22 Agosto 2021, 09.11
Blog - Maestro John

Mi scusi Presidente

di John Comini

Con il dovuto rispetto, mi son permesso di scrivere una lettera al nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in merito alla questione del maxi depuratore sul fiume Chiese. Chissà se gli arriverà e se la leggerà. Lo spero davvero! Sarebbe troppo bello!


Caro Presidente Sergio Mattarella,
sono un maestro, in pensione da qualche anno. Sono nato circa 70 anni fa a Salò, sul bel Lago di Garda, ed abito a Gavardo in Provincia di Brescia, dove scorre il bel fiume Chiese. Mi permetto di disturbarLa, in questo periodo già pieno di difficoltà e di apprensione (come non pensare alla sorte del popolo afghano?), per un problema che sta a cuore a molte persone: la sorte del fiume Chiese.

Da sempre ho una grandissima stima nei Suoi confronti, sia per la cordialità del Suo modo di essere, sia per la Sua profonda sensibilità verso i problemi sociali ed umani. Con un gruppo di gavardesi l’avevo incontrata sabato 13 ottobre 2018, quando –il giorno prima della Santificazione di Paolo VI– ci siamo recati ad una visita guidata al Palazzo del Quirinale. Quale sorpresa, negli splendidi e verdissimi giardini, vederLa  da lontano mentre camminava con alcune persone! L’abbiamo salutata, sorpresi ed emozionati. E Lei cos’ha fatto? Ci è venuto incontro, sorridente, stringendoci la mano, e salutando calorosamente il mio caro cognato Giovanni (ora in cielo), dopo aver saputo che era bisnonno. Quando Lei si è allontanato, molti, come me, erano commossi.

Ora, caro Presidente, mi permetto di scriverLe poche righe su una questione che riguarda il fiume Chiese. Da tempo si parlava delle fognature del Lago di Garda, che convergono da anni verso il depuratore di Peschiera. Si diceva che con una spesa non eccessiva si potevano risolvere alcuni problemi (sostituzione di condotte sublacuali, miglioramento tecnico… ).

Se ne parlava con serietà e senso civico, sia a livello istituzionale sia nelle varie organizzazioni in difesa dell’ambiente, per giungere ad una soluzione condivisa nell’interesse sia del Garda sia del Chiese.

Si stava giungendo ad una conclusione democratica, quando da Roma è stato deciso di affrettare l’iter per la costruzione di due maxi-depuratori a Gavardo e Montichiari, non tenendo conto del confronto e della mediazione fra Istituzioni pubbliche, comunali, provinciali e associazioni locali.

In questo momento, politici, sindaci e amministratori si stanno battendo nelle varie sedi per tornare ad una soluzione condivisa. Come pure le associazioni per l’ambiente e molti cittadini che, nonostante tutto, continuano a credere in una scelta democratica per la salvezza del fiume! Perché il fiume è storia, vita, sviluppo, economia, ricordi. Perché il fiume fa parte della vita di tutti noi.

Proprio in queste giorni il Comitato di coordinamento della civilissima protesta ha creato un Presidio nella bella Piazza Duomo a Brescia. Ora leggo che il Comitato chiede di incontrare proprio Lei, Signor Presidente, affinché vengano ascoltate le ragioni di salvaguardia del territorio del bacino idrografico del Chiese, che ha il diritto di ricevere lo stesso rispetto di ogni altro territorio. Magari, aggiungo io, i soldi risparmiati potrebbero essere utilizzati per migliorare sia il Garda sia il Chiese.

Potrei dilungarmi nella descrizione dei fatti, ma rischierei di essere tacciato di campanilismo. Perciò mi fermo qui. E poi, non sono un politico: se mi candidassi, forse neppure mia moglie mi voterebbe...

Don Milani scrisse: “Il problema degli altri è eguale al mio. Uscirne tutti insieme è la politica. Uscirne da soli è avarizia.”
Sento molti dire: tanto hanno già deciso tutto, tanto era già tutto previsto, tanto i potenti non cambiano mai… Spero tanto non abbiano ragione. Io per questo prego e pregherò ogni giorno. Chissà. Magari qualcuno cambierà idea. A scuola ho sempre insegnato ai miei bambini la correttezza ed il rispetto delle regole. Se capitava qualche bisticcio, i bambini erano invitati a parlarsi, a dire il proprio punto di vista. Fare pace significa perdere un po’ ciascuno per guadagnare il doppio.

Caro Presidente, so che Lei è molto impegnato in mille cose, ma spero tanto che, anche grazie al Suo competente gruppo di collaboratori, Lei trovi il tempo di ascoltare la versione dei fatti in modo oggettivo.

