20 Settembre 2021, 11.00
Blog - Genitori e figli

Dipendenze da internet e smartphone in aumento

di Giuseppe Maiolo

Alcuni dati dicono che prima della pandemia un adolescente della scuola superiore passava mediamente 7 ore al giorno davanti al display dello smartphone


Con l’inizio della pandemia e l’avvento della DAD tutto è cambiato: il tempo al PC è notevolmente aumentato e l’uso del telefonino, prima sostanzialmente demonizzato, ora è percepito come meno pericoloso.

Nel giro di poco tempo abbiamo visto modificare le relazioni tra gli individui e mutare stili di vita e abitudini. Si pensi a un dato molto significativo come l’età in cui viene dato un cellulare personale ai bambini. In un questionario sviluppato dal Centro il Germoglio di Bolzano per il progetto di Educazione digitale SAFE INTERNET attivato nel 2021 in un Istituto Comprensivo dell’Alta Val d’Isarco (Scuola primaria e secondaria di 1° grado), su 127 bambini intervistati, il 58,1% ha dichiarato di aver avuto in dono lo smartphone prima degli 8 anni e il 17,2% a 6!

Se poi andiamo a vedere per quanto tempo i genitori ne consentono l’uso durante il tempo libero, troviamo che un 22% lo può utilizzare per più di 3 ore al giorno e il 18,6% tra le 2 e le 3 ore. Non è cosa da poco se si pensa ai pericoli della rete e ai rischi derivanti dall’abuso dei dispositivi come quello di una possibile dipendenza. La rivoluzione digitale e le ore passate davanti al PC per la didattica a distanza hanno fortemente aumentato le interazioni online tra i minori e ridotto quelle nell’ambito familiare, dove le comunicazioni passano sempre di più via WhatsApp.

Molti centri di intervento per la salute mentale in età evolutiva, confermano che nel corso degli ultimi mesi del 2020 e nei primi del 2021 le richieste di aiuto per problemi di dipendenza tecnologica sono raddoppiate rispetto a quelle prima della pandemia. In qualche caso triplicate!

Il Servizio per le Dipendenze dell’Azienda Sanitaria genovese (Ser.T, Asl3) sostiene che i nuovi pazienti affetti da dipendenza sono in prevalenza maschi tra i 13 e i 20 anni i quali già prima del Covid avevano un rapporto non sano con i dispositivi tecnologici. Di certo la colpa delle nuove dipendenze (da cellulare e da Internet) non è della DAD, ma di sicuro il fatto che gli adulti diano meno attenzione e controllo all’uso di giorno che di notte dei dispositivi, sta incrementando il fenomeno dipendenza.

Ancora dai questionari del Centro Il Germoglio emerge e colpisce il fatto che il 32,2% degli intervistati tra gli 8 e i 13 anni ammette di poter tenere con sé il cellulare di notte, contro il 25,6% a cui non è esplicitamente permesso.

Di fatto la generazione iperconnessa passa molto tempo con i dispositivi digitali e il gioco online è attività virtuale che prevalere su tutte le altre del mondo reale. I videogiochi, che non sono solo un passatempo, diventano spesso un modo per contenere le frustrazioni e compensare ad esempio insuccessi e fallimenti scolastici. Non di rado funzionano come una sorta di antidepressivo perché rapidamente fanno accumulare vittorie e successi, contrariamente a quello che accade nella vita reale dove tutto ha bisogno tempo e di perseveranza. Agli adulti di riferimento serve riflettere su questi comportamenti a rischio ma urge che famiglia e scuola insieme, attivino precocemente azioni di prevenzione.

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita
Università di Trento
www.iovivobene.it


Aggiungi commento:
Vedi anche
11/08/2020 09:20:00

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

22/08/2019 09:15:00

Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura

23/02/2021 09:31:00

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia

16/04/2018 10:30:00

A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

24/10/2016 11:44:00

Smartphone sotto controllo I giovani, ma anche i bambini usano ormai costantemente le nuove tecnologie, con estrema facilità e molta più velocità degli adulti. Non è un male di per sè, ma attenti alle dipendenze



Altre da Genitori e Figli
10/10/2021

Scuola. Stanno tutti bene?

Non siamo ancora usciti dalla pandemia e la scuola appena iniziata, impegnata non poco con le misure di controllo, le sicurezze da garantire, i turni e gli innumerevoli problemi gestionali, sembra trascurare interrogativi del tipo “Ma come stanno i ragazzi?” e “Come stanno i docenti?”

02/10/2021

Sorelle che uccidono. La banalità del male

L’ennesima cronaca efferata delle due sorelle che uccidono la madre lascia esterrefatti

14/09/2021

Il silenzio degli innocenti. Le vittime inascoltate dei bulli

Valentina ha sperato ogni giorno che i suoi compagni potessero avere compassione di lei e prima o poi la lasciassero in pace, almeno durante la pausa, quando gli altri si divertivano e lei si cercava una tana dove sparire. Ma inutile

06/09/2021

Il vamping. Le notti abituali dei ragazzi

Chi non ricorda la canzone “Certe notti” di Luciano Ligabue, che è stata un grande successo della metà degli anni ‘90?

23/08/2021

Estate. Adolescenti tra eros e riti di passaggio

Dopo il lungo tempo dalla pandemia, l’adolescenza sospesa e a volte interrotta dai vari lockdown, con la stagione estiva sembra rivitalizzarsi più ancora che in passato

12/08/2021

Adolescenti. La generazione che non dorme e non sogna

Si dice che i "coronials", gli adolescenti della pandemia, siano una generazione che non dorme e non sogna. Credo sia così

04/08/2021

Dal DDL Zan all'educazione e alla prevenzione dell'omofobia

Il grande dibattito attorno al DDL Zan evidenzia lo scontro politico in atto ma anche quanto ci sia ancora da fare per contrastare la violenza nei confronti delle diversità e in particolare quelle riguardanti la sessualità

24/07/2021

Il gioco come confronto. Ovvero, educare anche alla sconfitta

Da più parti e da tempo, ormai, si dice che nell’educare serve fornire il senso del limite, contenere gli eccessi, dare un confine alle richieste, moderare le pretese

19/07/2021

Sfruttamento sessuale dei minori. Una piaga da combattere

C’è da rimanere sconvolti a leggere i dati diffusi qualche giorno fa dal Garante della Privacy sui minori in rete

10/07/2021

In vacanza da soli. Adolescenti alla ricerca dell'autonomia

L’estate è già iniziata e le vacanze pure. Per la generazione del lockdown, oltre alla sensazione di una libertà riconquistata data dall’allentamento delle restrizioni, c’è anche un appuntamento importante per la crescita: la vacanza da soli