03 Luglio 2015, 07.31
Pensiero

«Arbeit», lavoro

di Dru

Prende spunto da una risposta data da Piero Calamandrei a don Luigi Sturzo, la disamina del "dramma" di una società fondata sul lavoro


Calamandrei:
“Bisognerebbe (rispondeva a Sturzo) che lei facesse l’esperienza – ma quella vera! – che tocca fare al sindaco di una città di 400.000 abitanti avente la seguente cartella clinica: 10.000 disoccupati; 3.000 sfrattati (sfratti autentici sa!); e 17.000 libretti di povertà, con un totale di 37.000 persone assistite dal Comune.

Scusi, davanti a tutti questi ‘feriti?, buttati a terra dai ‘ladroni’, cosa deve fare un Sindaco?
Può lavarsi le mani dicendo a tutti: Scusate, non posso interessarmi di voi perché non son statalista ma interclassista?

Si fa presto – ed è anche comodo – a lanciare accuse di marxismo a coloro che ‘scendono da cavallo’ per sanare il fratello iniquamente ferito”.


Dru:
Ciò che fonda il lavoro è la creazione come proposizione, ci si propone uno scopo e lo scopo è l'ente creato, non tutti gli enti possono essere creati, non tutti gli enti sono per ciò stessi disponibili e quindi decidibili, sul lato della loro prassi: gli enti increabili sono gli enti indisponibili e per questo motivo che è impossibile fare di loro qualcosa, Dio non è creabile, Dio è eterno; ma dicevo, il lavoro è d'altro canto la creazione come proposizione.

Creato da chi? Da chi dunque pro-pone  la creazione.
La proposta, che significa appunto porre prima, quindi essere la principialità, è la genesi di ogni creazione. Creatore, creato e creatura sono ciò che ci "fa" uomini.
Quando vengono a mancare le proposte in una società e a questa manca la base per creare, la società si svuota non solo della sua ragione, ma del suo essere, perché manca il principio, manca appunto il principio dell'azione, le proposte, il progetto.

E questo è il dramma di una società fondata sul lavoro,
perché nel mancare la proposta, manca la speranza di un risultato, come nel mancare l'inizio manca il fine, e cosa ho detto prima dello scopo?
Ho detto che lo scopo è appunto l'ente creato.

Senza lavoro viene a mancare lo scopo, viene a mancare quindi la terra sotto i piedi,  e sulla base del pensiero occidentale, del "fare", l'uomo è impotente, cioè è incapace di qualsiasi proposta.

Senza proposta manca il senso di questa esistenza, dell'esistenza  di uno scopo e per l'uomo mortale, ancorché non morto, è la sua morte.
Chi si impegna poi, magari anche inconsciamente, nel  sottrarre la proposta, si impegna appunto ad uccidere...

Questo è ciò che dice il dire di Calamandrei a Don Sturzo.


Breve analisi dei termini:


Ciò che fonda il lavoro è la creazione come proposizione significa: il lavoro esiste come lavoro perché chi lavora presuppone di creare e chi crea attraverso il proprio lavoro presuppone l'azione, è l'agire il lavoro.

Ci si propone uno scopo e lo scopo è l'ente creato significa: l'agire come lavoro è l'agire che attraverso un progetto (proposta dello scopo) produce un fine e il fine è quella cosa creata secondo progetto, anche per chi si propone di fare un caffè, questa proposta (progetto, pensiero) ha come fine, appunto, di creare un caffé.

Non tutti gli enti possono essere creati significa: un caffé decido di farlo, e la decisione è originata dalla possibilità, una sberla al Sole no, ci sono cose impossibili da fare o necessarie, queste ultime non rientrano nel dominio del lavoro, che è il dominio del possibile.

Creatore, creato, creatura significa: Il creatore o l'homo faber, creato o gli enti finali, cioè creati dall'homo faber, il mondo e la creatura (era meglio dire creazione) o relazione o azione del produrre che vincola il creatore o demiurgo al creato o cosa fatta o mondo.

Sono ciò che ci fa uomini significa: senza questo significato, l'uomo che è impedito a fare è  l'homo faber che non esiste, simpliciter.
Ogni violenza, e qui badate bene non occorre mandare un uomo in guerra per violarne i principi di umanità, è questa violazione del criterio che lo "fa", del suo significato. Non essere significa appunto non significare.

Non essere tavolo significa non significare tavolo, non essere donna, da parte di un uomo ad esempio, significa non significare donna, non essere homo faber, da parte di un creatore, significa non significare homo faber, significa non creare, significa morire dunque.

Qui l'obiezione potrebbe ribadire, ma anche l'ozio è un modo di fare.
È vero, chi decide di stare in ozio è l'homo faber e in questo il suo significare non viene violentato, ma qui non ci proponiamo di definire l'ozio deliberato come contraddittorio all'homo faber, altrimenti, se l'ozio è una scelta allora l'ozio è quell'ente, quello scopo, creato sulla base di un proprio proponimento, come per ogni altro lavoro. Qui allora non sussiste alcun criterio che fa dell'ozio una violazione dell'homo faber.

