26 Luglio 2014, 07.46
Valsabbia Provincia
Agricoltura

Troppa grazia Sant'Antonio

di Redazione

Troppa acqua. E le colture bresciane soffrono. Il settore vitivinicolo soprattutto, alle prese con malattie funginee, ma non solo. In difficoltà anche la raccolta del foraggio in ambinete montano

 
“Le campagne si trovano in una fase stagionale delicatissima dalla quale – sostiene il presidente di Coldiretti Brescia, Coldiretti Lombardia e vicepresidente nazionale Ettore Prandini  – dipendono i risultati e le opportunità di lavoro di molte aziende agricole.
La nuova perturbazione, che stiamo vivendo in questi giorni e che non cenna a passare, dopo il grande caldo conferma i cambiamenti climatici in atto che si manifestano proprio con l’ elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali che creano danni alle colture”.

L’inizio dell’estate è stato segnato dal 34% di pioggia in più rispetto al 2013 caduta nel mese di giugno con punte di oltre il +200 per cento in alcune zone del centrosud e dal tempo incerto che sta riversando anche per il mese di luglio soprattutto al nord Italia.

“Mai visto un luglio del genere”
sospira Francesco Averoldi, 49 anni, ultimo di quattro generazioni di viticoltori, con 15 ettari a vigna nel comune di Bedizzole, in provincia di Brescia, a ovest del lago di Garda, e clienti anche in Cina e Stati Uniti.

“Certi giorni sembra di essere a ottobre - spiega Francesco Averoldi – la viticoltura sta subendo danni diretti ed indiretti a causa delle grandinate, dell’abbondante rugiada notturna, dei forti venti e della pioggia che è caduta e che non cenna a diminuire, causando ritardi sulla maturazione, rese inferiori, qualità scarse e ingenti costi per i trattamenti  straordinari necessari”.

Sono due le malattie funginee che, a causa di questa estate pazza, hanno attaccato la pianta, l’apparato fogliare e il frutto: la peronospora che colpisce sia l’acino che le femminelle che in questa fase sono fondamentali per la maturazione dell’uva;  la botrite che si sviluppa sull’acino e oggi, trova le condizioni perfette (umidità e zuccheri  poiché gli acini danneggiati da grandine fanno uscire il succo zuccherino) per proliferare.

Ma non è solo il settore vitivinicolo a soffrire di queste persistenti piogge, è obbligo, per una provincia fortemente zootecnica, parlare di mais che, anche se è una coltura “divoratrice” di acqua, ha bisogno anche di luce e sole per raggiungere la completa maturazione con rese adeguate.

Il maltempo si fa sentire anche nella zona montana dove, in alcuni casi, non è ancora stato fatto lo sfalcio del maggese (il primo fieno il cui nome deriva dal mese di maggio) perché il continuo perdurare di piogge e temporali non l’ha reso possibile.
Quindi è stato prodotto meno fieno e di bassa qualità con la conseguenza di  costi maggiori.

.fonte: comunicato stampa





Aggiungi commento:
Vedi anche
04/04/2019 11:01:00

Pioggia, manna per campi lombardi Il maltempo arriva come una manna sulle campagne lombarde dopo un inverno anomalo in cui le precipitazioni che hanno coinvolto tutto il territorio regionale sono praticamente dimezzate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

28/10/2018 21:37:00

Preoccupazioni per la giornata di lunedì I meteorologi sono concordi nel ritenere che per questo lunedì le condizioni del maltempo potranno essere eccezionali

23/08/2019 15:40:00

Coldiretti: «Serve stato di emergenza» Questa mattina a Brescia il summit promosso da Coldiretti cui hanno preso parte con il presidente Prandini, il ministro Centinaio e l'assessore Rolfi. Stimati 47 milioni di danni solo per il comparto agricolo

27/08/2019 08:40:00

La costosa eredità del maltempo Un’estate anomala quella che abbiamo vissuto quest’anno, caratterizzata da fenomeni estremi che hanno messo in ginocchio la provincia. Ecco la stima dei danni 

06/02/2015 11:54:00

Coldiretti valsabbina a Piazza Affari Anche una delegazione valsabbina, fra i manifestanti intervenuti a Milano per protestare contro le politiche penalizzanti per l'agricoltura italiana (VIDEO)



Altre da Valsabbia
22/09/2021

Caccia, Massardi: «Qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega: “Quanto accaduto è una débâcle senza appello per chi si è affidato alla strategia di approvare il calendario venatoria all’ultimo minuto, forse nella inconsistente convinzione che il TAR non intervenisse così come è intervenuto”

22/09/2021

Caccia sospesa in Lombardia

l Tar della Lombardia ha sospeso almeno fino al prossimo 7 ottobre l’attività venatoria nella regione. Accolto il ricorso della Lac, la Lega per l’abolizione della caccia

22/09/2021

Depuratore, Girelli: «Necessario riprendere il percorso con il territorio»

Il Consigliere regionale del PD Gianni Girelli ha presentato una mozione affinché la Regione chieda al governo di rivedere le decisioni prese e ristabilire un iter istituzionale corretto

22/09/2021

Il ricorso dei sindaci: «Mancano le Valutazioni ambientali e sanitarie»

Presentato lunedì al Tar di Brescia il ricorso contro la nomina del commissario per la depurazione del Garda: «Il Commissario può derogare soltanto alle norme sugli appalti non scegliere la localizzazione»

22/09/2021

L'osteoporosi: cos'è e come si previene

Cos'è l'osteoporosi e come si previene? Scopriamolo insieme alla Dott.ssa Clara Zambarda, reumatologa del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio di Salò

21/09/2021

Il vescovo presenta la Lettera pastorale

Questo giovedì sera al teatro parrocchiale “La Rocca” di Sabbio Chiese l’appuntamento rivolto alle parrocchie della Valle Sabbia in particolare per educatori e catechisti

21/09/2021

«Resistere e generare. La cooperazione sociale tra emergenze e opportunità»

Il tradizionale appuntamento annuale della cooperativa “La Nuvola nel Sacco” si terrà questo mercoledì sera, 22 settembre, in città. Ecco il programma

21/09/2021

Lettori e pandemia, il punto sulle biblioteche

Alessandra Vittici, direttrice del Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano, analizza per noi l’andamento delle biblioteche, in particolare quelle valsabbine, ai tempi del Covid

21/09/2021

Sul fuoco o elettrico?

C’è una convinzione presente nella mente di ogni vero valsabbino: lo spiedo cucinato sul fuoco è migliore di quello cotto in maniera elettrica! Ma è davvero così?

(3)
20/09/2021

Depuratore, si va a Roma. Pronta la trasferta

I manifestanti del Presidio bresciano, ma anche tutti coloro che vorranno unirsi alla protesta, si danno appuntamento a Palazzo Chigi per interpellare di persona i parlamentari bresciani sulla questione del depuratore del Garda