Caro Presidente Mattarella, tempo fa Lei ha dichiarato ad una scolaresca di essere vecchio, auspicando di potersi riposare tra pochi mesi. A parte il fatto che, nonostante i capelli bianchi, Lei è più giovane di tanti giovani! Coraggio, Presidente! Dedichi un po’ del Suo tempo prezioso per dare un’occhiata alla faccenda del fiume Chiese. So che Lei pensa come Papa Francesco, che ha scritto encicliche sulla Salvaguardia del Creato. Non sarebbe meraviglioso se lasciassimo alla future generazioni un ambiente più pulito, più bello?

Grazie, caro Presidente, Le mando un grande abbraccio. Mi permetta di dirLe che Le voglio bene. Con immutata stima,

Comini Giovanni
(maestro John per i bambini)

PS.- Il mio caro cognato Sergio Franceschetti, ora in Paradiso, raccontava orgoglioso di avere il Suo medesimo nome e di essere Suo coscritto! Con centinaia di alpini della Sezione di Salò Monte Suello, aveva svolto un’opera di pulizia dalla foce del lago d’Idro fino al tratto del fiume Chiese a Prevalle. La salvaguardia del territorio passa anche da queste bellissime iniziative.

Nelle foto:
1) L’incontro dei pellegrini gavardesi con il Presidente della Repubblica
2) Il gruppo davanti al Palazzo del Quirinale
3) Un’immagine della grande manifestazione del 12 gennaio 2020 a Gavardo
4) Un’immagine del Presidio in Piazza Duomo a Brescia



Aggiungi commento:
Vedi anche
02/06/2019 10:03:00

Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

08/04/2018 10:50:00

Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

31/03/2019 10:05:00

L'ora in più Un altro compleanno: 67! Ammazza! Ma da domani dirò 68, così mi abituo al tempo che passa e vola via 

12/05/2019 09:43:00

Dove sei stato mio bell'alpino? ...Ma a Milano, ovviamente, per festeggiare il centenario dell’Associazione! 

14/12/2020 16:10:00

A don Andrea, il ricordo di un amico Ci mancherà. Con il suo caratteristico copricapo “alla russa”, il suo sguardo curioso ed intelligente, il suo grande sorriso. Lo ricorda Antonio Abastanotti



Altre da Maestro John
24/10/2021

Vedi Napoli e poi... il Museo

Appunti sul viaggio a Napoli, e l’invito alla presentazione del libro sull’antico edificio canonicale, ora Museo Archeologico della Valle Sabbia

17/10/2021

Suor Liliana, Deni, Rita e...

Oggi volevo scrivere del mio viaggio a Napoli, ma ho alcune cose urgenti da ricordare: uno spettacolo, due compleanni, un addio e molto altro...

10/10/2021

L'Anto de Vistù la va en pinsiù

La mia amica Antonella Pialorsi di Vestone va in pensione. Proverò a fare un piccolo ritratto di “Anto” (com’è chiamata dai numerosi amici). Le ho poi chiesto di scrivermi le emozioni che sta provando: sono parole tenere e profonde, come lei...

03/10/2021

Don Cece e tanti amici a Limone

Che gioia! Monsignor Cesare Polvara è giunto al 45° anniversario di ordinazione sacerdotale. Giovedì tanti amici hanno festeggiato “don Cece” a Limone di Gavardo

26/09/2021

La ferriera, San Luigi e lo spiedo

Venerdì ho vissuto una bella serata alla Ferriera di Prevalle, accanto al fiume. Poi dirò della Festa di San Luigi, all’oratorio di Gavardo. Infine una simpatica poesia dedicata allo spiedo scritta dall’amica Manuela Bonacina di Sabbio

19/09/2021

Decalogo delle buone notizie

Leggermente depresso per questi tempi difficili e spesso bui, cerco di consolarmi con dieci buone notizie. AUDIO

12/09/2021

La vita è un romanzo

Vi invito a tre iniziative: la serata dedicata ai racconti dei nostri nonni e la presentazione di due nuovi libri, dell’amico Mauro Abastanotti e dell’associazione “La rosa e la spina”. Infine il ricordo di una buona persona di nome Osvaldo

05/09/2021

Seminario e dintorni

Oggi parlerò del Seminario e di quando volevo farmi prete. Ma prima vorrei ricordarvi alcune belle cose

29/08/2021

La Siùra Maria per el Cés e le perpetue

Con Paola Rizzi abbiamo creato il video “La Signora Maria per il Chiese” (lo trovate sotto: ridóm per mia pianzer!). Oggi parlerò delle “perpetue”, donne che si sono spese al servizio dei sacerdoti. VIDEO

15/08/2021

Madonna e Madonnine

Oggi, festa dell’Assunta, vorrei parlare delle varie santelle dedicate alla Vergine, ringraziare le persone che lottano per la salvezza del Chiese e ricordare una bella persona