28 Aprile 2019, 10.00
Gavardo
Blog - Maestro John

Alla Fiera di maggio...

di John Comini

...per due soldi lo zucchero filato mio padre comprò. Mercoledì 1° maggio inizia la Fiera di Gavardo e Vallesabbia, ma le giostre sono già arrivate, per la gioia dei bambini


Ci sono i mutamenti climatici, ma quando c’è la Fiera piove. Sempre. Il guaio è che se piovesse il 3 maggio, apriti cielo! “Se piöf el dé de Santa Crus, quaranta dé piuùs!” Ma non sempre Frate Indovino indovina…

Le prime edizioni fieristiche vennero ospitate prima nei locali dell’oratorio maschile, poi alle Scuole Elementari (dal 1963), quindi nelle nuove Scuole Medie dal 1975. Infine, dal 1986, al centro sportivo “Karol Wojtyla”.

Ricordi della Fiera…
Alla fiera di maggio per due soldi il “tirapicio” mio padre comprò, quel “tirapicio” che l’uomo che lo preparava lo tirava “ciccando” sulle mani…
E c’erano le bancarelle dove facevano il mandorlato che aveva un profumo intenso e buono.
Veniva un sacco di gente, anche dai paesi vicini, e nascevano avventure amorose.

“E ghera una gnara che l’è nada sögli autoscontri, ala fine l’è nada a chel dela casa a lamentass perché i gnari i ghera nacc adoss poche olte: -Non si fa così, non si fa! Ghera el calcinculo e i gnari i pagaa i giri ale gnare cosé se vidia i visticc per aria…”
E in una baracca della fiera: “Forza che è bello infilare l’anello!”

Ricordo un ragazzo con un sacco di gettoni, che invidia! Ma lui aiutava i giostrai a montare il luna park e poi poteva andare sulle giostre quanto voleva.

C’era la casa della streghina, con mio nipotino Marcello che è andato sulle automobiline dentro quel mondo di terrore e paura, tra urla di scheletri e fiamme infernali. Alla fine è uscito e gli ho chiesto: ‘Hai avuto paura?’ ‘No, tenevo chiusi gli occhi!’
E c’era il Tagadà, con i più ardimentosi della zona che si mostravano coraggiosi dinanzi alle ragazzine innamorate… e poi cadevano come salami.

Una donna piuttosto in carne era rimasta “enfrasada” sullo scivolo, e non riusciva più a scendere, tra le risate della gente. 
C’era una cosa fantastica, davanti all’Albergo Braga: il giro della morte svolto da centauri in tuta di pelle, due uomini e due donne, che si presentavano al pubblico sollevando le braccia e suscitando stupore e meraviglia.
E in piazza De’ Medici c’era una signora piuttosto scollata che invitava tutti ad entrare in un tendone, promettendo visioni magiche, proprio di fronte alla parrocchia: ricordo il severo sguardo di Monsignore…

E c’erano le trombe degli altoparlanti che diffondevano la pubblicità nostrana per le vie del paese.
E c’era un baracchino dove se piantavi diritto un chiodo nel legno guadagnavi una bottiglia di spumante.
E c’era la giostra dei bambini, che salutano la loro mamma e sono felici di salire sul cavallo o sulla macchinina. E il signore alla cassa: “Prendi la coda bambino, prendi la coda!” E se la mamma del bambino era avvenente, il bambino vinceva sempre, chissà perché.

E c’era la giostra dei dischi volanti, dove si facevano combattimenti da Star Wars, alla fine uno vinceva e faceva un altro giro “ a gratis”, e magari pensava di essere un vero pilota di guerra, ma chi decideva vittorie o sconfitte era sempre l’uomo alla cassa.
Alla fiera di maggio c’era la sfilata con banda e majorettes, ed era un bel sentire e un bel vedere. E poi i discorsi delle autorità: prefetti, presidenti provinciali o regionali, parlamentari, sottosegretari e altre autorità governative, sempre accompagnate dal sindaco. E, tra due carabinieri in alta uniforme e con i pennacchi, il taglio del nastro accanto ad una miss dal largo sorriso…
E poi il giro dell’esposizione dei prodotti artigianali, e

C’erano spettacoli serali all’aperto, presentati da Mike Buongiorno (1963), da Corrado con “Sanremo a Gavardo” (ripetizione delle canzoni finaliste al festival votate dal pubblico, 1964), con Wilma De Angelis ospite d’onore (1965) e con Nilla Pizzi, la “regina della canzone” (1966). Poi ci furono, tra gli altri, i concerti del Coro La Faita, i défilé di moda presentato da Mariolina Cannuli, Miss Italia (1995), il Concerto dell’Orchestra del Festival pianistico internazionale “Arturo Benedetti Michelangeli” diretta dal maestro Agostino Orizio  e la mostra della raccolta fotografica del Gruppo “Diateca Cesare Goffi” (2003). Ricordo di aver visto un bellissimo spettacolo della Loggetta al Teatro Salone.

E c’erano manifestazioni sportive e artistiche, come il Premio provinciale di Pittura  Felice Antonio Filippini (nato nel 1909 e scomparso proprio il giorno successivo alla Liberazione, il 26 aprile 1945, stroncato nel fiore dell’età a poco più di 35 anni) vinto nel 1982 da Silvio Venturelli con l’opera “La cava” e nel 1983 assegnato a Domenico Giustacchini per l’opera “Il maniscalco”.

