27 Giugno 2015, 13.37
Valsabbia
Controlli

Occhio al Tir

di Redazione

Un occhio di riguardo da parte della Locale dell'Aggregazione valsabbina, è stato riservato alla correttezza su strada degli autotrasportatori


Un centinaio i "tir" controllati dagli agenti gestiti dal comandante Fabio Vallini nelle utime due settimane.
Il 40% circa sono risultati essere condotti da autisti stranieri, provenienti soprattutto da Romania, Polonia e Russia.
Gli agenti si sono appostati sulle strade di grande comunicazione: a Roè Volciano, Vsetone, Lavenone, Anfo, Preseglie, Odolo e Barghe.

Con qualche sorpresa.
Un paio i casi emblematici.

L'autista di un'autoarticolato russo, infatti, fermato a Vestone, ha guidato il suo bestione nelle ultime tre settimane senza mai ottemperare all'obbligo del riposo settimanale. 
In questo caso, anche se uno degli agenti dell'Aggregazione si è rivolto a lui in perfetto inglese, faceva finta di non capire e soprattutto non voleva pagare la multa (subito ed in misura ridotta, come prevede la normativa per gli autisti stranieri). Idem contattando l'azienda in Russia.
Adottando la procedura "Sipes" gli agenti hanno quindi disposto il fermo amministrativo del mezzo, consegnandolo alla ditta Fantoni di Prevalle,
Il giorno successivo, dopo il riposo che non aveva mai fatto, l'autista ha pagato la multa e ha potuto riprendere il suo viaggio.

A Preseglie è stato fermato un camion carico di rottame il cui autista, un 48enne di Caltanissetta, nei 28 giorni precedenti al controllo aveva effettuato ben 24 violazioni, sopratttto in merito all'alternanza guida/riposo.
Per più giorni aveva guidato per 16 ore continuative. In un caso aveva riposato solo 46 minuti invece che le 9/11 ore previste, in altri casi il riposo non aveva superato le 4 ore.
In questo caso è stata sanzionata anche la ditta, per omesso controllo sull'attività degli autisti.

All'autista di Castelmella, cumulando le violazioni al codice, avrebbero dovuto togliere ben 104 punti patente.
La norma vuole che se ne possano levare, in una volta sola, al massimo 15.

«Un camionista che guida ore e ore senza il dovuto riposo è un pericolo potenziale enorme sulla strada, per se stesso e per tutti gli altri utenti» ha detto il comandante, motivando la scelta di dedicare del tempo a questo tipo di controlli.


Tag


Commenti:
ID58828 - 28/06/2015 13:11:26 - (Giacomino) - Bravo comandante

per anni certi autisti di mezzi pesanti hanno considerato le valli del nord come zone franche per i loro comportamenti illeciti, attentando alla sicurezza di tutti senza parlare d'altro. La prevenzione anche in questo settore non è tempo perso o distratto da altri servizi.

ID58831 - 28/06/2015 21:36:05 - (marco78) - Giacomino!

Ci fai sapere anche a noi da che fonti arrivano le tue affermazioni che ,ricorda sempre ,essendo una risposta pubblica magari OFFENDONO chi come me (e siamo tanti) esercitano la professione (si siamo professionisti anche noi) di autotrasportatore.Inoltre ricorda che anche un'operaio che fa doppio turno o straordinarie eccessive in fabbrica è un potenziale pericolo ( la stanchezza abbassa la soglia d'attenzione) ma nessuno controlla perchè non fa ne notizia ne tantomeno cassa.

ID58832 - 28/06/2015 21:40:02 - (marco78) - Comunque

ben vengano i controlli, le regole ci sono e vanno rispettate da tutti anche se, se fossero un pò più chiare e semplici magari applicarle non sarebbe così complicato. I controlli favoriscono sempre chi come me lavora onestamente.

Aggiungi commento:
Vedi anche
02/07/2010 17:02:00

Miss Valsabbia in “salsa verde” I Giovani Padani della Valsabbia terranno questa domenica una kermesse a Idro con l'elezione di Miss Valsabbia.

21/09/2012 14:00:00

Obiettivo inverno Riprende in pieno, in attesa della stagione sulla neve, la preparazione presciistica con lo sci club Agonistica Valsabbia.

27/12/2017 08:37:00

Valsabbia in lutto per la scomparsa di Massimo Pasini La camera ardente è stata allestita nell'abitazione di Barnico, a Provaglio Valsabbia. Giovedì i funerali



Altre da Valsabbia
22/09/2021

Caccia, Massardi: «Qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega: “Quanto accaduto è una débâcle senza appello per chi si è affidato alla strategia di approvare il calendario venatoria all’ultimo minuto, forse nella inconsistente convinzione che il TAR non intervenisse così come è intervenuto”

22/09/2021

Caccia sospesa in Lombardia

l Tar della Lombardia ha sospeso almeno fino al prossimo 7 ottobre l’attività venatoria nella regione. Accolto il ricorso della Lac, la Lega per l’abolizione della caccia

22/09/2021

Depuratore, Girelli: «Necessario riprendere il percorso con il territorio»

Il Consigliere regionale del PD Gianni Girelli ha presentato una mozione affinché la Regione chieda al governo di rivedere le decisioni prese e ristabilire un iter istituzionale corretto

22/09/2021

Il ricorso dei sindaci: «Mancano le Valutazioni ambientali e sanitarie»

Presentato lunedì al Tar di Brescia il ricorso contro la nomina del commissario per la depurazione del Garda: «Il Commissario può derogare soltanto alle norme sugli appalti non scegliere la localizzazione»

22/09/2021

L'osteoporosi: cos'è e come si previene

Cos'è l'osteoporosi e come si previene? Scopriamolo insieme alla Dott.ssa Clara Zambarda, reumatologa del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio di Salò

21/09/2021

Il vescovo presenta la Lettera pastorale

Questo giovedì sera al teatro parrocchiale “La Rocca” di Sabbio Chiese l’appuntamento rivolto alle parrocchie della Valle Sabbia in particolare per educatori e catechisti

21/09/2021

«Resistere e generare. La cooperazione sociale tra emergenze e opportunità»

Il tradizionale appuntamento annuale della cooperativa “La Nuvola nel Sacco” si terrà questo mercoledì sera, 22 settembre, in città. Ecco il programma

21/09/2021

Lettori e pandemia, il punto sulle biblioteche

Alessandra Vittici, direttrice del Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano, analizza per noi l’andamento delle biblioteche, in particolare quelle valsabbine, ai tempi del Covid

21/09/2021

Sul fuoco o elettrico?

C’è una convinzione presente nella mente di ogni vero valsabbino: lo spiedo cucinato sul fuoco è migliore di quello cotto in maniera elettrica! Ma è davvero così?

(3)
20/09/2021

Depuratore, si va a Roma. Pronta la trasferta

I manifestanti del Presidio bresciano, ma anche tutti coloro che vorranno unirsi alla protesta, si danno appuntamento a Palazzo Chigi per interpellare di persona i parlamentari bresciani sulla questione del depuratore del Garda