog - Come se dis

Streghe (2ª parte)

di Tatiana Mora

Un tempo abbondavano le storie che narravano come soprattutto la notte fosse popolata da strani personaggi, mezze donne, mezze animali, pronte ad approfittare di chi capitava loro a tiro, magari avventurandosi dove non avrebbe dovuto


C'è una leggenda narrata nelle Pertiche: si dice che nel piccolo centro di Marmentino sorgesse una caverna abitata da streghe che uscivano allo scoperto la notte del sabato per ritrovarsi, al chiaro di luna, con le streghe del Gaver.

Queste figure avevano la capacità di trasformarsi in vecchiette curve che bussavano alle porte per chiedere l'elemosina e, quando non la ricevevano, si narra che fossero molto vendicative (nel 1438 bruciarono l'intero paese, nel 1830 abbatterono diciottomila abeti).

Nella vicina località di Màer, a Lavenone, le streghe si divertivano a lucidare le scarpe con una polvere magica che le trasformava in serpenti; quando la gente si accorse di questo particolare, furono condannate a morte.
Una variante della leggenda vuole che queste streghe facessero soprattutto scherzi agli abitanti del posto come, per esempio, allacciargli le stringhe delle scarpe al contrario.

A Bione, nei pressi della Corna Nibbia, in località Lo, esiste ancora oggi una grotta molto grande dalla quale usciva sempre aria gelida, chiamata El Büs dele strèe, dove si racconta vivessero queste magiche donne che portavano via ai loro genitori i bambini disobbedienti.

Ad Agnosine c'è persino una casa chiamata Fenìl de le Strèe: la tradizione vuole che due viandanti, attratti dal fuoco acceso e dai canti che uscivano dal fienile, entrassero dentro e vedessero bellissime donne che cantavano e ballavano; queste li invitarono a prendere parte alla festa ma, osservandole meglio, i due si accorsero che le donne avevano i piedi caprini e scapparono a gambe levate.

L'abitudine di rubare e spaventare ce l'avevano anche le streghe di Bagolino che si divertivano a portare via la verdura dagli orti e il bestiame agli allevatori; una notte un ragazzo vide una strega che rubava delle carote per cui, la notte successiva, si organizzò con degli amici per coglierla in fragrante ma non accadde nulla.

Spostandoci a Treviso Bresciano, troviamo poi la Piazza delle Streghe, una località isolata e, un tempo, ricca di vegetazione dove si dice che le streghe si ritrovassero per mettere in pratica i loro riti satanici e danzare intorno al fuoco; non ci sono leggende particolari legate a questo luogo se non la storia secondo la quale, da una grotta difronte alla piazza, le streghe costringevano un contadino del paese a scendere al torrente Gorgone a prendere l'acqua con un setaccio!
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
22/07/2016 07:22:00

Leggende in Valsabbia Inizia con questo "cappello" una parte del blog di Tatiana Mora dedicata alle leggende valsabbine, che saranno oggetto dei prossimi post

27/08/2016 07:03:00

Streghe  Dopo la pausa estiva, eccoci al punto dove ci eravamo lasciati…si parlava di leggende diffuse in Valsabbia, prodotto della tradizione orale e con protagonisti davvero vari e fantastici tra i quali spiccano streghe, stregoni, fatine e folletti

30/09/2016 10:47:00

Streghe (3^ parte)

Di streghe ce ne erano molte ma di stregoni? Non altrettanti. Con questo post si conclude la serie dedicata alle streghe

02/11/2016 16:42:00

Il diavolo Dopo l'excursus sui racconti valsabbini con protagoniste le streghe, ecco quelli che vedono l'apparizione del demonio incarnato sotto varie forme

09/12/2016 15:14:00

Il presepe partenopeo tra miti, leggende e tradizioni La tradizione dei presepi sarà raccontata venerdì sera a Cimego: un giornalista napoletano svelerà anche il legame con le streghe



Altre da Come se Dis
13/09/2017

I curiosi nomi degli abitanti valsabbini

Ecco una plausibile spiegazione, dettata dalla tradizione popolare, delli nomignoli affibbiati agli abitanti dei paesi valsabbini

(2)
24/07/2017

Paesi e abitanti

Molto curiosi sono i nomignoli, in dialetto, con i quali i paesi della Valsabbia e i rispettivi abitanti vengono chiamati

30/04/2017

Da Capovalle, la leggenda del Rio Secco

Si racconta che, nella prima metà del XVII secolo, alcuni carbonai e allevatori videro una luce espandersi sempre più sulla roccia di Rio Secco, una località del posto

31/03/2017

Fra apparizioni e miracoli - 3

Spostiamo il nostro sguardo in altri due paesi della Valsabbia e vediamo come, anche lì, leggende e apparizioni abbiano caratterizzato la loro storia...

15/03/2017

Fra apparizioni e miracoli -2

Al devoto Bonfadino de' Dossi accadde di vedere la Madonna, un giorno del 1522 mentre portava al pascolo le sue bestie in località Visello a Preseglie e pregava per la conversione dei suoi compaesani...

04/01/2017

Fra apparizioni e miracoli

E riguardo ai miracoli? Ci sono numerose apparizioni di Santi e Madonne un po' in tutti i centri valsabbini

21/11/2016

Il diavolo (seconda parte)

Un'altra leggenda che, allo stesso modo di quella letta nello scorso post, presenta il diavolo come tentatore, è ambientata in una località di Pertica, a Plerio...

02/11/2016

Il diavolo

Dopo l'excursus sui racconti valsabbini con protagoniste le streghe, ecco quelli che vedono l'apparizione del demonio incarnato sotto varie forme

30/09/2016

Streghe (3^ parte)

Di streghe ce ne erano molte ma di stregoni? Non altrettanti. Con questo post si conclude la serie dedicata alle streghe

27/08/2016

Streghe

 Dopo la pausa estiva, eccoci al punto dove ci eravamo lasciati…si parlava di leggende diffuse in Valsabbia, prodotto della tradizione orale e con protagonisti davvero vari e fantastici tra i quali spiccano streghe, stregoni, fatine e folletti

(1)