La sera finale scoppiavano i fuochi artificiali.
Alla fiera di maggio per due soldi lo zucchero filato mio padre comprò…
E venne un temporale che mi bagnò tutto, ma io ero felice lo stesso e tutto l’anno aspettavo la fiera di maggio…

Ci sentiamo al 1° maggio, a Dio piacendo,

maestro John

Nelle foto:
1)Inaugurazione con il ministro Donat Cattin, il sindaco Gabriele Avanzi ed il caro Mario Mabellini che dirige la banda (anno 1975, foto di Giovanni Lavo)
2) La gente assiste al discorso fuori dal Comune
3) L’esposizione all’Oratorio maschile
4) Le giostre in Piazza Marconi (foto del grande Cesare Goffi)




Commenti:
ID80444 - 28/04/2019 11:08:51 - (Geppo1950) - direttamente dalla fiera

Già se non lo sapete il mio amico John abita a 10 cm dalla fiera, ma quello che ha detto è tutto vero, sfogliando le foto noto alcuni concittadini vivi e anche purtroppo morti, il tirapicio tanto buono quanto equivoco, ma allora con 1500 Lire alè per tutto il giorno oppure si mangiava lo zucchero filato quello bianco sul bastoncino, dai John che da casa tua ti godi tanta gioventù, tanto rumore, e anche tanta moglie, buona domenica

ID80446 - 28/04/2019 18:46:44 - (Venturellimario) -

Se non sbaglio, le prime edizioni le facevano dove ora c’è la biblioteca, almeno così mi hanno raccontato

Aggiungi commento:
Vedi anche
26/04/2020 08:00:00

I ricordi del fotografo Buccella Un tempo, se avevi la fortuna di possedere una macchina fotografica, dopo aver terminato il rullino dovevi recarti da un fotografo che ti avrebbe sviluppato le tue foto-ricordo. E a Gavardo quel fotografo è sempre stato il signor Domenico Buccella

26/01/2020 09:00:00

Sembra ieri Sfoglio l’album di foto di famiglia. Sembra ieri che ero bambino, e il tempo sembrava eterno. Le foto in bianco e nero restituiscono i ricordi, che giungono al cuore con la dolcezza e la malinconia dei fiocchi di neve…

04/07/2021 09:00:00

Pipe, toscani, sigarète e tabachì Molti fumano, io non ho mai fumato. In compenso fin da bambino respiravo tabacco nei bar, nelle osterie, al cinema, in pizzeria. Si fumava dappertutto, tranne in chiesa

29/04/2021 10:10:00

La zia Cìa e i ricordi del nipote Paolo Un mese fa ha concluso la sua esistenza terrena la signora Lucia Massolini vedova Bosio. Grazie ai ricordi del nipote Paolo Catterina, che la chiama “zia Cìa”, posso tratteggiare un piccolo omaggio ad una bella persona ed alla sua grande famiglia.

07/01/2018 10:00:00

Valore assoluto Chi era don Lorenzo Milani? Perché, a cinquant’anni dalla morte, ci si continua ad interrogare sulla sua vita, sulla sua opera educativa?



Altre da Gavardo
26/10/2021

Rigenerazione urbana, un convegno per amministrazioni e professionisti

Focus sulla legge regionale 18/19 per amministrazioni pubbliche e professionisti questo giovedì nel convegno organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia

26/10/2021

Fondi per le reti irrigue

Stanziamento regionale per i consorzi di bonifica per opere idrauliche: 3 milioni anche per il Naviglio Grande Bresciano

25/10/2021

Anche il calcio scende in campo contro il depuratore

Ieri nel “Derby del Chiese” fra Bedizzolese e Prevalle manifestazione e striscioni contro il progetto dei due maxi depuratori delle fogne dei comuni gardesani

22/10/2021

Frontale lungo la 45Bis

Ancora uno scontro frontale lungo la tangenziale che da Mazzano porta al lago e in Valle Sabbia. Ancora una volta nel tratto fra le uscite di Gavardo e di Prevalle

21/10/2021

La Fondazione Quarena apre il bando per le borse di studio

I giovani residenti a Gavardo e Bedizzole hanno tempo fino a metà novembre per fare domanda e partecipare al bando indetto dall'ente gavardese

21/10/2021

«Iconografia musicale in Valle Sabbia»

Sarà presentato questo sabato l'ultimo libro di Giovanni Baronchelli che raccoglie una ricerca dedicata agli elementi mucari presenti nelle opere pittoriche e scultoree custodite in chiese, santuari e residenze private della valle

20/10/2021

Depuratore alla sinistra del Chiese, i cittadini non ci stanno

Spostare la collocazione dell'impianto sul lato opposto del fiume, come suggerito da Ato al Commissario, significherebbe demolire le abitazioni presenti. Residenti e proprietari preparano le barricate

20/10/2021

Depurazione del Garda, Regione vota a larga maggioranza la mozione Girelli

Regione Lombardia chiederà al Governo di rivedere le decisioni assunte in precedenza e riprendere il percorso interrotto, seguendo un iter istituzionale condiviso con tutti gli Enti coinvolti

20/10/2021

In arrivo Case e Ospedali di comunità

Con i fondi del Pnrr anche Regione Lombardia sta ridisegnando la sanità territoriale con due nuove tipologie di struttura. Novità anche per la Valle Sabbia

19/10/2021

La storia del Brescia: uomini, calcio, passioni, emozioni

Una serata di musica e sport con la presentazione di un libro sul Brescia Calcio, con ospiti gli ex calciatori Marco Zambelli ed Emanuele Filippini, il cantante Omar Pedrini e molti altri