21 Giugno 2016, 07.46
Bagolino
I 150 anni di Monte Suello

Marta Boneschi e i garibaldini della Valle Sabbia

di Giancarlo Marchesi

Per la serie delle proposte sul 150° della Battaglia di Monte Suello, ha avuto luogo nei giorni scorsi a Bagolino un interessante incontro con la scrittrice Marta Boneschi


Non vi è dubbio che le tre guerre del nostro Risorgimento – 1848, 1859, 1866 – abbiano lasciato nelle valli Sabbia e Giudicarie memorie durature.
Molte di queste sono state consegnate ai monumenti che punteggiano le nostre terre: lapidi, cippi, ossari sono i segni  distintivi di molte realtà lungo il corso del fiume Chiese e dei suoi affluenti.

Le memorie più ricche di significati,
perché legate alla vita dei protagonisti delle vicende risorgimentali, sono tuttavia quelle che si possono rintracciare negli scritti, nei diari, nelle memorie, nei racconti che gli uomini di quel tempo vollero tramandare alle generazioni future.
L’insieme di quella memorialistica, a distanza di lunghi decenni dagli eventi, consente di rivivere quei giorni che portarono alla nascita dell’Italia moderna.

Alle vicende risorgimentali, la scrittrice milanese Marta Boneschi, che vanta un profondo lungo legame con la Valle Sabbia, terra d’origine di sua madre, ha dedicato la sua ultima fatica: “Gente di città e gente di montagna. Storie di volontari e valligiani nelle campagne risorgimentali” (Ledizioni, 2016, pp. 240), presentata nei giorni scorsi a Bagolino, nell’ambito delle iniziative predisposte dal Comitato per il 150° anniversario della battaglia di Monte Suello, presieduto da Alfredo Bonomi, sotto l’egida della Comunità Montana di Valle Sabbia.

Nella scia di altri suoi saggi, Marta Boneschi ha raccontato «le storie della storia risorgimentale».
Da attenta «cronista del passato» ha letto i rivolgimenti ottocenteschi attraverso i diari, le memorie, le cronache, la corrispondenza dei protagonisti di quella epopea.

In questa ricerca, come in altri lavori di Marta, la «memoria» familiare si è sapientemente intrecciata con la storia d’Italia, perché non è un caso che, tra la documentazione valorizzata e studiata dalla scrittrice, vi siano le lettere di Leone Paladini – un suo avo - che nel 1848 giunse assieme ad altri giovani in Valle Sabbia, con il desiderio di cancellare il confine di stato tra Lombardia e Trentino, cullando la fusione degli italiani.

Marta Boneschi sostiene con la forza della documentazione che
, nei decenni risorgimentali, la Valle Sabbia divenne un «laboratorio» dove si posero le basi dell’Italia contemporanea.: nel 1866 il ceto dirigente locale è percorso dall’entusiasmo, non a caso il contributo alla causa italiana da parte delle élite è decisivo: «i Riccobelli, i Guarnieri, i Benini – ricorda Marta Boneschi – si mettono in gioco e partecipano alla campagna garibaldina, perché si sentono parte integrante di un “mondo nuovo”, nel quale ognuno poteva prendere in mano il proprio destino».

Dal volume di Marta Boneschi
emerge che i notabili valligiani trovarono l’orgoglio di far parte di una comunità nazionale giovane e proiettata verso il futuro: la gente di montagna si confronta con la gente di città – studenti, artigiani, medici, infermieri e militari di carriera – e scopre nuovi modi di pensare, nuove opportunità entrando in contatto con personalità come Giambattista Pirelli, Agostino Bertani, Arrigo Boito.
«Da questi preziosi incontri – evidenzia Marta Boneschi – è nata quella particolare “reazione chimica” che ha formato gli italiani moderni».

