04 Ottobre 2007, 00.00
Odolo
Rifiuti tossici 3

Increduli gli stessi operai

di val.

Numeri inequivocabili quelli che riguardano le performance economiche del la Ferriera Valsabbia capitanata da Gianbattista Brunori e dal figlio Ruggero. Numeri indicativi di un’azienda sana ed in piena corsa.

412 milioni di ricavi nel 2006 con il 25% del prodotto che ha varcato i confini nazionali. Rispetto al 2005, quando le vendite erano state 309 milioni (298 realizzati in Italia, 59,7 nella Unione Europea e 39,8 fuori dall’Ue), la crescita era stata del 33%. Sempre riferendosi al 2006 sensibili miglioramenti c’erano stati anche per altri indicatori: il roe del 13,5%, la redditività delle vendite al 6, 77%, il rapporto utile/fatturato del 4,33%.
E poi ancora la crescita dell’ebitda a 47,6 milioni con un +153% rispetto all’anno precedente, così anche per il cash flow che da 19,2 milioni è lievitato fino a 36,9.

Numeri inequivocabili per gli intenditori, che testimoniano come la Ferriera Valsabbia capitanata da Gianbattista Brunori e dal figlio Ruggero sia un’azienda sana ed in piena corsa, frutto di una gestione da sempre attenta all’innovazione tecnologica perché è l’unica che “paga” in termini di efficienza nel lungo periodo.
Un impegno che negli ultimi anni è andato intensificandosi con la ricerca delle migliori soluzioni tecnologiche per prevenire l’inquinamento e per consumare di meno (che resta la vera sfida per ridurre le emissioni).

Una particolare attenzione nei confronti dell’ambiente che sarebbe dimostrata dagli investimenti complessi e nell’ordine delle decine di milione di euro per realizzare adeguate strutture e nell’aggiornamento del personale. I primi a riconoscere questa assunzione di responsabilità da parte dell’azienda, e non da ieri, sono gli stessi operai ai quali nulla sfugge del loro ambiente di lavoro.

Possibile che sotto il loro sguardo vigile siano entrati nel ciclo di produzione materiali palesemente non conformi alla normativa?
Questo almeno sarebbe quanto danno ad intendere le indagini.
A Odolo sono in molti a sperare che tutto possa risolversi alla svelta.


Aggiungi commento:
Vedi anche
11/03/2020 13:31:00

Chiude la Ferriera Valsabbia Quasi tutti a casa i 300 addetti. «Anche questo è responsabilità d’impresa» afferma Ruggero Brunori

03/05/2021 07:49:00

«Attenti ai bisogni del nostro territorio» E’ stata costituita nei giorni scorsi la Fondazione Ferriera Valsabbia ETS. Fra gli scopi principali la tutela del patrimonio culturale e la formazione. Sostanziosa già la dotazione iniziale

15/10/2008 00:00:00

21 anni, pochi per morire di lavoro Da sempre convinto assertore della necessità di una cultura della sicurezza in fannrica, Ruggero Brunori, patron della Ferriera Valsabbia, parla dell'incidente mortale che si è verificato nella sua azienda.

05/10/2007 00:00:00

«Tutti a Napoli se non riparte» Le rassicurazioni via telefono di Gian Brunori, i dubbi ed i timori per la salute dei lavoratori.
Giornata convulsa ieri a Odolo, fatta di incontri interlocutori, speranze e poca chiarezza.
Massima fiducia di operai e sindacati per l'azienda.

07/10/2007 00:00:00

Al lavoro, con tranquillità Hanno ripreso a lavorare un po' più contenti del solito gli operai della Ferriera Valsabbia, dopo 24 ore trascorse a chiedersi che ne sarebbe stato del loro posto di lavoro. Manifestazioni di solidarietà nei confronti dell'azienda.



Altre da Odolo
16/10/2021

Automazioni Industriali Capitanio sul mercato tedesco

La società valsabbina ha rilevato circa metà della tedesca Kern Industrie Automation (Kia), i cui prodotti e servizi andranno ad integrare e ampliare quelli dell'azienda con sede a Odolo e a Torbole Casaglia

11/10/2021

Nonna Marisa e la piccola Vittoria

Nè il vetro che le divideva nè la pandemia hanno potuto rendere meno speciale il primo, indimenticabile incontro di nonna Marisa con la bisnipote

21/09/2021

Cade dal cassone e vola via in elicottero

Infortunio sul lavoro all’interno della Ferriera Valsabbia di Odolo. A farne le spese un camionista sessantenne di Caserta

21/09/2021

Una giornata al lago

È quella che hanno vissuto alcuni ospiti della Rsa di Odolo accompagnati dal personale e da alcune volontarie

09/09/2021

Si conclude con «Ahi Maria!»

Ultimo spettacolo in cartellone per la rassegna estiva Acque e Terre Festival che vedrà ancora una volta sul palco Paola Rizzi nei panni dell'inossidabile signora Maria

31/08/2021

Ecco i soldi per il bunker

Un milione di euro per realizzare un bunker alla Iro capace di contenre i fumi radioattivi dell'incidente del 2018. Ancora però dev'essere approvato il progetto

28/08/2021

Odolo solidale

La casa odolese di Atullah Solozai è vicina a quella del sindaco, Fausto Cassetti: «Una famiglia di persone tranquille, gran lavoratori gli adulti, apprezzati in azienda, figli educati e rispettosi, come dei nostri se ne vedono pochi» ci dice

28/08/2021

Un filo diretto con Kabul

L'intera comunità odolese in apprensione per Lailamah e il piccolo Abdallah, nato solo pochi mesi fa a Gavardo. Sono scampati per poco all'attentato, ma non sono riusciti a rientrare in Italia. Alla Giovanni Pe abbiamo incontrato papà Atullah

22/08/2021

Un principe rinascimentale

Riceviamo e pubblichiamo volentieri, dedicati al Gian, questi versi

22/08/2021

L'ultimo saluto al Gian

La valsabbia intera, commossa e riconoscente, del lavoro e degli affetti, ha accompagnato Gian Brunori nel suo ultimo viaggio

boxlat.inc.html
Odolo, il paese la sua gente

La Fucina di Pamparane

14/04/2020

Inaugurato ufficialmente nel 2008 il muncipio di Odolo è ubicato in via Dino Carli al civico numero 62.
Si trova in un fabbricato che tradisce le sue origini settecentesche (1)

14/04/2020

La chiesa parrocchiale che Odolo dedica a S. Zenone fu eretta nel 1667 sullo stesso luogo dove preesisteva una costruzione risalente al XIV secolo

14/04/2020

Si tratta di un “Museo del Ferro” che fa parte del Circuito museale della Valle Sabbia. E’ collocato al civico 2 di via Massimo d'Azeglio. Locali donati dall’imprenditore Dario Leali al Comune di Odolo che si propongono di evocare il sapere dei forgiatori odolesi