19 Settembre 2014, 07.35
Valsabbia Provincia
Banche

Utile semestrale di otto milioni

di Redazione

Banca Valsabbina scrive ai soci per informarli sulle ultime iniziative intraprese e sui risultati economici ottenuti nel primo semestre 2014. Positive le novità


Il primo e più significativo risultato, come si evidenzia successivamente nell’analisi del conto economico, è il miglioramento dell’utile netto del semestre, attestatosi ad € 8.094 mila, rispetto ad € 1.356 mila al 30 giugno 2013 (+ 497%), conseguito in un contesto ancora difficile ed incerto, ma che ha confermato la capacità della Banca di generare valore per i propri Soci, mantenendo nel contempo prudenti politiche di gestione.

Nella tabella di seguito sono esposti i principali aggregati patrimoniali:

Dati in € milioni Giugno 2014 Giugno 2013 Variaz.%
Raccolta diretta 3.106 3.250 -4,4%
 Raccolta indiretta 1.253 1.072 16,9%
 Raccolta complessiva 4.359 4.322 0,9%
 Impieghi per cassa 2.944 3.000 -1,9%
 Crediti deteriorati netti su impieghi 13,26% 13,57% -2,3%
 di cui sofferenze nette su impieghi 5,70%    5,54% 2,9%
 Patrimonio netto 397 366 8,5%
 Numero Soci 39.048 37.366 4,5%
 Numero conti correnti 69.771 67.694 3,1%

La raccolta diretta da clientela a fine semestre ammonta ad € 3.106 milioni, in riduzione del 4,4% rispetto ad un anno fa, quando però l’aggregato comprendeva anche depositi ricevuti da operatori istituzionali per € 125 milioni, scaduti e non rinnovati.
Al netto di tale componente la raccolta diretta risulta sostanzialmente in linea con quella del giugno precedente (-0,6%).
Si precisa altresì che sono state avviate azioni per contenere il costo della raccolta diretta, coerentemente con l’andamento dei tassi di mercato, e che l’azione commerciale è stata maggiormente indirizzata verso la raccolta indiretta per migliorare la marginalità dell’Istituto.
A conferma della fiducia riposta nella Banca dalla clientela, si è concluso positivamente nel semestre il collocamento di due prestiti subordinati, il primo effettuato a febbraio per € 35 milioni con scadenza 7 anni ed il secondo a maggio per € 25 milioni con scadenza 8 anni.
Dato il successo del programma, è prevista una nuova emissione nei prossimi mesi.

La raccolta indiretta ha raggiunto € 1.253 milioni, in crescita del 16,9% rispetto al 30 giugno scorso, sostenuta in particolare dall’ottimo andamento del risparmio gestito, costituito da fondi comuni di investimento e da raccolta assicurativa, che è cresciuto su base annua del 38%, portandosi ad € 413 milioni e raggiungendo il 32,9% dell’aggregato (27,9% nel giugno 2013).

La raccolta complessiva, pertanto, si determina in € 4.359 milioni, in aumento dello 0,9% (+3,8% al netto della componente istituzionale precedentemente descritta).

Gli impieghi a clientela ammontano ad € 2.944 milioni, rispetto ad € 3.000 milioni al 30 giugno 2013 (-1,9%).
Tale aggregato risente della generale stagnazione delle attività economiche, che ha comportato una minore domanda di credito da parte delle imprese, sia per finanziare le attività circolanti sia a supporto degli investimenti.
Ciononostante, le operazioni a medio termine scadute nel primo semestre sono state quasi completamente sostituite da nuove erogazioni, a conferma dell’attenzione della Banca al territorio.
In particolare sono state erogate n. 372 operazioni, per quasi € 50 milioni, di finanziamento alle PMI, assistite dalla garanzia di MCC ai sensi della legge 662/96.

La dinamica dei crediti deteriorati ha mostrato, per la prima volta dall’inizio della crisi, una flessione: il rapporto crediti deteriorati netti / impieghi è infatti passato dal 13,57% del giugno 2013 all’attuale 13,26%.
In lieve crescita il rapporto sofferenze nette / impieghi, passato dal 5,54% al 5,70%.

