07 Ottobre 2007, 00.00
Odolo
Ferriera Valsabbia

Al lavoro, con tranquillità

di val.

Hanno ripreso a lavorare un po' più contenti del solito gli operai della Ferriera Valsabbia, dopo 24 ore trascorse a chiedersi che ne sarebbe stato del loro posto di lavoro. Manifestazioni di solidarietà nei confronti dell'azienda.

“Qualcuno magari pensa: già che c’erano potevano tenerla chiusa anche sabato e domenica quell’azienda. Certo un discorso del genere non lo facciamo noi che ci lavoriamo là dentro, più volentieri ancora il sabato e la domenica perchè grazie alla maggiorazione del festivo a fine mese ci ritroviamo la busta paga un po’ più pesante, roba che non guasta di questi tempi”.

Sarà per lo scampato pericolo, rispetto al rischio di perdere in quattro e quattr’otto il posto di lavoro, sarà perché la giornata si preannunciava tipicamente autunnale e poco adatta per le attività dello svago, ieri gli operai del Valsabbia sono tornati al lavoro forse più volentieri del solito.
Timori per la salute? E’ stata la domanda a un gruppetto di tre: “Ci hanno fatto le analisi del sangue a tutti che saranno quando, due anni fa? Ci hanno trovati sani né più né meno come gli altri odolesi. Se è vero che la vicenda contestata all’azienda risale al 2.005 come ci è stato detto non vediamo di che preoccuparci”.

Parole pronunciate in libertà, lontane dalle orecchie dei “capi” e protetti dall’anonimato, quindi parole “sentite” come vere.
Del resto nessuno, nemmeno il giorno del sequestro o quello seguente, aveva nemmeno immaginato la connivenza della direzione della Ferriera Valsabbia con l’ecomafia campana o lombarda che fosse.

E non perché i Brunori vengano considerati dei santi: “I padroni fanno i loro interessi, d’accordo – ti dicevano gli operai se gli andavi vicino e li ascoltavi -. Però questi vivono la fabbrica con noi nel laminatoio e in fonderia, ci conoscono uno a uno e respirano la nostra stessa aria. Vuoi che per guadagnare un po’ di più si mettano ad avvelenarci e ad avvelenarsi?”.
La fiducia nella famiglia di imprenditori a capo della Ferriera Valsabbia non è certo un dogma, c’è anche chi con loro ha il dente avvelenato da un pezzo. Però, per gran parte degli odolesi e dei valsabbini, è chiaro che “se accadono lì dentro queste cose, chissà nelle altre aziende”.

Ai Brunori, insomma, in qualche modo viene riconosciuta la capacità di seguire negli anni l’evoluzione della coscienza ecologica. Magari un passo indietro a quello che vorrebbero i sindacati o le associazioni di ambientalisti, ma sempre primi fra gli imprenditori del settore.
Una scelta che ha portato alla continua innovazione degli impianti tenendo conto dei costi della produzione (cosa che ha permesso loro di essere all’avanguardia e di reggere nel tempo anche il mercato), ma anche della salute dei lavoratori.

Che l’avvocato Stefano Mendolia sia convinto che “Gian” Brunori sia estraneo a quanto gli viene imputato è cosa ovvia.
Però lo sono anche i lavoratori e questo era meno scontato.


Aggiungi commento:
Vedi anche
07/05/2010 09:00:00

Ferriera Valsabbia, ancora un anno di «solidarietà» Accordo fra azienda e lavoratori per il rinnovo del contratto di solidarietà alla Ferriera Valsabbia di Odolo e Sabbio Chiese per ulteriori dodici mesi.

30/04/2013 14:23:00

Valsabbia: scade il contratto di solidarietà Questo venerdì 3 maggio scadrà il quarto, e probabilmente ultimo, anno di contratti di solidarietà per la Ferriera Valsabbia.

15/11/2019 06:58:00

Buon compleanno Valsabbia Passato, presente e futuro: niente di meglio di un museo come quello odolese del Ferro, che apre volentieri alle nuove generazioni, per fare da “location” alla celebrazione dei primi 65 anni della Ferriera Valsabbia

08/07/2016 07:52:00

Ferriera Valsabbia: 2015 di ripresa Per l'azienda odolese l’esercizio 2015 si è chiuso con un risultato negativo nettamente inferiore a quello dell’esercizio precedente, grazie all’aumento dei ricavi delle vendite a al miglioramento della redditività della gestione industriale

18/03/2011 10:46:00

Nuovo «assetto» al Valsabbia Doppio accordo, azienda-sindacati, alla Ferriera Valsabbia di Odolo, con l'obiettivo anche di arginare gli effetti del costo dell'energia.



Altre da Odolo
16/10/2021

Automazioni Industriali Capitanio sul mercato tedesco

La società valsabbina ha rilevato circa metà della tedesca Kern Industrie Automation (Kia), i cui prodotti e servizi andranno ad integrare e ampliare quelli dell'azienda con sede a Odolo e a Torbole Casaglia

11/10/2021

Nonna Marisa e la piccola Vittoria

Nè il vetro che le divideva nè la pandemia hanno potuto rendere meno speciale il primo, indimenticabile incontro di nonna Marisa con la bisnipote

21/09/2021

Cade dal cassone e vola via in elicottero

Infortunio sul lavoro all’interno della Ferriera Valsabbia di Odolo. A farne le spese un camionista sessantenne di Caserta

21/09/2021

Una giornata al lago

È quella che hanno vissuto alcuni ospiti della Rsa di Odolo accompagnati dal personale e da alcune volontarie

09/09/2021

Si conclude con «Ahi Maria!»

Ultimo spettacolo in cartellone per la rassegna estiva Acque e Terre Festival che vedrà ancora una volta sul palco Paola Rizzi nei panni dell'inossidabile signora Maria

31/08/2021

Ecco i soldi per il bunker

Un milione di euro per realizzare un bunker alla Iro capace di contenre i fumi radioattivi dell'incidente del 2018. Ancora però dev'essere approvato il progetto

28/08/2021

Odolo solidale

La casa odolese di Atullah Solozai è vicina a quella del sindaco, Fausto Cassetti: «Una famiglia di persone tranquille, gran lavoratori gli adulti, apprezzati in azienda, figli educati e rispettosi, come dei nostri se ne vedono pochi» ci dice

28/08/2021

Un filo diretto con Kabul

L'intera comunità odolese in apprensione per Lailamah e il piccolo Abdallah, nato solo pochi mesi fa a Gavardo. Sono scampati per poco all'attentato, ma non sono riusciti a rientrare in Italia. Alla Giovanni Pe abbiamo incontrato papà Atullah

22/08/2021

Un principe rinascimentale

Riceviamo e pubblichiamo volentieri, dedicati al Gian, questi versi

22/08/2021

L'ultimo saluto al Gian

La valsabbia intera, commossa e riconoscente, del lavoro e degli affetti, ha accompagnato Gian Brunori nel suo ultimo viaggio

boxlat.inc.html
Odolo, il paese la sua gente

La Fucina di Pamparane

14/04/2020

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

14/04/2020

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo

14/04/2020

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi