28 Ottobre 2020, 09.20
Serle
Cronache

Il Dna conferma: è il cranio di Iuschra

di Cesare Fumana

Le analisi effettuate dall'Istituto di Medicina Legale degli Spedali Civili di Brescia hanno confermato che appartiene alla bambina scomparsa due anni fa sull'Altopiano di Cariadeghe. Si chiude così una triste vicenda che ha segnato l'estate del 2018


Non ci sono più dubbi: il teschio ritrovato lo scorso 4 ottobre nei boschi di Caino è quello di Iuschra Gazi, la bambina bengalese che nell'estate di 2 anni fa scomparve nei boschi dell'Altopiano di Cariadeghe a Serle.

Lo certifica l'analisi del DNA effettuato dal laboratorio dell'Istituto di Medicina Legale degli Spedali Civili di Brescia.

La prova regina delle indagini giudiziarie ha comparato il profilo genetico estratto da un molare del cranio con quelli dei genitori: combacia perfettamente.

Con questa certezza, la Procura della Repubblica ha chiuso il caso.

Ieri i genitori di Iuschra sono stati convocati
in Procura per la comunicazione ufficiale dell'esito delle indagini. È stato già disposto anche il nullaosta per la sepoltura.

Una notizia attesa, ma che non ha mancato di suscitare dolore per la tragica fine di questa bambina.

Questo mette a tacere anche una ridda di ipotesi calunniose circolate dopo la scomparsa della bambina in merito presunti rapimenti e altro.

Nonostante il dispiegamento di forze che nell'estate del 2018 furono messi in campo per le ricerche, di Iurschra non si trovò nessun elemento.

L'ipotesi avanzata allora dai ricercatori al termine delle ricerche, cioè che la ragazzina fosse finita in qualche anfratto impenetrabile del bosco, ha trovato conferma.

A causa del forte temporale che segui del giorno successivo alla scomparsa, il corpo è finito in una zona impenetrabile verso Caino dove le ricerche furono effettuate solo con droni e mezzi aerei.

L'ipotesi, poi, accreditata da parte della Protezione civile della Provincia, che segui le ricerche, è che il corpo sia stato trascinato dagli animali, in particolare cinghiali, fino a finire nel luogo dove è stato ritrovato da parte di un cacciatore di Caino.

Si conclude così una triste vicenda che segnò l'estate del 2018 a Serle e in Valle Sabbia e che ha tenuto banco fino ad ora, quando si è avuta la certezza che i resti ritrovati fra Serle Caino sono quelli della piccola Iuschra.




Vedi anche
16/12/2018 21:15:00

Fra verità presunte e dubbi Ritrovati i poveri resti di Iuschra? Bresciaoggi in edicola questa mattina afferma che potrebbe essere vero. Speriamo che nelle prossime ore il quotidiano bresciano approfondisca la notizia. A noi proprio non risulta. Aggiornamento ore 6:30

20/07/2018 06:12:00

Ripartono le ricerche, ecco come vengono organizzate Nemmeno gli elicotteri e i droni dotati di sensori termici sono riusciti nella notte ad individuare la presenza di Iuschra, la ragazzina di 12 anni, autistica, dispersa a Cariadeghe. E l’angoscia cresce

24/07/2018 06:50:00

Oggi scade il termine per le ricerche La macchina dei soccorsi ieri ha perlustrato 190 ettari di bosco, cento cavità carsiche asciutte e cinque laghetti, senza trovar traccia di Iuschra. Che però non puo essere morta. Non a Cariadeghe

18/07/2019 07:00:00

Un anno fa la scomparsa di Iuschra Questo venerdì nel primo anniversario della sparizione, una camminata di solidarietà a Cariadeghe, organizzata dalla Protezione civile di Serle, in ricordo della ragazzina

20/07/2019 08:00:00

Un albero per Iuschra In tanti ieri sera hanno preso parte alla camminata in Cariadeghe in ricordo della ragazzina scomparsa un anno fa. Una targa e un albero per non dimenticarla



Altre da Serle
02/04/2021

Un grazie alla solidarietà e al sacrificio degli Alpini

Nella prima Giornata regionale della riconoscenza per la solidarietà e il sacrificio degli Alpini, questa mattina alzabandiera delle Penne nere di Serle con il sindaco e il consigliere reginale Massardi

26/03/2021

Luci a led a Castello

Nella frazione di Serle le vecchie lampadine sono state sostituite da un moderno impianto a led che permette un notevole risparmio energetico

08/03/2021

Contro la violenza una panchina rossa

La prima iniziativa della rassegna “Donne per le donne” è stata l’inaugurazione di una panchina rossa, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne

18/02/2021

Omicidio di Serle, inoltrata nuova istanza di risarcimento

La famiglia di Eduard Ndoj, ucciso dal serlese Mirco Franzoni nel 2013 con un colpo di fucile, chiede formalmente che l'imputato rispetti quanto deciso dai giudici e provveda al risarcimento

17/02/2021

In un paese normale...

Controreplica della minoranza di Serlesì alla risposta a suon di manifesti da parte della maggioranza e dall’amministrazione comune in merito a un precedente volantino, con alcune precisazioni

14/02/2021

Un bambino, un'amica e 2 addii

Oggi ho due belle notizie: la nascita di Edoardo, nipote di mia sorella Valentina, ed il compleanno della mia amica Sara Ragnoli. Ricorderò pure due persone che ci hanno lasciato: Gianpietro Fenaroli e Gianpiero Lavi

11/02/2021

Risposta piccata a suon di manifesti

Al volantino della minoranza su cosa caratterizza un paese civile, risponde punto per punto l’amministrazione comunale, tirando in ballo anche l’amministrazione precedente

11/02/2021

«A Serle gesti e toni preoccupanti»

In merito al manifesto pubblicato dall’amministrazione comunale e dall’attuale maggioranza consiliare dicono la loro gli ex amministratori

04/02/2021

SerleSì: «Da cosa si vede un paese civile?»

Critiche da parte della minoranza consiliare in merito alle ultime scelte dell’amministrazione comunale che a detta dell’opposizione ha smantellato iniziative faticosamente costruite

28/01/2021

Scuola dell'infanzia, polemica in Consiglio comunale

L'opposizione attacca la maggioranza riguardo ai contributi alla scuola dell'infanzia. La replica del sindaco: “Nessuna riduzione, aumentato anzi il contributo medio a bambino e siglata una nuova convenzione”