Il patrimonio netto si attesta ad € 397 milioni, in crescita dell’8,5% rispetto al giugno 2013, per effetto del miglioramento dell’utile netto e delle quotazioni dei titoli di stato detenuti fra le “attività finanziarie disponibili per la vendita”.
I coefficienti patrimoniali, calcolati con le nuove e più stringenti regole di Basilea 3, si confermano solidi, attestandosi al 15,09% per il Core Tier 1 e al 18,53% per il Total Capital Ratio.

In costante crescita, a conferma del gradimento della clientela, nonché della forza del legame con il territorio, il numero dei conti correnti, passati da 67.694 a 69.711, e quello dei Soci, che hanno raggiunto al 30 giugno quota 39.048, rispetto ai 37.366 di 12 mesi prima.

Di seguito sono riportate le risultanze del conto economico al 30 giugno 2014:

Dati in € migliaia Giugno 2014 Giugno 2013 Variaz.%
Margine d’interesse 31.756 29.829 6,5%
Commissioni nette 11.641 10.327 12,7%
Margine di intermediazione 83.978  58.398  43,8%
Rettifiche di valore su crediti e titoli  44.688 27.225  64,1%
Risultato netto della gestione finanziaria 39.290 31.173  26,0%
Costi operativi 25.943 24.956 4,0%
Utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte 13.407 6.218 115,6%
Imposte sul reddito  5.313   4.862 9,3%
Utile netto 8.094   1.356 496,9%

















Il margine di interesse
ammonta ad € 31,7 milioni, in crescita del 6,5% rispetto al primo semestre 2013, grazie in particolare alle sopraccitate politiche di contenimento dei costi di provvista, che hanno più che compensato i minori interessi attivi percepiti sugli impieghi con la clientela e sui titoli di stato.

Le commissioni nette si attestano ad € 11,6 milioni (+ 12,7% rispetto al giugno 2013), grazie al positivo contributo delle commissioni di collocamento di prodotti del risparmio gestito e della “Bancassicurazione” e alla tenuta delle commissioni per i servizi tradizionali.

Il margine di intermediazione, pari ad € 83,9 milioni, è aumentato del 43,8%, sostenuto, oltre che dalle positive performance del margine di interesse e delle commissioni, dal favorevole andamento del mercato dei titoli di stato, che ha consentito di conseguire utili per la cessione di “attività disponibili per la vendita” per € 41,1 milioni (€ 17,7 milioni a giugno 2013).

Le rettifiche di valore su crediti e titoli, al netto delle riprese, ammontano ad € 44,7 milioni contro € 27,2 milioni del 1° semestre 2013.
Il Consiglio di Amministrazione infatti, nel pieno e tempestivo rispetto delle disposizioni di Vigilanza, che hanno richiesto alle banche l’adozione di ulteriori presidi relativamente alla valutazione delle componenti di rischio di ciascuna controparte affidata, ha rivisitato negli ultimi mesi la regolamentazione interna in materia, introducendo criteri più stringenti nell’esame dei crediti con andamento anomalo e nella valutazione delle garanzie che assistono le posizioni in default. La misura degli accantonamenti effettuati nel semestre sottolinea il carattere prudenziale al quale sono ispirate le politiche di gestione del credito della Banca.

Nonostante gli importanti accantonamenti effettuati, il risultato netto della gestione finanziaria, grazie alle positive componenti precedentemente illustrate, si attesta ad € 39,3 milioni, in crescita del 26% rispetto al giugno 2013.

I costi operativi, pari ad € 25,9 milioni, confermano le previsioni di budget (+4%) e comprendono alcuni investimenti straordinari relativi ad adeguamenti normativi. Il cost income, dato dal rapporto tra i costi operativi ed il margine di intermediazione, rimane ampiamente inferiore al 50%.

L’utile dell’attività corrente al lordo delle imposte si attesta ad € 13,4 milioni contro gli € 6,2 milioni al 30 giugno 2013 (+115,6%); le imposte sul reddito ammontano a € 5,3 milioni (€ 4,9 milioni nel 1° semestre 2013). Rispetto al giugno 2013, tale componente contempla la detrazione anche ai fini Irap delle rettifiche di valore su crediti, nonchè la riduzione dell’aliquota Irap dal 5,57% al 5,12%.

