10 Dicembre 2015, 12.29
Vobarno
L'Eco del Perlasca

Perchè il terrorismo? Conferenza all'Itis

di Patrick Doniselli

Questo venerdì, nella sede vobarnese del Perlasca, in occasione dell'assemblea d'Istituto, l'esperto Michele Brunelli è stato invitato a parlare del più che mai attuale tema Isis


Un'idea, un progetto diverso dal solito, quello pensato e presentato dai rappresentanti d'istituto della sede di Vobarno dell'Istituto di Valle, che per l'imminente assemblea degli studenti hanno invitato il dott. Michele Brunelli a tenere una conferenza dal titolo "Le nuove tecnologie del terrorismo, da Al-Quaeda all'Isis", alla quale presenzieranno le classi quarte e quinte dell'istituto.

La conferenza, che si terrà dalle 8 alle 10 circa di venerdì 11 dicembre, tratterà come già detto il tema del terrorismo, delle attuali e passate celle terroristiche, delle modalità utilizzate nel corso della storia dai terroristi per attuare le proprie operazioni di paura e terrore e di quanto sia sbagliato accomunare di Islam e terrorismo. Tematiche calde, attuali, da tempo però, caratterizzanti gli studi e gli scritti del dott. Brunelli.

Alcune notizie sul dott. Michele Brunelli:
Laureatosi presso l'Universitá cattolica del Sacro Cuore di Milano in Scienze politiche ed internazionali, ha successivamente preso parte ed ottenuto svariati dottorati di ricerca in prestigiose università non solo italiane, che gli hanno permesso, grazie anche alla sua tenacia, di poter collaborare con enti internazionali di grande importanza, come l'Unesco, passando poi per le numerose esperienze come docente universitario e ricercatore presso le università di Bergamo, Univerisità del Sacro Cuore di Milano, La Sapienza di Roma, l'Università di Grenoble (FR), Irkutsk State Univeristy ( Russia), passando infine per Univerisità indiane ed ancora Torino e Brescia. Insegnate alle facoltà di Legge scienze politiche, ha anche partecipato a gruppi di ricerca in economia orientale, cultura islamica e sviluppi politico-economici del mediterraneo.

Vissuto ed esperienze non comuni, che l'hanno portato anche a pubblicare molti libri, trattando temi non solo economici e politici, ma anche, appunto, culturali, con particolare attenzione alle religioni e culture orientali.

Sarà quindi un onore e un privilegio per gli studenti del Perlasca di Vobarno poter presenziare ed ascoltare la conferenza, che potrà, perché no, aprire menti e sguardi ad una visione diversa e più completa di ciò che li circonda.




Commenti:
ID63034 - 10/12/2015 16:47:14 - (giovanniferremi) - POTEVA ESSERE UN MOMENTO DI PACE E RICONCILIAZIONE.....

SONO UN DOCENTE DELL'ITIS DI VOBARNO. IN QUESTO PARTICOLARE MOMENTO,RITENGO CHE, PER I MIEI STUDENTI, LA PRESENZA DI UN "QUALSIASI NON TITOLATO SACERDOTE" , TRAMITE UNA S. MESSA, SAREBBE STATO L' EVENTO PIU' OPPORTUNO PER RIUNIRE OPPOSTE FAZIONI OD IDEOLOGIE.FORSE LA COSA COSTAVA TROPPO POCO, OPPURE E' TROPPO NATALIZIA-GIUBILEO-CRISTIANA? PROF.FERREMI GIOVANNI

ID63038 - 10/12/2015 18:43:58 - (delirio) - per me invece

nella scuola la messa non ci deve entrare.La messa è "fatta" per chi ritiene di far parte di una comunità cristiana e deve essere celebrata la domenica che è il giorno del Signore.Usare la messa, come si uso il burro in cucina, non mi sembra serio per chi crede e per chi non crede.

ID63039 - 10/12/2015 20:05:48 - (Tc) - ...

fondalmentalmente al 90% se non di più' dei giovani studenti oggi come oggi forse frega proprio niente della messa,dei preti e di tutto l'indotto...amen

ID63040 - 11/12/2015 06:34:52 - (bernardofreddi) -

Dopo il classico "Perché non possiamo non dirci cristiani" e il recente "Perché non possiamo dirci cristiani", uscirà a breve un nuovo contributo al dibattito: "Perché non ci importa nulla di essere cristiani, ma ci conviene dare l'dea di esserlo per motivi politici". (PS La mia battuta non ha niente a che vedere con il prof. Ferremi, mi ha solo dato l'occasione).

ID63041 - 11/12/2015 07:43:37 - (sonia.c) - il primo post conferma come ci sia bisogno di laicità nella scuola.

oltre ad aver scritto maiuscolo(urlare) ha detto cose (in) degne e patetiche di un talebano cattolico. i giovani dell'Itis hanno bisogno di una messa? e non di un esperto che sappia fargli comprendere meglio il difficile momento che viviamo? LEI dimostra QUANTO ci sia bisogno di questi esperti. ma che robaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.un bacio al sior Freddi.

