18 Maggio 2020, 06.56
Racconti del lunedì

Si riparte

di Ezio Gamberini

Oggi comincia una nuova fase, in cui la maggior parte di aziende e negozi riprenderà la propria attività, rispettando le dovute prescrizioni...


L’ennesimo accordo, tra Governo e regioni, è stato raggiunto soltanto a notte fonda, tra sabato e domenica. Ieri, insomma. La confusione è palpabile, e probabilmente per qualche giorno “si navigherà a vista”.

Ho particolarmente apprezzato la prudenza del nostro parroco, che per qualche giorno rinuncerà a presiedere celebrazioni eucaristiche nella chiesa parrocchiale, a porte chiuse, preferendo cerimonie all’aperto, ogni sera, presso i cimiteri delle varie località.
Mi metto nei suoi panni, così come condivido le preoccupazioni di tanti titolari di bar, ristoranti, negozi, palestre:

“Rispetto delle distanze, sanificazione, responsabilità penali…”, mamma mia!

E’ difficile coniugare le doverose regole da rispettare
, per preservare la salute di ognuno, con la necessità di far ripartire il motore che ci sostiene economicamente, e senza il quale, è evidente, è impossibile mantenere uno stile di vita anche solo minimamente accettabile.

Come un raggio di sole è stata accolta la dichiarazione di ieri mattina del prof. Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, il quale ha affermato che:

“I dati dell’ultimo bollettino della Protezione Civile danno respiro, perché a dodici giorni dalle prime riaperture, la temuta impennata dei contagi non c’è stata”.


E ha poi proseguito:

“Sono dati belli, i migliori dall’8 marzo a oggi dal punto di vista della mortalità.
Si è ulteriormente ridotta la pressione sulle terapie intensive… Le misure di contenimento hanno impedito all’epidemia di dilagare al centro, al sud e nelle isole”.


Il dato è davvero positivo, e forse le immagini che provenivano dai Navigli milanesi, per le quali il sindaco Sala si è particolarmente “incazzato”, in cui numerosi giovanotti si scolavano allegramente enormi calici colmi di spritz, incuranti delle più elementari precauzioni riguardanti le distanze da mantenere e mascherine da indossare (non dimentichiamolo, obbligatorie all’aperto nella nostra regione lombarda, e le norme devono essere rispettate), sono state l’eccezione che conferma la regola.

Credo, infatti, che la stragrande maggioranza dei cittadini sia attenta e scrupolosa, e si affidi a una sorta di “buon senso” atavico.
Mi auguro in particolar modo che possano essere risolti i problemi che assillano le giovani famiglie, con bambini piccoli e genitori impossibilitati a prestare loro le dovute attenzioni: sia concesso di allestire centri estivi e ricreativi che, nella pur necessaria sicurezza, diano loro sollievo e sostegno.

Questo virus è davvero malefico!
Ho visto amici colpiti dal Covid-19 con i classici sintomi: febbre, polmonite, altri senza sbalzi di temperatura, ma con la completa perdita del gusto, altri ancora senza sintomi particolari ma con una prostrazione totale, tale da costringerli a letto un mese intero, senza voglia di mangiare, perdendo parecchi chili di peso, e infine alcuni morire dopo due o tre giorni di terribili crisi respiratorie.

Senza parlare degli anziani deceduti
, in numero impressionante e spesso “invisibili”, non conteggiati nei resoconti ufficiali e senza tampone, nelle case di riposo.

E’ poi curiosa e indefinibile
la sensazione che abbiamo provato Grazia ed io quando alcuni nostri amici, già in pensione o “reclusi” in casa, ci hanno confessato:

“Beati voi che andate al lavoro!”.

Fino a quando non sarà trovato il vaccino, con il coronavirus ci dovremo convivere.
Sappiamo che certe cose non le dobbiamo fare, anche se ci costa parecchio.

