17 Giugno 2007, 00.00
Vobarno
All'Itis di Vobarno

Alternanza scuola-lavoro, soluzione intelligente

Il convegno recentemente promosso dalla sede Itis di Vobarno dell’Istituto Perlasca di Vallesabbia, ha proposto una tappa fondamentale nel rapporto tra la scuola, il territorio e il mondo del lavoro.

Il convegno recentemente promosso dalla sede Itis di Vobarno dell’Istituto Perlasca di Vallesabbia, ha proposto una tappa fondamentale nel rapporto tra la scuola, il territorio e il mondo del lavoro: «L’esperienza pilota - spiega il dirigente scolastico professor Alfredo Bonomi -, sia per numero di aziende coinvolte, ben 46, che per organicità del progetto, ha evidenziato al meglio sia la concretizzazione de “La pratica dell’intelligenza” che il legame tra l’insegnamento che viene impartito a scuola e la conseguente messa in pratica dell’intelligenza che si deve poi avere nel mondo del lavoro».

Il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale professor Giuseppe Colosio ha voluto sottolineare l’importanza dell’iniziativa vobarnese: «Pratica che non solo qualifica l’Itis, ma che è anche da proporre a livello provinciale come progetto-pilota».
Per Panzera, sindaco vobarnese, l’Itis è ormai punto strategico per lo sviluppo della valle: «E questo lo si deve al lavoro fin qui svolto dal suo dirigente, il professor Bonomi».
Pietro Almici, vice coordinatore del Comitato di zona dell’Aib Garda Valsabbia, ha sottolineato la disponibilità di Aib: «Una volta di più saremo a fianco della scuola per ogni altra impresa».

Ma l’invito è soprattutto ai giovani: «Dedicatevi allo studio, imparate le lingue straniere, siate disposti ad un aggiornamento continuo, e siate pronti a viaggiare. Per questo ribadiamo alla scuola la nostra disponibilità per stage e visite aziendali: le nostre aziende sono sempre aperte».
Importante anche la pubblicità: «L’attività svolta dall’Itis va sottoposta anche alle scuole medie, per far sapere ai futuri studenti cosa la scuola è in grado di offrire».

Il professor Valeriano Buffoli, docente dell’Itis e referente al progetto, ha presentato un quadro dell’alternanza scuola-lavoro all’Itis: «Ha impegnato 151 alunni tra seconde, terze e quarte Meccanica ed Informatica, con 46 ditte da Condino a Prevalle a dimostrare la disponibilità della classe imprenditoriale».
Per ogni singolo studente, si è stesa una convenzione: «Dei ragazzi, 7 su 10 si sono detti soddisfatti e 2 abbastanza soddisfatti, con una sola voce fuori dal coro positivo. E la valutazione del tutor nei confronti dei ragazzi, nel valore compreso tra 1 e 5, è stata di 4,5».

Gli interventi successivi, da parte di tutor, imprenditori e genitori presenti al convegno hanno tracciato un quadro positivo: «È stato aperto un varco di collegamento tra scuola e lavoro, fase fondamentale - ha spiegato Franco Franzoni di RaffMetal - se si vuole crescere e rimanere competitivi sui mercati».
L’appuntamento ha trovato la degna conclusione con il buffet predisposto dai ragazzi dell’Alberghiero di Idro.

m.p. da Bresciaoggi


Aggiungi commento:
Vedi anche
03/03/2017 11:33:00

«We Love Schools» Fondital e Raffmetal hanno dato via al progetto “WE LOVE SCHOOLS” un percorso di alta formazione professionale in partnership con l’Istituto ITIS Perlasca di Vobarno, che vuole proseguire negli anni

15/09/2015 06:29:00

L'Itis chiede e il Sole 24Ore risponde Secondo l’esperto dell’affermato quotidiano economico, i corsi per la sicurezza effettuati in ambito scolastico valgono anche sul luogo di lavoro

30/03/2011 10:00:00

Tecnoland, scienza e cultura oltre la scuola Da giovedì a sabato la sede vobarnese dell'istituto “Perlasca” si apre al territorio con seminari e incontri per far incontrare la scuola con il mondo del lavoro.

05/07/2008 00:00:00

L’Itis ha fatto scuola All’Itis di Vobarno, parte dell’Istituto di istruzione superiore della Valsabbia «Perlasca», credono molto agli stage di introduzione al lavoro e durante l’anno scolastico ben 100 ragazzi hanno vissuto esperienze di scuola-lavoro.

27/03/2007 00:00:00

Esperienza in azienda per i ragazzi dell'Itis In Valsabbia, grazie all’Itis di Vobarno e alla disponibilità del mondo produttivo, ben 60 aziende sono al «servizio» della scuola.



Altre da Vobarno
27/10/2021

Apre da oggi l'hub vaccinale a Vobarno

Grazie a una convenzione con la Comunità montana di Valle Sabbia il Centro vaccinale di riferimento per la Valle Sabbia e l'Alto Garda trova collocazione negli spazie della Sae

25/10/2021

Quel licenziamento non era da fare

Il tribunale di Brescia ha dichiarato illegittimo il provvedimento a carico di una delle tre lavoratrici licenziate nel 2020 dalla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno. La direzione dell’ente annuncia ricorso

22/10/2021

«Che fine ha fatto il gioiello di Vobarno?»

Se lo chiede Giovanni Scalora in questa lettera che, della Fondazione Irene Rubini Falck, analizza i bilanci degli utlimi anni

21/10/2021

Tornano i Tè della Salute

Il prossimo lunedì, 25 ottobre, un appuntamento digitale al femminile dedicato al tema “Benessere a tutte le età: equilibrio tra movimento e nutrizione”

21/10/2021

Progetti di modernizzazione per l'Istituto Perlasca

Firmato ieri il protocollo d'intesa fra Provincia e Comunità montana per i lavori alle due sedi dell'Istituto superiore: efficintamento energetico a Idro, nuove aule e laboratori a Vobarno

21/10/2021

Tempo di crisi? Il Perlasca risponde a suon di... PON

Libri di testo regalati, strumenti scientifico-tecnologici messi a disposizione degli studenti, potenziamento della rete in tutti gli spazi dell’Istituto

18/10/2021

Carambola alla Roccia

Scontro fra due auto lungo il tratto di ex Provinciale IV che da Vobarno sale verso Carpeneda, all’altezza del bivio per Teglie

18/10/2021

«Ogni vita è un capolavoro»

Presso il parco della Salute della Fondazione I.R. Falck di Vobarno una mostra fotografica curata da David Pasotti

14/10/2021

Tamponamento sullo svincolo

Viaggiava con la moto e non si è accorto che i veicoli davanti a lui si stavano fermando

14/10/2021

Un aperitivo con Vanessa

Questo venerdì nella biblioteca di Vobarno il racconto dell’esperienza della giovane vobarnese capace di superare i limiti dovuti al suo handicap