15 Agosto 2021, 08.00
Gavardo
Blog - Maestro John

Madonna e Madonnine

di John Comini

Oggi, festa dell’Assunta, vorrei parlare delle varie santelle dedicate alla Vergine, ringraziare le persone che lottano per la salvezza del Chiese e ricordare una bella persona


Mia mamma a Salò pregava nella chiesetta della Madonna del Carmine e si recava in pellegrinaggio alla Madonna del Rio, immersa nel verde. Da bambino, all’asilo delle suore Orsoline (stupenda la cinquecentesca Chiesa di Santa Maria degli Angeli) giocavo nel brolo, accanto alla Madonnina (non so se ci sia ancora).

Nella mitica colonia di Livemmo facevamo la passeggiata verso la Madonnina.
Con quelli dell’Oratorio ero salito verso la Madonna della Neve, l’antico santuario sul monte Renico. A Villanuova ho avuto la fortuna di incontrare l’indimenticabile Aldo Arrighi e la sua bella famiglia, in località Valverde, dove si festeggia la Madonna dell’Assunta nella bella Chiesetta.

Quando insegnavo a Prevalle ci siamo recati con i bambini e con le maestre Franca Filisina e Vanna Ferraboli alla Madonna del Carrozzone, dove l’amico Paolo Catterina ci raccontava la storia del Santuario. Ho partecipato alle Messe presso il Santuario della Madonna del Mangher, nella fresca Vallio Terme.

Mi sono recato con la mia attuale moglie a Caravaggio, a Lourdes (ma la prima volta abbiamo trovato chiuso…) e al Santuario di Paitone dove, dopo un anno in cui una ventina di coppie di coniugi si sono avvicendate nella gestione dell’Eremo Effatà, ora ci sono tre Suore della Congregazione delle “Sorelle dell’immacolata”: Suor Josephine, Suor Maryann e Suor Yuliana. È bello sentirle cantare e pregare.
Con il Teatro Gavardo e gli amici del Coro La Faita diretto dal M.º Valerio Bertolotti, abbiamo fatto una rappresentazione in occasione delle Feste Decennali della Madonna della Rocca. Approfitto per salutare la mia amica Manuela Bonacina e la sua meravigliosa famiglia.

Quando mio nipote Rosario Ardesi e la bella Alice Foglio si sono sposati, mi ha commosso il momento in cui si sono recati dinanzi all’altare laterale dov’è esposta la Madonna di San Luca, nella splendida chiesa di San Giorgio a Bagolino.

Tempo fa, il 15 agosto, a Gavardo c’era la processione solenne: la statua della Madonna veniva portata a San Rocco (inconfondibile il suono delle campane!) e la statua di San Rocco si trasferiva nella parrocchiale. Il 16 agosto il contrario. Poi per il traffico, da un po’ di anni la statua della Madonna viene lasciata nella chiesa di San Rocco, e riportata nella parrocchiale la prima domenica di ottobre, vicina al 7, festa della Madonna del rosario. Il rosario! Quanti ne ho recitati, a casa in famiglia, come chierichetto, e adesso quando cammino.
La Madonna è in testa a tutte le classifiche di invocazione. Dicono che Gesù sorridendo si lamenti: “Non c’è niente da fare. Anche quelli a cui San Pietro chiude la porta del Paradiso, mia Madre li fa entrare dalla finestra!”

La Madonna è una sola, ma ci sono tante santelle, edicole votive testimonianza della devozione popolare verso la Madre di Gesù. Molte furono realizzate perché la Madonna intercedesse per scongiurare le malattie degli uomini e delle bestie, propiziare i raccolti, calmare la furia degli elementi naturali. Ma ci sono anche le crocifissioni straordinarie, affreschi stupendi all’interno di case di origine nobiliare, e piccole ma meravigliose Madonne… Ora passo in rassegna alcune santelle e affreschi gavardesi: se farò qualche errore, dirò un rosario in più!