Giancarlo Marchesi


Aggiungi commento:
Vedi anche
02/04/2014 15:00:00

L'Ossario di Monte Suello torna all'originale splendore Il monumento sulla strada che da Anfo sale a Bagolino e che custodisce le spoglie dei garibaldini impegnati nelle Terza guerra d’indipendenza è stato restaurato grazie all’impegno dell’associazione Capitolium, di enti e associazioni

26/04/2013 10:14:00

Dialoghi garibaldini Un appuntamento con la storia del Risorgimento e sulla figura di Garibaldi e l'ossario garibaldino di Monte Suello questo sabato pomeriggio nella biblioteca di Vobarno

24/06/2016 13:55:00

Garibaldini a Bagolino Questo sabato alle 17 l’associazione bagolinese «Habitar in sta terra» inaugurerà la mostra «Bagolino terra di confine. Dalla Repubblica veneta alla Terza guerra d’indipendenza»

13/07/2016 13:27:00

Il Garibaldi di Casa Donati Verrà inaugurata questo mercoledì sera a Darzo un'epigrafe che ricorda quando Garibaldi qui fissò il suo quartier generale, dopo la battaglia di Monte Suello, per la prima volta in terra trentina

23/06/2016 07:49:00

A Nozza con Luciano Faverzani Prosegue la fitta rassegna di appuntamenti per ricordare il passaggio di Garibaldi dalla Valle Sabbia. Questo venerdì sera a Nozza, nella sala delle assemblee della Comunità montana, con il luminare Luciano Faverzani



Altre da Bagolino
22/09/2021

Conversazione con una ragazza di 102 anni

Deodata Melzani, classe 1919, 102 anni compiuti il 19 settembre scorso, ha varcato il prestigioso traguardo del secolo con eleganza e riserbo, senza ostentazione del bagaglio di esperienza e di memoria che porta con sé.

20/09/2021

Grazie per il servizio prestato

Il grazie della parrocchia ai volontari delle associazioni d'arma che hanno prestato servizio di accoglienza dei fedeli per le varie celebrazioni durante la pandemia

15/09/2021

Contratto di fiume

A Ponte Caffaro, fra i quattro sindaci dei Comuni rivieraschi e la Federazione di associazioni ambientaliste presieduta da Gianluca Bordiga, è stato sottoscritto un accordo di intenti che mira alla salvaguardia di lago d'Idro e fiume Chiese

15/09/2021

Cala il livello del lago, a rischio il biotopo

Il grido d’allarme è stato lanciato dagli ambientalisti del lago d’Idro: il livello del lago si è abbassato di oltre un metro nell’ultimo mese e mette a repentaglio la vita del biotopo

30/08/2021

Pienone d'agosto, si spera in settembre

L’acqua d’agosto rinfresca il bosco, si dice. Il detto ha un valore quasi assoluto sul lago d’Idro dove il sole ancora caldo da qualche giorno si accompagna oramai ad una brezza frizzantina...

29/08/2021

Quattro rotonde per Bagolino

Le opere, che hanno comportato un investimento di un milione e 600 mila euro, sono concluse. Presto l'inaugurazione ufficiale. Resta da asfaltare la Variante, ma per quello ci vorrà ancora del tempo

20/08/2021

I New Landscapes a San Rocco in Musica

Il concerto conclusivo della rassegna musicale andata in scena quest’estate a Bagolino vedrà sul palco il quartetto da camera con brani antichi e contemporanei

18/08/2021

Ritorno alla grande dei «Moby Dick»

Una bella serata di musica quella proposta a Bagolino dal gruppo musicale con radici in Val Sabbia e Valle del Chiese

16/08/2021

Letture in riva al lago

È la proposta dell'associazione artistica culturale Eridio di Ponte Caffaro per questo mercoledì per offrire ai vacanzieri alcuni racconti valsabbini

15/08/2021

Molto gettonati i laghetti di Bruffione

Non mancano turisti nemmeno in montagna e a farla da padrona è la "città della montagna" valsabbina per eccellenza con le tante escursioni per gitanti ed esperti camminatori