07 Dicembre 2020, 10.39
Blog - Genitori e figli

Fiabe che curano. Storie per far crescere la fiducia

di Giuseppe Maiolo

C’è un mondo da scoprire quando si è bambini e poche sono le cose che la ragione può spiegare loro


In questo momento storico, attraversato da angosce interminabili che accompagnano la pandemia, i piccoli hanno bisogno di credere nella vita che viene e la necessità di costruire la fiducia come base per la loro sicurezza. Ma non la trasmettiamo con il ragionamento. Si cresce solo se si è pensati e se ci sono adulti che sanno costruire legami parlando la stessa lingua del bambino, quella che con il pensiero magico regola l’esperienza nei primi 5-6 anni di vita.   

Così le storie fantastiche, chiamate fiabe, permettono di far salire i piccoli sul tappeto volante dell’immaginazione e farli andare lontano, in giro per il mondo. Con esse, che sono una specie di sogni ad occhi aperti, anzi spalancati, si può di capire la realtà e accettare il bello e il brutto della vita.

Narrazioni magiche, per intenderci, che iniziano sempre con quel “C’era una volta… ” e ti dicono cosa accadeva un tempo e cosa può succedere ancora nello spazio magico della fantasia.

Le fiabe, al contrario delle favole, non danno consigli, né consolano. Non offrono una morale e non conciliano il sonno, tanto meno trastullano. Aprono porte e finestre alla conoscenza e alla coscienza. Informano ma soprattutto rassicurano, perché alla fine il “male” si sconfigge. E poi perché nella lotta ci sono a fianco gli adulti che non tolgono la fatica e il rischio, ma accompagnano il bambino. Ci sono. Stanno lì. Raccontano, valorizzano il gioco e la fantasia come strumenti di crescita.

Non per nulla davanti al Museo dei Bambini di Boston, c’è un’iscrizione che avverte: “Qui non si raccontano storie. Le storie non sono affatto storie. Qui si fa sul serio!”. In altre parole significa che lo spazio fantastico in cui si muove il bambino non è un luogo inutile e fittizio, ma quello che gli fornisce la “tramatura” necessaria per costruire la relazione con il mondo e familiarità con quello interiore. È il luogo dove trovare risposte ai dilemmi dell’esistenza.

Le fiabe parlano sempre di paure e terrori, cioè di stati d’animo che mettono in evidenza  le fragilità umane e aprono a una quantità di interrogativi. Diversamente però dalle spiegazioni adulte, esse non offrono risposte tranquillizzanti o illusorie, non riducono i sintomi dell’ansia, anzi nei passaggi più scabrosi dell’avventura che l’eroe è chiamato ad affrontare, incrementano l’angoscia e il terrore, lo sgomento e il panico che invadono lo scenario mentale. Ma non fanno danni. Anzi aiutano.

Servono per capire che si deve attraversare la sofferenza che compare d’un tratto nella vita. Insegnano a non evitare gli inciampi, quelli che invece i genitori vorrebbero evitare ai propri figli. Fanno partire per viaggi rischiosi che mettono in pericolo la vita, ma dicono che la salvezza e la vittoria richiede tempo e fatica, transiti lunghi dentro tunnel oscuri, in apparenza senza vie d’uscita.

E poi assicurano che, dopo prove diverse l’incantesimo si può sciogliere, è possibile venir fuori dal labirinto e arrivare al castello dove sposare il principe o la principessa. Ma soprattutto si può sconfiggere il “male”. Questa è la traiettoria delle storie di magia.  

Grazie all’andamento specifico di queste narrazioni, si collauda quel personale sistema di fiducia che serve per affrontare l’esistenza. Il lieto fine, l’elemento comune di ogni fiaba che si rispetti, ripaga e conta tantissimo perché fa crescere la fiducia in se stessi e nella vita.
Lo sforzo e la fatica delle prove, mettono in moto l’energia che serve per resistere nelle intemperie. Ed è la stessa forza, chiamata resilienza, che da adulti, grazie al dono delle storie rimaste dentro negli anni, ci aiuta a trovare un senso a ciò che capita. Anche quando sembra che non ci sia spiegazione alcuna alla sofferenza e alla nebbia d’un colpo scesa ad offuscare lo sguardo sul futuro.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

11/08/2020 09:20:00

Gli iperconnessi Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
02/03/2021

Ragazzi che si tagliano. Il rumoroso silenzio dell'autolesionismo

Ci sono silenzi rumorosi, che gridano ma non hanno voce. Urla senza parole che nessuno sente o che pochi ascoltano

23/02/2021

Pandemia e nuove dipendenze tra i giovani

Il lockdown con il tempo dilatato della distanza, nel male e nel bene ha cambiato il modo con cui usiamo la tecnologia

01/02/2021

Fatti gli affari tuoi

Cyberbullismo senza confini e ragazzi senza empatia. Le storie incredibili di intolleranza e di bullismo si aggiungono le une alle altre

27/01/2021

L'importanza della memoria

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo… ” scriveva Primo Levi

24/01/2021

Fermiamo i «giochi» estremi e mortali degli adolescenti

Fermiamoli! Non c’è tempo da perdere. Facciamoli crescere e diventare autonomi questi ragazzini se non vogliamo vederli morire a 10 anni per un assurdo gioco di imitazione, come è accaduto a Palermo

18/01/2021

Solitudine e isolamento in adolescenza, come aiutare i giovani

La solitudine è per chiunque una compagnia difficile e faticosa, ma l’isolamento lo è ancora di più perché tra l’una e l’altro c’è la dimensione dell’esclusione e il sentimento pesante della perdita di contatto con il mondo

10/01/2021

Una scuola da ricostruire in fretta

Non si fa che parlare della scuola e della didattica mentre la pandemia imperversa. Giustamente se ne parla

28/12/2020

Un lungo anno di paura e la strada che cura

Un lungo anno di paura, verrebbe da dire. O meglio, un interminabile tempo di angoscia che non si è ancora concluso. Perché non si tratta solo di paura, che è reazione di difesa a qualcosa di conosciuto, ma di fare i conti con l’indeterminato e l’invisibile

22/12/2020

Natale in lockdown con i figli, tempo da condividere

“Sarà un Natale diverso” è la frase che risuona di più in questi giorni. Lo abbiamo capito da un po’ a prescindere dalle indicazioni governative. Ma questo ritornello credo ci serva per prepararci alla ricorrenza da vivere quest’anno come una preziosa occasione relazionale e educativa

30/11/2020

Nuove forme di violenza sulle donne

La violenza sulle donne, di cui si parla in questi giorni di novembre, non diminuisce. Cresce invece e si trasforma, oppure si sposta dalla realtà al web e viceversa