17 Marzo 2020, 10.09
Valsabbia Garda
Emergenza Coronavirus

Mancano volontari per le ambulanze

di Redazione

Il grido d'allarme di molte associazioni è stato accolto dal consigliere valsabbino Floriano Massardi: “Sistema a rischio, Prefetto e autorità competenti intervengano subito precettando i volontari”


“La situazione dei nostri volontari è critica
e come se non bastasse ci si sono messi i datori di lavoro a complicare enormemente le cose, mettendo a rischio l’intero servizio sul territorio”. Così Floriano Massardi, vice capogruppo della Lega rispondendo all’appello delle associazioni di volontari.

“Come tutti sanno – spiega Massardi – il servizio che gestisce le ambulanze è demandato ai nostri volontari, che in questi giorni stanno letteralmente facendo i salti mortali, sottoposti a turni massacranti, per rispondere a tutte le chiamate, al punto che molti di essi si sono ammalati prestando la loro opera di soccorso sul campo.

A complicare ulteriormente la situazione è l’imposizione, dal sapore di ricatto, da parte di alcuni datori di lavoro che stanno impedendo forzatamente ai volontari di prestare assistenza, per paura che possano veicolare il contagio nelle aziende. In buona sostanza è stato chiesto loro di scegliere se mettersi in ferie e continuare con l’indispensabile attività nelle ambulanze, oppure andare a lavorare rinunciando al ruolo di soccorritori.

La soluzione per salvare la situazione c’è, ed è l’istituto del precetto, già utilizzato in passato come ad esempio per il terremoto dell’Aquila o Amatrice. In pratica il Prefetto dovrebbe autorizzare la precettazione dei volontari, in modo tale che il lavoratore non perda nulla e che l’azienda ottenga un risarcimento.

Il sottoscritto assieme ad altri colleghi si è attivato presso la Prefettura e tutti gli organismi competenti per fare in modo che si proceda in questo senso ma, nonostante le ripetute richieste le associazioni non hanno ancora ricevuto alcuna risposta.

Dal canto mio ho raccolto l’urlo di dolore lanciato in particolare dai Volontari del Garda, che hanno scritto una lettera a firma del presidente dott. Raffaele Frau dove descrivono una situazione disperata, con parte del personale malato e altri costretti dover scegliere fra il volontariato e il posto di lavoro.

Forse qualcuno non si rende conto di cosa sta succedendo e non sta valutando a pieno le enormi e gravissime implicazioni di questa situazione. È necessario un intervento immediato e non c’è più un secondo da perdere, perché si rischia di compromettere l’anello iniziale della catena di soccorso sul territorio, che nel caso dell’associazione Volontari del Garda serve un’area molto vasta, ovvero una buona parte della  sponda bresciana del lago di Garda, fino alla Valle Sabbia.

Attendo a questo punto un segnale dalla Prefettura e dalle autorità competenti, che deve necessariamente prendere in mano la situazione, tutelando i volontari e garantendo un servizio oggi come non mai vitale e di primaria importanza”.


Vedi anche
15/02/2015 07:32:00

Volontari valsabbini, addio al 118 Niente più medico sull'ambulanza, ma neppure volontari. Areu non accoglie le istanze dell'associazione Volontari Ambulanza Valle Sabbia e loro si sfilano. Emergenze garantite "a gettone" solo fino a giugno

22/05/2021 08:00:00

Associazione Volontari Ambulanza Valle Sabbia. Il gruppo di Vestone È sempre utile ricordare chi, nei momenti più difficili, è pronto e disponibile ad aiutare il prossimo. Nella nostra valle un'associazione che incarna questo spirito è proprio l'Associazione Volontari Ambulanza di Vestone

13/01/2021 09:47:00

Al via il corso per nuovi soccorritori L'Associazione Volontari Ambulanza Valle Sabbia cerca nuovi volontari per il suo organico. Martedì 26 gennaio la presentazione del corso di formazione gratuito

25/04/2020 08:00:00

Alta Valle Sabbia Soccorso alla prova del Covid-19 In una lettera, il presidente del sodalizio di soccorso che opera in alta Valsabbia racconta come è stata affrontata l’emergenza dai volontari dell’ambulanza

02/10/2017 15:29:00

Ambulanza Valle Sabbia, il gruppo di Vestone Continua il viaggio di Vallesabbianews all’interno dei gruppi di soccorso della Valle. Oggi parliamo dell’Associazione Volontari Ambulanza Valle Sabbia – gruppo di Vestone



Altre da Garda
18/09/2021

Alparone: «Lavoro di squadra con il territorio»

Il nuovo direttore generale di Asst Garda ha presentato la sua nuova squadra dirigenziale e ha annunciato novità anche per Gavardo e Nozza

17/09/2021

Depositata l'interpellanza al ministro Cingolani

Al centro i costi dell'opera e le sue conseguenze sul fiume Chiese. Nel frattempo il presidio al Broletto prosegue, e questa domenica si terrà un'assemblea pubblica dei volontari

17/09/2021

Uno sportello anti violenza anche in Valle Sabbia

E’ stato inaugurato a Sabbio Chiese, la cui comunità è in lutto per la scomparsa di Giusi, uccisa dal marito mentre usciva di casa. Sarà un aiuto concreto per le donne vittime di violenza, anche nella prevenzione

16/09/2021

Strade chiuse, passa la Colnago

Domenica mattina anche le strade della Valle Sabbia saranno temporaneamente chiuse al traffico per il passaggio della granfondo ciclistica

16/09/2021

Società Canottieri Garda: 130 anni per lo sport

Il Rotary Valle Sabbia in visita alla società sportiva salodiana, che accoglie numerosi soci valsabbini

13/09/2021

Asst Garda, il nuovo direttore generale si presenta

Comincerà con una visita in tutti i presidi dell'Azianda socio sanitaria territoriale il nuovo incarico del dott. Mario Alparone alla guida della struttura gardesana e valsabbina

13/09/2021

Il fronte del Chiese prepara il ricorso

Nel frattempo i comuni di Gavardo, Prevalle, Muscoline e Montichiari predispongono il ricorso contro la nomina del Commissario straordinario. Obiettivo ottenere a breve una sentenza di sospensiva

13/09/2021

Il caso del depuratore approda a Bruxelles

Sollevata dall’europarlamentare dei Verdi Eleonora Evi, la questione della realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari è giunta in Commissione Europea

12/09/2021

In duemila in piazza contro il depuratore

Una protesta stanziale, ma solidale e piena di vita quella di ieri pomeriggio in città. Striscioni, canti e slogan per difendere il Chiese dal “deturpatore”. E il Presidio non si ferma

12/09/2021

«Qui nessuno ce lo Chiese»

Il titolo della canzone di Luca Rassu ben si addice a riassumere le posizioni espresse dai partecipanti alla protesta contro il depuratore. Il territorio continua a sentirsi escluso da una decisione che lo riguarda così da vicino