ID63043 - 11/12/2015 08:24:46 - (Ila77) -

Via le messe i sacerdoti e i simboli religiosi dalle scuole, dagli asili fino alle università.L'istruzione non è indottrinamento, la religione deve essere una scelta autonoma, non un lavaggio del cervello. Chi pensa di dover far crescere i suoi studenti cristiani non è diverso da chi predica il corano nello stato islamico per creare nuovi fondamentalisti.

ID63048 - 11/12/2015 11:52:16 - (lady-54) -

Io credo, che al giorno d'oggi, abbiamo bisogno pi che mai di dare i valori della vita e meno bisogno di politica. I talebani mi sembrano quelli che vogliono cancellare le nostre radici e i nostri valori e che si nascondono dietro a un falso buonismo. Auguri di Buon Natale a tutti.

ID63049 - 11/12/2015 12:45:09 - (sonio.a) -

Ila 77 c' una piccola differenza...nnessun estremista cristiano si ancora fatto esplodere

ID63050 - 11/12/2015 13:34:35 - (sonia.c) - ungiorno ,forse,sapremo COSA hanno buttato con le scie chimiche..

per adesso ne vediamo gli effetti devastanti. signora? lei ha appena diffuso i dis-valori inculcati dalla SUA politica. basta la parola "buonismo". gliela vada a dire a quel povero Cristo appeso. poi,per favore,ci faccia la cortesia di riferirci..no dico...non c'è una sola riga sensata ..o,concettualmente in-confutabile nel suo post.

ID63051 - 11/12/2015 14:40:16 - (lady-54) -

Non avevo dubbi, che non avrebbe capito. Me ne far una ragione. L'importante che Lei impari a rispettare le idea altrui. Forse un po' pi di umilt non Le farebbe male. Auguri di cuore.

ID63052 - 11/12/2015 15:35:29 - (sonia.c) - tipica risposta della SUApolitica. ma non bisognava lasciarla fuori dale scuole?

lei sta parlando pubblicamente anche a questi ragazzi. lei insegna che il dire è u diritto. bene1 anche per mè1 confutare il "dire" è un altro diritto che si può chiamare :discusione e corretta educazione. il diseducativo è credere e far credere che,il confutare con argomenti,sia una mancanza di rispetto! la mancanza di rispetto verso l'intelligenza dei nostri giovani(e non solo) ce l'hanno chi le insegna che le cazzate che vi inculcano, non vanno confutate. mi argomenti per favore. tranquilla..le risponderanno altri.spero..

ID63053 - 11/12/2015 15:44:48 - (sonia.c) - lei ha ragione su un punto..

non le ho confutato punto per punto. ho solo fatto ironia. ma alle volte ,certe corbellerie mi demotivano e deprimono..cosi divento sarcastica. questo non cambia quello che lei a diseducativamente detto. cominci a riflettere sulla parola buonismo". parta da li.saluti e buon natale.

ID63054 - 11/12/2015 15:57:27 - (lady-54) -

La differenza che c' tra me e lei, che io credo che ognuno libero di pensarla come vuole. Per fortuna ognuno abbiamo una nostra testa e non abbiamo bisogno di farci influenzare da nessuno. Mi spiace che si deprima, si rilassi, vivr molto meglio. Auguri

ID63056 - 11/12/2015 18:48:28 - (Tc) - ...lady-54

mi permetta,condivido in parte cio' che ha espresso,sono d'accordo che bisogna dare valori alla propria esistenza,ma bisogna anche esserne capaci di darli,in una societa' sempre piu' laica come si puo' pensare di inculcarli,che poi che valori sono,che radici stiamo perdendo,ne abbiamo mai avuto veramente?Le religioni certo non hanno fatto molto sotto questo punto di vista,hanno solo impostato l'imprinting psicologico e lo stanno ancora facendo,son sempre state motivo di guerra o di conquista tutto per cosa,per convincere a pregare un entita' cui sulla vera esistenza si nutre ancora forti dubbi?!L'uomo il valore deve averlo dentro,ci sono forse molte persone giuste non religiose che il contrario,la chiesa e tutto cio' che gli gira intorno non e' immune dell'aver fatto cose a dir poco abominevoli,dalle crociate di ieri ai pedofili di oggi e vogliamo parlare di valori?L'islam,sta pian piano facendo le stesse cose in una maniera o nell'altra e tutto per cosa,per dei valori?Quali?!!

ID63057 - 11/12/2015 18:58:47 - (Tc) - ...part two...

Non c'è bisogno di una religione,qualsiasi essa sia,a farci capire cosa sia giusto cosa no,se far del bene o far del male,tutto dipende dall'uomo...poi ben vengano discussioni di dotti o professori su questo,ma alla fine tutto parte dentro di noi,nasciamo senza religione,perche' ci dovremmo morire...durante il corso della vita,la cosa confortante e' che possiamo scegliere,sta a noi se bene o male non ad altri...

