16 Febbraio 2020, 08.14
Eco del Perlasca

L'influenza dei social

di Luca Ferrari

I social sono ormai una parte integrante della nostra società: da WhatsApp a Facebook, da Snapchat a Instagram. Quasi tutti possediamo almeno una di queste applicazioni sopra elencate, ma ci siamo mai domandati veramente cosa possano causare se utilizzati scorrettamente?


Prima di introdurre l'argomento gradirei fare alcune premesse per chiarire meglio alcune questioni su questo articolo:

- la mia tesi sarà basata soprattutto su fattori personali ma, relativamente, su studi scientifici;
- questa critica non è generale, ma vuole sensibilizzare riguardo all'utilizzo e alla mentalità corretta con cui usufruire di questi potentissimi social.

Con l’avvento del nuovo millennio la tecnologia si è evoluta in maniera strabiliante: siamo passati da computer grandi quanto delle stanze a dei semplici e compatti telefoni tascabili. 
Inoltre, abbiamo rotto ogni barriera possibile nell’ambito della comunicazione: possiamo messaggiare in tempo (pressoché) reale con persone in ogni parte del globo.

"Spettacolare!", "Molto comodo!" starete pensando tutti quanti, e per molti versi concordo pienamente con voi; peccato che una (troppo) grande fetta di utenti usi e INTERPRETI male l'utilità dei mezzi comunicativi derivanti dagli smartphone!
Soprattutto gli adolescenti sono vittime di ciò che circola sul web: foto di modelli/e, celebrità, personaggi pubblici e molto altro…

Ora, gli effetti collaterali dipendono ovviamente di persona in persona, ma solitamente vengono travolti dal bisogno di attenzioni, rendendo la loro persona narcisista e, in alcuni casi, anche superba: questi sentimenti fanno postare foto molte volte provocanti che possono essere utilizzate per denigrare e bullizzare la persona in questione.

Insomma, c'è il rischio che un soggetto inizi ad avere dipendenza dall'attenzione, like, followers e fa dei social la sua principale ragione di felicità e gratificazione.

Nel secondo caso, data l'enorme sensibilità e fragilità della mente di alcuni individui, la vista di questi post/storie crea in loro un modello di bellezza/ricchezza/vita che suscita in loro un senso di disagio e non apprezzamento di quel che sono, sentendosi inferiori e, probabilmente, arrivando all'isolamento o addirittura alla depressione.

I fattori di rischio sono elevati, quindi è sempre meglio avere un occhio di riguardo su ciò che è affine all'Internet.
È quindi sempre raccomandato avere la supervisione di un genitore e, soprattutto, essere sempre cauti e non farsi assolutamente influenzare, dato che non è oro tutto ciò che luccica.

Luca Ferrari


Tag


Vedi anche
14/09/2013 09:00:00

Come cancellarsi da facebook e dagli altri social network? L'uovo settimanale di Federica Belleri ci parla di justdelete.me, un servizio web che conduce direttamente al link per potersi cancellare da 250 diversi social network, indicando per ciascuno il grado di difficoltà dell'intera operazione

18/03/2016 10:17:00

Flamer avvertiti Tempi duri per i diffamatori del web. Diventa reato anche farlo con il più popolare dei social, Facebook, in questo equiparato agli organi di stampa

27/08/2018 11:14:00

Cercasi grafico e social media manager La risorsa si occuperà della gestione della comunicazione del Progetto “Valli Resilienti”, sia a livello grafico che sul web e tramite i canali social. Candidature entro il prossimo 20 settembre 

03/05/2010 10:00:00

Social network: attenzione agli effetti collaterali Il Garante per la privacy ha predisposto una guida con dei consigli gli utenti dei social network sulla riservatezza dei dati personali.

30/03/2011 07:00:00

Social Card 2011 La social card è una carta di debito, sulla quale vengono accreditati 40 euro mensili. Disponibile solo nel caso si posseggano determinati requisiti di reddito.



Altre da Salute
17/04/2021

Mascherine «Made in Valsir»

L'azienda valsabbina, che conta quasi 600 collaboratori, fin dall'inizio ha reagito alla pandemia tutelando la salute sul posto di lavoro e anche salvaguardando la produzione ed il mercato. E' nato così anche questo prodotto di successo

16/04/2021

Leggere nuvole azzurre

Cosa succede nel reparto Covid del "La Memoria" di Gavardo? Pubblichiamo volentieri l'esperienza di Chiara Bertuetti, fortunatamente e non solo conclusasi in modo positivo

16/04/2021

Fondi per la non autosufficienza

Assistenti famigliari, minori con disabilità grave e disabilità fisico motoria grave: sono i tre ambiti per il quali l’Ambito 12 di Valle Sabbia ha istituito dei bandi con risorse del Fondo Non Autosufficienza di Regione Lombardia

16/04/2021

Agnosine e i tamponi

L’Amministrazione comunale di Agnosine si ripete: dopo l’esperienza di “tamponamento” per gli over 70, ecco quella per tutti i maggiorenni

15/04/2021

Confermato il centro vaccinale a Bagolino

Sarà attivo solo per gli anziani della fascia 75-79 anni grazie ad un accordo fra Amministrazione comunale, Ats Brescia e Asst Garda

14/04/2021

Un defibrillatore «targato» Sanitaria

E’ quello che da qualche giorno è a disposizione di tutti in Piazza Marconi a Gavardo

13/04/2021

Meno ricoveri per Covid

Situazione in netto miglioramento anche negli ospedali dell’Asst del Garda dove come conseguenza di meno malati Covid alcuni reparti stanno tornando alla loro funzione originale. Intanto prosegue la campagna vaccinale

13/04/2021

Calo significativo dei contagi

Nell’ultima settimana di zona rossa il numero dei positivi ha registrato una sostanziosa diminuzione

12/04/2021

Hub ampliato ma avvio a scartamento ridotto

Completato in tempo record l’ampliamento del centro vaccinale valsabbino, ma al momento sono in funzione solo tre linee sulle dieci ora a disposizione

09/04/2021

Contagi alla scuola materna

Il rapido aumento dei contagi ha costretto il primo cittadino a sospendere le lezioni fino a mercoledì prossimo