09 Dicembre 2020, 07.41
Idro
Blog - Cartoline dalla Valle Sabbia

La tranquilla poesia del lago d'Idro

di Alfredo Bonomi

Il lago d’Idro porta nel nome anche la tradizione di una leggenda che lo ancora a miti antichissimi


Si dice che sulle sponde di questo specchio d’acqua, guardato e vigilato da una corona di monti, Ercole abbia ucciso l’Idra, una creatura certamente spaventevole, in una delle sue “fatiche”.

Il dottissimo Leandro Alberti nella sua opera poderosa intitolata “Descrizione di Tutta l’Italia di F. Leandro Alberti, bolognese, nella quale si contiene il sito di essa, l’origine…” edita a Venezia dal valligiano Pietro dei Nicolini da Sabbio nel 1551, scrive riferendosi al nome del lago: «…Benchè dicano alcuni che acquistasse tal nome dall’Idra, uccisa da Ercole figlio di Giove e d’Alcmena presso questo lago».

Non è citazione da poco perché questo importante libro, di ben 424 pagine, è uno dei primi a descrivere in dettaglio la geografia dell’Italia, sulla scia della famosissima “Italia illustrata” di Flavio Biondo.
L’Alberti si definisce «geografo topografo ed historico insieme», più precisamente scrive secondo le fonti uscite sulla materia prima della sua opera e secondo la sua conoscenza diretta dei territori che va descrivendo.

Se l’Alberti scrive del lago d’Idro alla metà del 1500 e si è soffermato sull’origine del suo nome, alcuni scrittori più recentemente hanno lasciato le emozioni provate alla vista del lago fissandole in contesti letterari. E’ il caso di Luigi Sacchi e di Arrigo Boito nel 1800 e di Riccardo Bacchelli alla metà del 1900. Nei loro scritti fa capolino anche una visione un po’ malinconica del lago d’Idro, forse perché non ha la luce “mediterranea” del Garda.

Ma l’”atmosfera” dell’Eridio non si esaurisce in questa “visione”.

Per verificare emozionalmente il fascino del lago d’Idro è indispensabile la vista che si abbraccia dal lungolago di Lemprato, da quel luogo dove, sino ad alcuni decenni fa, le antiche dimore digradanti dal dosso di “Castello Antico”, quasi si univano all’acqua.

Sostando ad osservare ciò che si presenta allo sguardo, si rimane emozionati.
Il mito dell’Idra rivive nella connotazione geografica che ha, nel medesimo tempo, tocchi di austerità, ma anche richiami di dolcezza.
Le montagne che in qualche punto sembrano cadere nel lago, si rispecchiano in esso, e l’acqua che accumuna il grigio di quella dei torrenti e l’azzurro degli specchi di acqua più vasti, ha atmosfere colorate speciali ed a tratti bellissime.

E’ proprio in questo crogiolo di monti e di acqua che sta il segreto della bellezza del lago d’Idro.
E’ un lago che abbonda di tranquilla poesia, in perfetta linea con il vero carattere dei valligiani, nei quali la pudicizia dei sentimenti è di tale spessore che, quando si scopre, non si lascia più dimenticare.

Lo scenario che si coglie da Lemprato
può essere definito un “quadro naturale” in equilibrio con l’animo degli abitanti che nel corso dei secoli hanno popolato le sue rive.
Si manifesta una bellezza, discreta nel porsi, ma tanto vera da “colloquiare” con assoluta autenticità con l’animo umano.

Alfredo Bonomi




Aggiungi commento:
Vedi anche
01/12/2020 06:34:00

Il «paradiso dorato» dei Boscaì L’ancona dell’altare maggiore della chiesa parrocchiale di Levrange, uno scenografico “paradiso dorato”, capolavoro dei Boscaì

18/01/2018 09:24:00

Oltre gli algoritmi "L'ingranaggio opprimente della burocrazia centrale e periferica" è il titolo che il professor Alfredo Bonomi ha dato a questo suo interessante quanto inedito sfogo

26/01/2021 07:39:00

Una «sentinella di fede» lungo la via Regia Dopo l’abitato di Barghe la valle si restringe...



Altre da Idro
15/02/2021

Pulmini... al barolo

Per la prima volta, almeno in Valle Sabbia, i Fondi dei Comuni di confine vengono spesi anche per le municipalità "di seconda fascia"

06/02/2021

Contributi a fondo perduto per le attività

Il Comune ha indetto un bando per sostenere le attività economiche, artigianali e commerciali con sede in paese, al fine di contenere l'impatto economico dell'epidemia da Coronavirus

21/01/2021

A ricordo del collega Giorgio Zaninelli

Profondo cordoglio ha destato fra i colleghi la prematura scomparsa del 52enne di Idro. La vicinanza alla famiglia

21/01/2021

Traversa del lago d'Idro, arriva il commissario

L'opera, già a lungo progettata, è stata commissariata per accelerarne la realizzazione. Obiettivo la creazione di una galleria che permetta l'evacuazione delle portate anche in caso di frana

08/01/2021

Open day virtuali all'Istituto Perlasca

Imprescindibili in un periodo in cui organizzarli in presenza è impossibile, gli open day dell'Istituto superiore valsabbino sono in programma per la settimana prossima

04/01/2021

Alla Fattoria «La Mirtilla» tra natura e animali

Inaugurata poco più di un anno fa a Idro, la fattoria offre a persone con disabilità, ma anche a bimbi e anziani, la possibilità di partecipare ad attività e laboratori a contatto con gli animali

03/01/2021

«Bike3Lands», passione per la bici e il territorio

E' quella del giovane architetto Davide Toselli, che a Idro ha dato vita prima ad un'associazione e poi anche ad un negozio attivi nel settore del cicloturismo locale

30/12/2020

«Piano Archimede» per le scuole superiori

È quello varato dal Broletto con uno stanziamento di 46 milioni di euro per mettere a nuovo gli istituti bresciani, compreso il “Perlasca” di Idro e Vobarno

26/12/2020

Opere non conformi al capitolato, fermi i lavori al Municipio

L'Amministrazione del Comune valsabbino si è vista costretta a chiedere la risoluzione del contratto con la ditta incaricata dei lavori di riqualificazione energetica e sismica

22/12/2020

Ventidue opere con fondi regionali

Il consigliere regionale valsabbino della Lega, Floriano Massardi: “Oltre 12 milioni di euro impegnati nel bilancio di previsione 2021-2023 per il territorio bresciano con i miei ordini del giorno per la realizzazione di importanti opere nei comuni nei comuni bresciani”