15 Settembre 2015, 06.29
Vobarno
Scuola e lavoro

L'Itis chiede e il Sole 24Ore risponde

di Redazione

Secondo l’esperto dell’affermato quotidiano economico, i corsi per la sicurezza effettuati in ambito scolastico valgono anche sul luogo di lavoro


Gli studenti diplomati all’Itis "Perlasca" di Vobarno, quindi, che da qualche tempo effettuano regolarmente i corsi per la sicurezza previsti dall’accordo Stato-Regioni, possiedono già l’idoneità ad operare in piena sicurezza negli ambienti di lavoro.

Una formazione in più, offerta dalla scuola valsabbina, la prima a farlo in Lombardia, per favorire l’inserimento lavorativo dei giovani diplomati.

Ecco il testo della domanda, sottoposta all’attenzione dell’esperto del maggior quotidiano economico italiano dal professor Valeriano Buffoli, responsabile dell’Alternanza scuola-lavoro del Perlasca:

Il nostro istituto secondario di II grado organizza corsi di formazione sulla sicurezza per gli studenti del triennio, erogati secondo le indicazioni dell'accordo stato regioni  del 21 dicembre 2011. I corsi, suddivisi in modulo generale (4 ore) e rischi specifici (12 ore), sono tenuti da docenti che posseggono i requisiti stabiliti dal suddetto accordo; al temine di ogni modulo gli studenti devono sostenere un test di valutazione , superato il quale la scuola rilascia loro un attestato di partecipazione.

Premesso che il nostro istituto è certificato secondo le norme UNI EN ISO 9001/2008 ea37 ed è iscritto all'albo degli accreditati per i servizi di istruzione e formazione della regione Lombardia, si chiede se l'azienda che assuma  un nostro diplomato possa ritenersi esonerata dalla formazione sulla sicurezza del nuovo assunto, fermo restando l’obbligo di un’eventuale integrazione formativa  solo sui rischi specifici definiti nel DVR.


Ed ecco la risposta de “L’esperto risponde”:

Preliminarmente è importante precisare che i docenti che erogano i corsi di formazione, anche all’interno dell’Istituto, devono essere in possesso dei requisiti previsti dal Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 riguardante i criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro.

In merito alla domanda riguardante l’esonero delle aziende dall’erogazione della formazione generale e specifica prevista dall’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011, per un ex allievo dell'istituto del lettore già in possesso di tale bagaglio formativo, la risposta è affermativa a condizione che:
1) la formazione erogata presso l’istituto rispetti in toto i contenuti dell’Accordo Stato Regioni (organizzazione, metodologia, contenuti, ecc.); 
2) la formazione non sia stata erogata dall’istituto, al momento dell’assunzione, da più di 5 anni (in caso contrario sarà necessario l’aggiornamento).

Inoltre, va ricordato che il datore di lavoro deve far effettuare all'ex allievo neo assunto una formazione sufficiente ed adeguata in merito ai rischi specifici previsti dai Titoli successivi al primo del D. Lgs. n° 81/2008 (vedasi art. 37 comma 3).




Aggiungi commento:
Vedi anche
03/03/2017 11:33:00

«We Love Schools» Fondital e Raffmetal hanno dato via al progetto “WE LOVE SCHOOLS” un percorso di alta formazione professionale in partnership con l’Istituto ITIS Perlasca di Vobarno, che vuole proseguire negli anni

17/06/2007 00:00:00

Alternanza scuola-lavoro, soluzione intelligente Il convegno recentemente promosso dalla sede Itis di Vobarno dell’Istituto Perlasca di Vallesabbia, ha proposto una tappa fondamentale nel rapporto tra la scuola, il territorio e il mondo del lavoro.

16/09/2015 07:54:00

Taglio del nastro all'Itis Sei nuove aule su tre piani. La nuova ala della sede vobarnese dell’Itis Perlasca ha cominciato ad accogliere alunni proprio in questi giorni.

05/07/2008 00:00:00

L’Itis ha fatto scuola All’Itis di Vobarno, parte dell’Istituto di istruzione superiore della Valsabbia «Perlasca», credono molto agli stage di introduzione al lavoro e durante l’anno scolastico ben 100 ragazzi hanno vissuto esperienze di scuola-lavoro.

02/12/2018 06:10:00

Inaugurazione macchinario prova per pompe Grazie alla sinergia fra la scuola e un’importante azienda valsabbina, l’IIS G.Perlasca ha dotato il proprio laboratorio di energia di un importante strumento



Altre da Vobarno
27/10/2021

Apre da oggi l'hub vaccinale a Vobarno

Grazie a una convenzione con la Comunità montana di Valle Sabbia il Centro vaccinale di riferimento per la Valle Sabbia e l'Alto Garda trova collocazione negli spazie della Sae

25/10/2021

Quel licenziamento non era da fare

Il tribunale di Brescia ha dichiarato illegittimo il provvedimento a carico di una delle tre lavoratrici licenziate nel 2020 dalla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno. La direzione dell’ente annuncia ricorso

22/10/2021

«Che fine ha fatto il gioiello di Vobarno?»

Se lo chiede Giovanni Scalora in questa lettera che, della Fondazione Irene Rubini Falck, analizza i bilanci degli utlimi anni

21/10/2021

Tornano i Tè della Salute

Il prossimo lunedì, 25 ottobre, un appuntamento digitale al femminile dedicato al tema “Benessere a tutte le età: equilibrio tra movimento e nutrizione”

21/10/2021

Progetti di modernizzazione per l'Istituto Perlasca

Firmato ieri il protocollo d'intesa fra Provincia e Comunità montana per i lavori alle due sedi dell'Istituto superiore: efficintamento energetico a Idro, nuove aule e laboratori a Vobarno

21/10/2021

Tempo di crisi? Il Perlasca risponde a suon di... PON

Libri di testo regalati, strumenti scientifico-tecnologici messi a disposizione degli studenti, potenziamento della rete in tutti gli spazi dell’Istituto

18/10/2021

Carambola alla Roccia

Scontro fra due auto lungo il tratto di ex Provinciale IV che da Vobarno sale verso Carpeneda, all’altezza del bivio per Teglie

18/10/2021

«Ogni vita è un capolavoro»

Presso il parco della Salute della Fondazione I.R. Falck di Vobarno una mostra fotografica curata da David Pasotti

14/10/2021

Tamponamento sullo svincolo

Viaggiava con la moto e non si è accorto che i veicoli davanti a lui si stavano fermando

14/10/2021

Un aperitivo con Vanessa

Questo venerdì nella biblioteca di Vobarno il racconto dell’esperienza della giovane vobarnese capace di superare i limiti dovuti al suo handicap