La chiesa della “Madóna dei osèi”, l’affresco in località Marsina, in via Fornaci (ex fabbrica laterizi), sul muro della Chiesa di San Rocco (un affresco ormai deteriorato dal tempo e dal traffico), Regina Pacis all’imbocco di Via Fornaci (costruita nel 1946, per un ex voto), in fondo a via Giovanni Quarena (vicino alla rotonda), la cappella in località Bolina, l’affresco in via Quarena (ex Albergo Braga), le belle santelle di Via Monte, verso il Monticello (Via Crucis), in via San Pellegrino, nella zona delle Case Nuove (una bella Madonnina posata molti anni fa dal Doriddo Bertuetti), il crocifisso in Via del Signurì (chiamata così proprio per la santella), in via delle Madonnine (“Devoto passegger/non ti sia grave/fermare il passo/ e recitare un’Ave”), in località Büsela, in via Roma (il crocifisso ricorda l’ingresso del Parroco don Francesco Zilioli nel 1972), in via Molino, in piazzetta San Bernardino (con la statua del santo), in via Elisa Baldo (edicola sacra sul muro di Casa San Giuseppe) ed un bell’affresco più su.

Ma ci sono anche a Rampeniga, sul colle di San Martino. A Sopraponte in Piazza Anderloni e in via Villa in via Borzina (Madonna delle castagne), in via Vrenda, a Caderusso, in località Casalicolo, per il Magno contro la peste e una “Fuga in Egitto”, sulla strada per le “pöle, alla Colonia di Magno “Beata Vergine di Fatima”, in Selvapiana. A Soprazocco in Via Orefici e in Via Piazze, in via Bariaga, in via Bagozzi. A Limone accanto all’altar maggiore c’è l’altare dell’Immacolata.

Da sempre, per tutto il mese di maggio le varie zone recitano il rosario presso le Santelle. E proprio venerdì scorso l’instancabile don Italo (monsignore…ma non troppo) ha celebrato la Messa alla Madonna del Rì, in mezzo ai campi vicino al villaggio La Meridiana.

Angelo Susio, papà di Stefano (di cui ho apprezzato la mostra di cartoline all’Isolo), aveva scritto una bellissima filastrocca in dialetto sul Ponte, dal titolo “Cisuline, Sincète, Cruss, Santèle e Altarì”, che è stata lo spunto per il libro fotografico “Gavardo da salvare trent’anni dopo” (Grafo edizioni). Scriveva:
“La sincèta piö granda l’è chèla che ghè per nà al Büdilù
che l’è ciamada amo ‘ncö ‘èl Sincitù’…
(e concludeva)
Pöl dass che a fa cozé, le nosse popolassiù
le turne a ricordass dèle antiche tradisiù
e le préghe de piö i Sancc, la Madona e ‘l nòs Signur
perché töcc i òm i gàbes la grassia de ulìss bé ‘n tra lur!”

Ho scoperto che ci sono la Madonna del Fiume, la Madonna del Lago ed il santuario della Madonna dell’Acqua. A Lei dedico la mia personale preghiera per il fiume Chiese: “Cara Madonna dell’Acqua, Ti prego, in questa Valle di lacrime: illumina le menti dei politici, talvolta annebbiate dai giochi di potere. Fa che salvino il fiume Chiese, un fiume che ha bisogno di rispetto, di protezione, un fiume che non va bistrattato per nessun motivo. Ti preghiamo, Madonna dell’Acqua. Amen.”

Ammiro i ragazzi delle molte associazioni ambientaliste che si stanno sacrificando a Brescia, nel presidio davanti al Broletto, sede della Prefettura e della Provincia. In questi giorni di caldo atroce, anziché andare al fresco dei boschi, del mare (o del lago…), spendono il proprio tempo delle vacanze per difendere il fiume Chiese. Grazie ragazzi, per me siete un vero esempio di civiltà! Se potessi vi abbraccerei uno ad uno, ma fa troppo caldo, eh eh eh! Caro Presidente Mattarella, dia un’occhiata alla faccenda! C’è sempre tempo per cambiare in meglio!