Ma noi stiamo appunto dicendo di chi toglie il proponimento
, togliendolo coscientemente o incoscientemente, che significa, togliendolo sapendo di toglierlo o addirittura togliendolo non sapendolo.
Non è in questo meno grave, non è meno grave togliere il lavoro senza saperlo. Solo per la giurisprudenza l'intenzione ha un valore, non per filosofia. Per filosofia ogni valore è un essere voluto.

Il lavoro esiste come lavoro, è tautologia, è identità e significa: la totalità o trascendentalità del lavoro è non solo una sua parte.

Ad esempio il numero
: il numero può esistere come uno e allora esiste come sua parte o specifico e allora il numero esiste in quanto determinato e in questo caso specifico il numero in quanto uno è diverso dal numero in quanto due.
Ma il numero può anche esistere in quanto numero e allora non esiste più come parte di sé ma come suo tutto o "ciò che esso è" nel suo essere tutto di sé e non solo una parte e in questo caso non esiste in quanto parte ma esiste in quanto esistente.

L'esistente è l'identità della totalità delle differenze.



Aggiungi commento:
Vedi anche
27/06/2012 11:00:00

La cinematografia è pensiero Scegliere film più «difficili» che implicano di pensare significa dare avvio al principio di liberazione che l'atto del pensare mette in moto ogni volta in noi, spingendoci a rapportarci col presente, affrontare nuovi problemi e ridefinire noi stessi

01/06/2015 07:51:00

Il pensiero, di Emanuele Severino Quando si pensa al pensiero, e agli elementi che lo compongono, molti guardano alla loro testa e se della propria testa non ci si fida, allora ci si affida a quella di chi ha più popolarità in quello specifico campo, il pensiero ed il suo studio appunto

18/06/2016 07:54:00

Non ho colpe perché ero comandato Dovete sapere che a Norimberga i nazisti ebbero l'ardire di mostrare cosa celasse il significato della tecnica nel suo lato peggiore...

01/03/2014 10:07:00

La filosofia nasce grande con Anassimandro 1.4 Si tratta ora di comprendere che il significato del dolore e dell'angoscia, al quale si riferisce il pensiero filosofico, è essenzialmente connesso al modo in cui la filosofia, sin dall'inizio, pensa  l'"essere" , il "nulla", il "divenire"

25/09/2012 10:00:00

La radicalità del filosofare La filosofia non è strumento verso un sapere assoluto ma l'umile capacità di essere indirizzati verso un altrove che ha a che fare con l'ignoto dello sguardo. Perché il pensiero si annida in ogni situazione e in ogni luogo. D'altra parte Spinoza era un tornitore di lenti



Altre da Terza Pagina
17/09/2021

Un concerto per dire «grazie» al personale sanitario

Quello in programma per domani sera, 18 settembre, a Salò a cura della Banda cittadina è un concerto dedicato a tutti coloro che sono stati in prima linea fin dall'inizio nell'affrontare la pandemia

16/09/2021

Aventino Frau, le opere di un uomo lungimirante

Alla sua figura accademica è dedicata una pubblicazione che verrà presentata questo venerdì pomeriggio, 17 settembre, a cura dell'Ateneo di Salò

14/09/2021

Un autunno di iniziative

Un gruppo di lettura per condividere una passione in comune, ma anche corsi di bella scrittura, recitazione, lingue. Ce n'è per tutti i gusti tra le iniziative in programma a Gavardo nei prossimi mesi

14/09/2021

Marco Cantarini presenta «I risvegliati»

Questa sera – martedì 14 settembre – a Muscoline l'incontro con l'autore, che presenterà il prequel di “Horror vacui”. Ingresso libero con green pass

11/09/2021

Prevalle in fiore

Questa domenica, 12 settembre, a Palazzo Morani un pomeriggio di intrattenimento con la premiazione del concorso “Orti e giardini fioriti” e l'Open Day della Biblioteca comunale

11/09/2021

Cene itineranti a chilometro zero

Sono in programma nell'ambito del Laboratorio Gastronomico delle Valli Resilienti, rassegna organizzata dalle Comunità Montane di Valle Sabbia e Val Trompia

09/09/2021

«Urla» contro la violenza sulle donne

Questa domenica, 12 settembre, in occasione di “Prevalle in fiore” l'inaugurazione del progetto nato dall'idea di un gruppo di fotografi locali

09/09/2021

«Prendo parola. Voci poetiche dal lavoro»

L'associazione “La Rosa e la Spina” organizza due eventi per presentare la raccolta di prose e poesie dei partecipanti al suo concorso letterario

08/09/2021

Omaggio a Lucio Battisti

Torna a Paitone il duo musicale Andrea Butturini e Andrea Ragnoli. Questo volta, a distanza di un anno dall’omaggio a Mina, il ricordo è dedicato ad un’altra icona della musica italiana: Lucio Battisti

07/09/2021

A Gavardo il suo Spazio

Stelle, scienza, astronomia, astrofisica al centro di una rassegna con ospiti scienziati di livello internazionale che si svilupperà in sei appuntamenti fra settembre e ottobre