26 Giugno 2014, 06.56
Garda
Tempo libero

Garda by bike, 190 chilometri tutti da pedalare

di Redazione

E' stato sottoscritto a Gardone Riviera dai quattro assessori delle Provincie interessate, il protocollo d'intesa per la realizzazione di una segnaletica univoca per l'intero periplo ciclistico del Garda


Il territorio gardesano è il protagonista di un'autentica volata che lo poterà dritto al cuore dell'Europa grazie al progetto “Garda by bike” presentato dagli Assessori referenti delle quattro Province interessate, riunitisi ieri a Gardone Riviera per la sottoscrizione del relativo protocollo di intesa: per Brescia gli Assessori ai Lavori Pubblici - Viabilità e alla Cultura - Turismo Mariateresa Vivaldini e Silvia Razzi, per Verona l’Assessore alla Manutenzione e Progettazione viabilistica Carla De Beni, per Trento l’Assessore alle Infrastrutture e all'Ambiente Mauro Gilmozzi e per Mantova l’Assessore al Lavoro, Cultura e Identità dei territori Francesca Zaltieri.

Un itinerario ciclabile di ben 190 km nel periplo del Lago di Garda, collocato in una posizione strategica, crocevia tra i due percorsi Eurovelo EV7 “Itinerario dell'Europa Centrale” ed Eurovelo EV8 “Itinerario Mediterraneo”, e quindi direttamente connesso alla rete ciclabile europea; 3 le Regioni e una trentina i Comuni attraversati.

Un progetto di grande valenza turistico, culturale ed ambientale, che guarda all'Europa.

“In particolare – ha dichiarato l'Assessore Silvia Razzi - sono tre gli obiettivi di “GARDA BY BIKE”: incentivare la realizzazione di itinerari locali dedicati ai ciclisti che si dipartono dall'itinerario principale, ampliando l'offerta e diventando l'elemento trainante per fare conoscere le reti locali di itinerari per ciclisti; promuovere la capacità del Lago di Garda e del suo entroterra di competere con altre realtà territoriali, valorizzando le risorse sotto l'aspetto turistico e della fruibilità sostenibile e ampliando le opportunità già disponibili; portare benefici economici alle comunità locali dando visibilità maggiore ai commerci, ai ristoranti e agli alberghi della zona del Lago di Garda”.

Nello specifico, per la realizzazione dell’itinerario - che utilizza piste e percorsi ciclabili già esistenti che possono essere sia comunali, all’interno dei centri abitati, che provinciali, quando sono di collegamento fra due comuni limitrofi – le quattro Province si impegnano ad installare una segnaletica uniforme in tutti i territori attraversati, che lo identifichi come percorso “GARDA BY BIKE”. Anche per la promozione verrà redatto materiale cartaceo unico ed uguale per tutti i territori, che riporti il percorso individuato e denominato “GARDA BY BIKE” e le eventuali interconnessioni con altri percorsi ciclabili o ciclopedonali locali.

Ecco il percorso nel dettaglio, che per alcuni tratti si avvale anche dei battelli della Navigarda:

Lungo la sponda occidentale del Lago di Garda, l’itinerario, che si estende nel territorio bresciano per circa 89 Km, attraversa i comuni di Sirmione, Desenzano del Garda, Lonato del Garda, alcuni comuni della Valtenesi quali Padenghe sul Garda, Moniga del Garda, Manerba del Garda; costeggiando la riviera verso nord attraversa i territori di San Felice del Benaco, e, nel Parco dell’Alto Garda, Salò, Gardone Riviera, Toscolano-Maderno, Gargnano, Tignale, Tremosine sul Garda, Limone sul Garda.

Nel tratto fra Gargnano e Limone sul Garda il tracciato si inerpica sui pendii ripidi dei monti della Valvestino ed è quindi consigliato ai soli esperti; per chi non è in grado si sostenere l’impegnativa salita è prevista la possibilità di utilizzare la navigazione sul lago attraverso battelli predisposti al carico delle biciclette.
Il tratto di percorso impegnativo è lungo circa 27 Km e può essere superato con i mezzi di linea di Navigarda da Gargnano a Limone sul Garda: durante il periodo estivo e fino al 5 ottobre 2014 sono previste solamente due corse per ogni direzione, una al mattino ed una al pomeriggio.
La società di Gestione Navigazione Laghi non esclude di poter ampliare la propria offerta nei prossimi anni qualora la richiesta fosse rilevante durante i mesi estivi.

Da Limone sul Garda è possibile raggiungere Riva del Garda, Torbole e Malcesine sempre utilizzando la navigazione sul lago; per queste tratte la frequenza è quasi oraria, con pausa durante l’ora di pranzo (dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 19.00).
Sulle corse battello l'imbarco delle biciclette è condizionato dal tipo di motonave in servizio e dal traffico contingente. I viaggiatori sono invitati ad informarsi preventivamente presso le biglietterie di terra o presso il numero verde dedicato.