L’utile netto risulta di € 8.094 mila, in sensibile aumento (+497%) rispetto al giugno 2013.
L’importante profilo reddituale precedentemente illustrato, consentirà alla Banca di guardare con maggiore serenità alle prospettive future e allo sviluppo delle politiche delineate nel piano strategico approvato sul finire dello scorso esercizio, nel rispetto di una sana e prudente gestione.




Aggiungi commento:
Vedi anche
30/03/2018 16:55:00

Valsabbina: il bilancio all'approvazione dei soci Si terrà sabato 14 aprile p.v., presso il “Gran Teatro Morato” di Brescia, l’Assemblea dei Soci di Banca Valsabbina

19/04/2008 00:00:00

Banca Valsabbina convoca i soci I soci della Banca Valsabbina, banca popolare fondata a Vestone nel giugno del 1898, sono convocati in Assemblea Ordinaria in seconda convocazione questa mattina, sabato 19 aprile 2008.

16/04/2020 11:30:00

Banca Valsabbina, congelato il dividendo Il CdA di Banca Valsabbina, nella seduta di ieri, ha deliberato di proporre all'Assemblea dei Soci di destinare l'utile di esercizio interamente a riserva, fatta salva la quota destinata al fondo di beneficenza

27/08/2016 09:30:00

Barbieri: «C’è il sospetto di una speculazione» Il direttore generale è consapevole del disagio dei soci in merito alle quotazioni delle azioni della banca, il cui prezzo «è totalmente avulso dal valore e dalla reale consistenza patrimoniale della banca»

29/04/2016 10:43:00

8 milioni di utile, 0,12 di dividendo per azione Si terrà questo sabato 30 aprile presso il PalaBrescia di via San Zeno in città l’assemblea dei soci della Banca Valsabbina, chiamata nella parte straordinaria ad approvare anche alcune modifiche allo statuto



Altre da Valsabbia
07/05/2021

Caseificio Sociale Valsabbino, un anno di crescita

Aumento dei conferimenti e quindi della produzione nel 2020 per la cooperativa valsabbina del latte che, nonostante la congiuntura dovuta alla pandemia, ha incrementato fatturato e remunerazione dei soci

06/05/2021

Rsa, presto il via libera alle visite dei parenti

Dopo la conferenza Stato-Regioni sembra che l’ordinanza del Governo al riguardo sia vicina. Le condizioni per poter fare visita agli anziani in sicurezza

06/05/2021

Perché dono? Lo racconti tu!

L’Avis Odolo-Preseglie lancia un contest per la produzione di materiale per la promozione delle donazioni da pubblicare sui propri canali social

06/05/2021

Fondi ai Comuni per il dissesto idrogeologico

In arrivo risorse statali per la messa in sicurezza del territorio. In Valle Sabbia il Comune che ha ricevuto il contributo più alto

06/05/2021

Incidenti lavoro, Girelli: «Potenziare la medicina del lavoro»

Il consigliere regionale valsabbino del Pd: "In riforma sanità trovi spazio capitolo prevenzione e potenziamento controlli"

06/05/2021

Online le testimonianze dei reduci alpini

I 36 filmati realizzati dalla sezione Ana “Monte Suello” di Salò con interviste ai reduci della Seconda guerra mondiale valsabbini e gardesani sono stati pubblicati sul sito internet a disposizione di tutti, soprattutto per le giovani generazioni

06/05/2021

Scopri l'apprendistato

Lavoro e studio insieme col CFP Giuseppe Zanardelli, così è più facile trovare occupazione. Otto le edizioni nei primi mesi dell'anno: a Villanuova sul Clisi è per il 13 maggio. Ecco come iscriversi gratis

05/05/2021

«La ricaduta pandemica negli equilibri dei territori»

L’incontro tra Confartigianato e i sindaci dirigenti e associati dell’organizzazione ha messo in evidenza la gran voglia di rilancio post pandemia. Al webinar è intervenuto anche uno dei sindaci valsabbini

05/05/2021

Dopo i tavoli di confronto si va verso l'ipotesi Lonato

Concluso il dialogo tra Acque Bresciane e le realtà del territorio, l’opzione Lonato sembra la più papabile per realizzare il nuovo depuratore. La “terza via” di Gaia non convince tutti

05/05/2021

Ancora un leggero calo dei ricoverati

Gli strascichi della terza ondata della pandemia da Sars-Cov-2 si riverbera nei posti letti occupati dell’Asst del Garda che ospitano sempre meno malati Covid