19 Settembre 2014, 10.24
Valsabbia
Speciale Corsi

Arti marziali

di Redazione

La scuola di Kung Fu tradizionale Long C'hi riprende I corsi di Kung Fu nelle sedi di Sabbio Chiese, Vestone, Idro, Bagolino, Storo   


La scuola Long C'hi, come ogni anno, nel mese di settembre ha ripreso l'erogazione dei corsi di vari stili di Kung Fu.

Il Kung Fu è un’arte marziale antica il cui nome letteralmente significa “abilità acquisita con fatica” o “duro lavoro”; questa definizione indicava una capacità eccezionale raggiunta in seguito ad un lavoro meticoloso e raffinato.

Chi pratica Kung fu segue un programma di salute psico-fisica attraverso il quale ogni essere umano è messo in grado di esprimere al massimo il proprio potenziale, grazie ad un profondo lavoro di comprensione e di consapevolezza di sé.
Praticare questa disciplina consente di acquisire equilibrio tra forza fisica e mente, tramite un miglioramento della coordinazione, dell’autocontrollo, della concentrazione e dell’armonia dei movimenti.

Il Kung fu è una disciplina salutare
la cui concezione è lontana dalla credenza comune che tende ad associarlo alla violenza e all’aggressività dei combattimenti; nel Kung fu tradizionale i principi etici e morali dell’arte marziale si ispirano ai valori di non violenza, onestà e rispetto verso sé stessi e gli altri.
Stare bene con se stessi è fondamentale per l’essere umano e questo richiama l’esigenza che nell’educazione al movimento confluiscano esperienze che riconducono a stili di vita corretti e salutari.

Gli stili praticati sono I seguenti: C'ha-Kung-P'o; Shaolin Hung-Gar; Choy-Ley-Fut; Tang-Lang; Siu-Lam-Jow; Wing-Chun; Hop-Gar Tibetano; Siu-Lam Fut-Gar; Tai Chi Chuan.

I corsi sono aperti a tutti
(bambini/e, ragazzi/e e adulti) a partire dai 5 anni e si tengono presso le palestre di

♦ VESTONE - Palestra ex scuole elementari "C. Abba":
Lunedì:
dalle ore 18:00 alle ore 19:30 corso bambini da 5 a 8 anni
dalle ore 19:30 alle ore 21:30 corso ragazzi e adulti

♦ IDRO - Palestra piccola vicino alle scuole elementari
Lunedì dalle ore 16:30 alle ore 18:00 corso bambini da 5 a 12 anni

♦ SABBIO CHIESE - Palestra scuole elementari
Mercoledì
- dalle ore 18:00 alle ore 19:00 corso bambini da 5 a 8 anni
- dalle ore 18:00 alle ore 19:30 corso ragazzi
- dalle ore 19.30 alle ore 21.30 corso adulti

♦ STORO - Palestra scuole medie
Martedì
- dalle ore 18:00 alle ore 19:00 corso bambini da 5 a 8 anni
- dalle ore 18:00 alle ore 19:30 corso ragazzi
- dalle ore 19:30 alle ore 21:30 corso adulti

Giovedì
- dalle ore 18:00 alle ore 19:00 corso bambini da 5 a 8 anni
- dalle ore 18:00 alle ore 19:30 corso ragazzi
- dalle ore 19:30 alle ore 21:30 corso adulti

Per i corsi che si tengono a Bagolino è necessario contattare Elisa al numero 339 297 8702

Per ulteriori informazioni rivolgersi al Maestro Nicola nelle palestre indicate oppure al num. 338 218 6746

Inoltre potete trovare informazioni sulla pagina Facebook della scuola




Aggiungi commento:
Vedi anche
12/10/2010 09:00:00

Tai Chi e Kung Fu La Scuola Long C’hi Kung Fu tradizionale propone dei corsi d Tai Chi Chuan e Kung Fu tradizionale per ragazzi e adulti per apprendere queste arti marziali.

08/10/2013 09:30:00

Arti marziali La Scuola Long C'hi Kung Fu tradizionale propone dei corsi di Tai Chi Chuan e Kung Fu per ragazzi e adulti a Sabbio Chiese, Vestone, Idro e Storo

29/03/2017 15:10:00

Scuola Long C'hi, i nostri campioni Ottimi risultati per l’associazione sportiva di arti marziali valsabbina al Junior Italian Open, Campionato Italiano Giovanile di Brazilian Jiu Jitsu Unione Italiana, svoltosi a Parma

13/11/2009 07:00:00

Arti marziali per tutti Prendono il via da oggi i corsi di Kung Fu per donne, bambini e adulti dell’associazione Xié Lóng di Preseglie.

08/01/2011 08:00:00

Corsi di autodifesa per donne Anche ad Agnosine e Salò i corsi di arti marziali promossi dall’assessorato allo Sport della Provincia.



Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)