Nella Provincia di Trento
il percorso attraversa i comuni di Riva del Garda, Nago-Torbole, Arco ed ha una lunghezza di circa 7 Km.

Nella Provincia di Verona il percorso è lungo circa 69 Km ed attraversa i territori di Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone, Malcesine, ricalcando in parte il tracciato della ciclopista del Sole.

In provincia di Mantova il tratto è breve ed è di collegamento fra Peschiera del Garda e Pozzolengo, sulle colline moreniche, da Ponti sul Mincio a Castellaro Lagusello a Lonato. I percorsi individuati sono due e possono essere alternativi, si sviluppano in prossimità del Parco regionale del Mincio.

.fonte: comunicato stampa




Aggiungi commento:
Vedi anche
16/01/2021 10:46:00

La «Ciclabile alta» per unire il Garda all’Eridio Il progetto messo in campo dalla Comunità montana del Parco Alto Garda è finanziato con i fondi dei Comuni di confine e recupererà sentieri escursionisti per collegare il Garda con la Valsabbia

12/01/2018 12:00:00

Ciclabile del Garda, si avvicina il traguardo In assenza di imprevisti il nuovo tracciato, che va da Capo Reamol al confine con la provincia di Trento, verrà inaugurato il 10 maggio. Un altro tassello della grande ciclovia del Garda

22/07/2018 08:00:00

Garda by Bike, finalmente pronta Grande successo per il tratto panoramico a sbalzo della pista ciclopedonale a Limone sul Garda, prima parte di un progetto per la ciclabile del Garda

28/07/2016 07:42:00

Una ciclabile per il lago Un Ordine del giorno proposto dai 5 Stelle impegna la Provincia autonoma di Trento a valutare, ai fini del finanziamento con fondi Odi, i progetti valsabbini per una ciclabile in riva occidentale dell'Eridio

03/07/2019 06:54:00

La ciclabile del Baremone Si fa tanto parlare della ciclabile attorno al lago d'Idro come attrattiva turistica per rilanciare l'area. In realtà, così scrive Gianfranco Seccamani, una ciclabile da queste parti c'è già, bella che pronta



Altre da Garda
18/09/2021

Alparone: «Lavoro di squadra con il territorio»

Il nuovo direttore generale di Asst Garda ha presentato la sua nuova squadra dirigenziale e ha annunciato novità anche per Gavardo e Nozza

17/09/2021

Depositata l'interpellanza al ministro Cingolani

Al centro i costi dell'opera e le sue conseguenze sul fiume Chiese. Nel frattempo il presidio al Broletto prosegue, e questa domenica si terrà un'assemblea pubblica dei volontari

17/09/2021

Uno sportello anti violenza anche in Valle Sabbia

E’ stato inaugurato a Sabbio Chiese, la cui comunità è in lutto per la scomparsa di Giusi, uccisa dal marito mentre usciva di casa. Sarà un aiuto concreto per le donne vittime di violenza, anche nella prevenzione

16/09/2021

Strade chiuse, passa la Colnago

Domenica mattina anche le strade della Valle Sabbia saranno temporaneamente chiuse al traffico per il passaggio della granfondo ciclistica

16/09/2021

Società Canottieri Garda: 130 anni per lo sport

Il Rotary Valle Sabbia in visita alla società sportiva salodiana, che accoglie numerosi soci valsabbini

13/09/2021

Asst Garda, il nuovo direttore generale si presenta

Comincerà con una visita in tutti i presidi dell'Azianda socio sanitaria territoriale il nuovo incarico del dott. Mario Alparone alla guida della struttura gardesana e valsabbina

13/09/2021

Il fronte del Chiese prepara il ricorso

Nel frattempo i comuni di Gavardo, Prevalle, Muscoline e Montichiari predispongono il ricorso contro la nomina del Commissario straordinario. Obiettivo ottenere a breve una sentenza di sospensiva

13/09/2021

Il caso del depuratore approda a Bruxelles

Sollevata dall’europarlamentare dei Verdi Eleonora Evi, la questione della realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari è giunta in Commissione Europea

12/09/2021

In duemila in piazza contro il depuratore

Una protesta stanziale, ma solidale e piena di vita quella di ieri pomeriggio in città. Striscioni, canti e slogan per difendere il Chiese dal “deturpatore”. E il Presidio non si ferma

12/09/2021

«Qui nessuno ce lo Chiese»

Il titolo della canzone di Luca Rassu ben si addice a riassumere le posizioni espresse dai partecipanti alla protesta contro il depuratore. Il territorio continua a sentirsi escluso da una decisione che lo riguarda così da vicino