Per finire, vorrei ricordare una bella persona che ci ha lasciato, Angelo Onger, giornalista bresciano. Quand’ero giovane, ho lavorato con lui per alcuni mesi alla rivista “Madre” diretta da don Mario Pasini, e l’ho apprezzato per la grande sensibilità umana e cristiana. È stato direttore di “Madre”, ha lavorato alla Voce del popolo, a Radio Voce, a Battaglie Sociali ed a Radio Raphael. Sua nipote Chiara, figlia di suo fratello Giancarlo (maestro responsabile dell’Ufficio Bisogni educativi speciali dell’Ufficio Scolastico provinciale), ha scritto con Chiara Abastanotti “Il colore della pioggia” sulla strage di Piazza Loggia, da cui con gli amici del Teatro Gavardo abbiamo tratto un commovente spettacolo.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo. W il fiume Chiese!

maestro John

Nelle foto:
1) La processione con la statua della Madonna (accanto il caro Cesare Cavagnini, che frequentava spesso il Santuario di Paitone)
2) La Madonnina di Livemmo
3) Mio nipote Stefano Comini da bambino, davanti ad una santella che c’era vicino a Piazza Aldo Moro
4) Amici, sindaci, menestrelli e maestri poeti al presidio davanti alla Prefettura
Qui sotto, il link (grazie a Giusi Zabbialini) dove l’amico Fabrizio Landi declama una sua composizione: "Èl ragionament del Ces col Sarca"
https://fb.watch/7kMBEhcLxF/




Aggiungi commento:
Vedi anche
02/06/2019 10:03:00

Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

08/04/2018 10:50:00

Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

31/03/2019 10:05:00

L'ora in più Un altro compleanno: 67! Ammazza! Ma da domani dirò 68, così mi abituo al tempo che passa e vola via 

12/05/2019 09:43:00

Dove sei stato mio bell'alpino? ...Ma a Milano, ovviamente, per festeggiare il centenario dell’Associazione! 

14/12/2020 16:10:00

A don Andrea, il ricordo di un amico Ci mancherà. Con il suo caratteristico copricapo “alla russa”, il suo sguardo curioso ed intelligente, il suo grande sorriso. Lo ricorda Antonio Abastanotti



Altre da Gavardo
26/10/2021

Rigenerazione urbana, un convegno per amministrazioni e professionisti

Focus sulla legge regionale 18/19 per amministrazioni pubbliche e professionisti questo giovedì nel convegno organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia

26/10/2021

Fondi per le reti irrigue

Stanziamento regionale per i consorzi di bonifica per opere idrauliche: 3 milioni anche per il Naviglio Grande Bresciano

25/10/2021

Anche il calcio scende in campo contro il depuratore

Ieri nel “Derby del Chiese” fra Bedizzolese e Prevalle manifestazione e striscioni contro il progetto dei due maxi depuratori delle fogne dei comuni gardesani

22/10/2021

Frontale lungo la 45Bis

Ancora uno scontro frontale lungo la tangenziale che da Mazzano porta al lago e in Valle Sabbia. Ancora una volta nel tratto fra le uscite di Gavardo e di Prevalle

21/10/2021

La Fondazione Quarena apre il bando per le borse di studio

I giovani residenti a Gavardo e Bedizzole hanno tempo fino a metà novembre per fare domanda e partecipare al bando indetto dall'ente gavardese

21/10/2021

«Iconografia musicale in Valle Sabbia»

Sarà presentato questo sabato l'ultimo libro di Giovanni Baronchelli che raccoglie una ricerca dedicata agli elementi mucari presenti nelle opere pittoriche e scultoree custodite in chiese, santuari e residenze private della valle

20/10/2021

Depuratore alla sinistra del Chiese, i cittadini non ci stanno

Spostare la collocazione dell'impianto sul lato opposto del fiume, come suggerito da Ato al Commissario, significherebbe demolire le abitazioni presenti. Residenti e proprietari preparano le barricate

20/10/2021

Depurazione del Garda, Regione vota a larga maggioranza la mozione Girelli

Regione Lombardia chiederà al Governo di rivedere le decisioni assunte in precedenza e riprendere il percorso interrotto, seguendo un iter istituzionale condiviso con tutti gli Enti coinvolti

20/10/2021

In arrivo Case e Ospedali di comunità

Con i fondi del Pnrr anche Regione Lombardia sta ridisegnando la sanità territoriale con due nuove tipologie di struttura. Novità anche per la Valle Sabbia

19/10/2021

La storia del Brescia: uomini, calcio, passioni, emozioni

Una serata di musica e sport con la presentazione di un libro sul Brescia Calcio, con ospiti gli ex calciatori Marco Zambelli ed Emanuele Filippini, il cantante Omar Pedrini e molti altri