ID63061 - 12/12/2015 14:00:22 - (sonia.c) - nasciamo senza tutto.

e ,certamente,abbiamo bisogno di valori e consapevolezza che ci guidino. ma questi,non sono un'esclusiva della religione. e visto poi come manco la seguono giusta... hainoi!ci salvi manitù! o i neuroni ancora accesi ..meglio affidarsi a questi..molto meglio. allora ragazzi! ci sarà qualcuno che ci illumini su questo incontro? forza!

ID63062 - 12/12/2015 15:51:22 - (tonga7) - Cattivo

ho chiesto al mio datore di lavoro che, dato che diversifica il regalo di natale per i dipendenti di fede islamica (niente vino scrauso,...cioccolato, marmellata..etc.) Io, essendo di religione pagana, vorrei avere lo stesso riguardo (o forse leccaculo come sono ho usato il termine tatto..)...prima mi ha riso in faccia poi ha capito e si è adombrato...infine se l'è sciacquata dandomi del provocatore (come se la mia fede non fosse acqua)....ma non voglio tediarmi/vi ulteriormente..l'anno stà per finire, la banca Etruria stà per guarire (altrimenti il fratello di Maria Elena è disoccupato) ed io devo uscire. (ma i soldi non li restituiscono....ciao)

ID63063 - 12/12/2015 16:19:47 - (Tc) - tonga7

io al mio ho chiesto di pagarmi gli arretrati e farei a volentieri a meno dei convenevoli regalini natalizi...pare non abbia sentito...ed intanto si va avanti...

Vedi anche
19/04/2015 08:00:00

Firme contro la settimana corta Anche lunedì presso le sedi di Idro e Vobarno dell'I.I.S. di Vallesabbia "Giacomo Perlasca" la raccolta firme iniziata sabato mattina promossa dai rappresentanti dei genitori nel Consiglio d’Istituto e nei Consigli di classe

18/05/2016 06:58:00

Terrorismo, migrazione, religioni Appuntamento a Vobarno, questo sabato pomeiriggio 21 maggio, per trattare tematiche che ogni giorno finiscono sui giornali e nelle tv di tutto il mondo

03/12/2018 10:15:00

Libertas Vallesabbia, un anno da incorniciare Si è concluso il primo lustro per la società sportiva Libertas Vallesabbia, animata dall’incontenibile Paolo Salvadori. Atleti, amici, sponsor e autorità pubbliche, si sono ritrovati a Pompegnino di Vobarno

22/05/2018 09:28:00

Finalisti nazionali Greta Don, Denise Freddi e Andrea Alberti della V^ Amministrazione Finanza e Marketing del PERLASCA di Idro- Vobarno si sono classificati, con la loro impresa simulata "BURNAVOIDERS", fra le 15 migliori aziende d’Italia nel progetto "Young Business Talents"

19/09/2014 08:49:00

Il terrorismo non ha religione Dopo il corteo e l'abbraccio al parroco per dichiarare l'assoluta contrarietà dell'Islam al terorrismo, la comunità islamica vobarnese incontra la popolazione. L'appuntamento è per questa sera in oratorio, a Vobarno



Altre da Vobarno
16/09/2021

Grande rischio in Carpeneda

Tanta paura e pochi danni, per fortuna, a causa di un incidente fra due auto e un camion che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi

14/09/2021

Accoglienza speciale al Perlasca

Con qualche nota negativa ancora da valutare per i trasporti, in Valle Sabbia l'anno scolastico ha preso il via sotto i migliori auspici

14/09/2021

Tre nuovi diaconi valsabbini

Anche tre giovani delle parrocchie di Gavardo, Serle e Vobarno fra i nuovi diaconi ordinati dal vescovo in cattedrale

11/09/2021

Un mandorlo per le vittime del Covid

Domenica 5 settembre si è tenuta presso il parco della Fondazione I.R. Falck di Vobarno una cerimonia per ricordare le vittime della pandemia

08/09/2021

A beneficio dei giovani, delle aziende e del territorio

C’è tempo fino al 10 ottobre prossimo, per candidarsi a partecipare alla formazione gratuita sulle tecniche di installazione e manutenzione di impianti dell’industria meccanica, metallurgica e siderurgica. Solo 30 i posti disponibili

08/09/2021

Vobarno festeggia la Madonna della Rocca

Tornano, a partire da questo giovedì, i festeggiamenti vobarnesi in onore della Vergine Maria. Lunga la serie di eventi a corollario, tutti in oratorio

08/09/2021

Un albero per le vittime del Covid

Nel parco della Fondazione Falck una partecipata cerimonia in ricordo di chi è morto a causa della pandemia e per dire grazie a tutti i volontari

07/09/2021

«Oltre il sipario», la Compagnia delle Pive racconta Luciano Vanni

Il volume, edito da Edizioni Valle Sabbia, verrà presentato questo giovedì sera, 9 settembre, a Vobarno. Un libro da esplorare per conoscere le radici profonde del pittore vobarnese

05/09/2021

Soddisfazione anche per Ponchiardi

Anche il pilota di Vobarno ha preso parte al Rally 1000 Miglia con la sua Citroen Saxo

05/09/2021

Nonna Lina fa i 90

Tanti auguri a Lina, di Carpeneda di Vobarno, che proprio oggi, 5 settembre, spegne 90 candeline