Personalmente, Grazia ed io non abbracciamo i nostri figli da tre mesi, e credo che ancora per un bel po’ ci sarà preclusa ogni sorta di appuntamento conviviale.
Ma non per questo li amiamo di meno, anzi, quando arriverà il momento, sarà ancora più bello ritrovarci tutti insieme attorno a una tavola apparecchiata.





Vedi anche
04/01/2021 10:30:00

Al via la campagna vaccinale anti Covid Nelle strutture pubbliche, tra cui l'Asst del Garda, si comincia già da oggi, lunedì 4 gennaio. In questa prima fase verranno vaccinati gli operatori sanitari e sociosanitari

06/11/2008 00:00:00

Raddoppiato il ricorso delle aziende bresciane La crisi economica comincia a farsi sentire anche nel bresciano e il ricorso alla cassa integrazione da parte delle aziende della provincia aumentato più del doppio nei primi dieci mesi del 2008, preoccupano lavoratori e sindacati.

30/04/2010 12:00:00

Si comincia dal quinto posto Riparte la stagione agonistica del “Moto Club de Vai” e nella prima prova di Vallelunga Daniel Sanca agguanta il podio con la nuova Yamaha R1 classe 1000.

06/06/2014 07:45:00

Residence Casa Gardola, a Tignale Gli appartamenti si trovano nel centro del paese Gardola, dove si svolge la vita quotidiana degli abitanti e dove è situata la maggior parte dei locali tipici, dei negozi e dei ristoranti

01/04/2013 08:30:00

Calcio a 5 arancioblù: ora inizia la fase finale La stagione regolare del calcio a 5 si è chiusa e dopo le gare di spareggio del 4 e 6 aprile comincia la fase finale che vedrà impegnate le migliori 8 squadre del calcetto arancioblù, pronte a contendersi il titolo provinciale



Altre da Racconti del Lunedì
16/11/2020

L'ultimo giorno

“Oggi è l’ultimo giorno”, mi dico un lunedì mattina, al momento del risveglio…

19/10/2020

Cinque chili di Morositas

Non è difficile farsi spedire a casa cinque chili di Morositas. E’ sufficiente scrivere un racconto su Vallesabbianews…

03/08/2020

Un vasetto in affitto

Usciamo dal lavoro e raggiungiamo il centro salodiano per acquistare l’ultimo romanzo di Camilleri: “Riccardino”…

06/07/2020

Una confessione imbarazzante

È dura dover confessare al proprio coniuge un’azione indegna, alla soglia dei sessant’anni: non mi era mai accaduto fino ad ora un evento così spregevole...

08/06/2020

Il tubetto del dentifricio

Non riesci mai a capire quando è finito il dentifricio, con questi tubetti di plastica che riprendono sempre la loro forma iniziale, anche se li spremi...
AUDIO

04/05/2020

A modo mio

Non si tratta della famosa macchinetta del caffè, bensì della maniera in cui trascorro l’ultimo fine settimana, prima di riprendere il lavoro a tempo pieno, lunedì 4 maggio…
AUDIO

28/04/2020

Nei giardini che nessuno sa

Coronavirus, bufale o realtà? “Inutile salvare obesi e fumatori…”, e ancora: “Gli ottantenni esclusi dalla terapia intensiva”...

20/04/2020

Una Pasqua sorprendente

E’ il giorno di Pasqua. Grazia ed io siamo a casa da soli. A mezzogiorno esatto, con una giornata meravigliosa, cielo azzurrissimo e sole splendente, apro tutte le porte e le finestre e “sparo” al massimo volume l’Hallelujah di Händel…

13/04/2020

Mamma

In occasione della scomparsa della loro mamma, dedico questo ricordo, pubblicato sette anni fa, al nostro direttore Ubaldo Vallini e alle sue sorelle Eliana e Nunzia. AUDIO

06/04/2020

Due fedelini al burro

Quando la mamma si alzava al mattino, ci metteva un secondo a capire che la sera prima ti eri cucinato due fedelini al burro…
AUDIO