23 Agosto 2016, 07.29
Provaglio VS Barghe
Storie

Il bancone della Fiorina

di Ubaldo Vallini

Da un paesino della Valle Sabbia fino a Vienna, alla “corte” dell’Onu. E’ la storia di un mobile costruito nella prima metà degli anni Cinquanta del secolo scorso a Provaglio Valsabbia da un umile falegname, tal Francesco Ghidinelli


Di fattura semplice, in legno d’abete, quello che originariamente era stato un bancone da bar possiede però per alcuni particolati costruttivi e soprattutto per i segni accumulati nel tempo, un “portamento” tale che lo rende una piccola opera d’arte, capace di far rimanere estasiati gli intenditori.

Un mobile che parla, insomma.
La sua storia è stata ricostruita anche grazie ad Aurelio Marchesi, oggi 93 enne, fra coloro che l’hanno recentemente restaurato.

Ma andiamo con ordine.
La prima ad utilizzarlo nella bottega che apriva sulla Provinciale a Cedessano, frazione di Provaglio Valsabbia, è stata la Fiorina, moglie del Ghidinelli: vendeva articoli da merceria, dolciumi, dispensava il gelato artigianale fatto col latte munto dalle vacche di famiglia.
Una fessura nel “nostro” bancone, ancora ben visibile, serviva a far scivolare velocemente il contante direttamente nel cassetto.

Dopo decenni di onorato servizio, il “nostro”, avrebbe probabilmente finito i suoi giorni in un caminetto se il figlio di Fiorina e Francesco, che si chiama Edoardo, per far posto nello scantinato dov’era relegato da tempo, non l’avesse regalato all’affittuario Giuseppe Pezzottini, di Barghe, che ha condotto l’esercizio commerciale per una dozzina d’anni.

Giuseppe, appassionato di restauri, se n’è subito innamorato.
L’ha tirato fuori dal suo laboratorio quando, terminata l’esperienza di bottegaio e avviata quella d’autista di autobus, ha deciso di farlo vedere al fratello del suo datore di lavoro, Francesco Pellegrini, con negozi di mobili d’epoca sul Garda.

L’intenditore non se l’è lasciato scappare: consolidato e restaurato con sapienza dal Pezzottini e dall’ultranovantenne Marchesi, verniciato ad acqua lasciando intatti i segni del tempo - compresi un gran numero di pallini di piombo conficcati nel fianco del mobile con una carabina dal vecchio proprietario, il mobile è così finito nella vetrina sul Benaco.

Lì l’hanno “scoperto” e se ne sono invaghiti due siciliani
, marito e moglie che di cognome fanno Bassi, che vivono a Vienna lavorando per l’Onu dopo aver trascorso 22 anni in Nuova Zelanda.

L’epilogo venerdì scorso – per il momento - con l’autista/restauratore Giovanni Pezzottini, al quale i fratelli Pellegrini hanno affidato un furgone ed il mobile, che si è trovato a recapitare personalmente il bancone a Vienna, direttamente nelle mani dei due diplomatici.
Da sabato dunque il mobile del Ghidinelli racconta la sua storia da un lussuoso palazzo vienesse, con vista su tutta la città.

.in foto: Aurelio Marchesi accanto al mobile. Durante il restauro: la fessura sul bancone, un cassetto, ancora con Marchesi.



Aggiungi commento:
Vedi anche
12/02/2013 07:00:00

Incidente diplomatico Per una settimana Barghe ha vietato l'accesso dei mezzi pesanti al paese di Provaglio. Impedimento che per fortuna è avvenuto solo sulla... carta

21/11/2013 05:15:00

Tanti auguri a Marisol La piccola Marisol Ghidinelli, di Provaglio Valsabbia, proprio oggi, giovedì 21 novembre, compie il suo secondo anno di vita

02/11/2016 08:48:00

Ed ecco... gli «anta» Sabato 29 Ottobre la classe 1976 di Sabbio Chiese, Barghe e Provaglio Val Sabbia, si è incontrata per celebrare la prestigiosa tappa dei 40 anni

09/03/2021 09:35:00

Bar e ristorante chiusi dai carabinieri Violavano le norme di contenimento del Covid-19. Al bar c’erano clienti al bancone con le saracinesche abbassate. Nel ristorante il “servizio mensa” non era garantito con adeguato distanziamento

09/12/2019 08:55:00

«Grazie per il Ringraziamento» Una trentina di trattori quelli hanno sfilato dalla sede del Caseificio Valsabbino di Sabbio Chiese fino alla parrocchiale di Provaglio Valsabbia, benedetti da don Alberto Cabras alla fine della messa.



Altre da Barghe
08/09/2021

A beneficio dei giovani, delle aziende e del territorio

C’è tempo fino al 10 ottobre prossimo, per candidarsi a partecipare alla formazione gratuita sulle tecniche di installazione e manutenzione di impianti dell’industria meccanica, metallurgica e siderurgica. Solo 30 i posti disponibili

04/09/2021

Il Rally 1000 Miglia sulle strade della Valsabbia

Oggi le sei prove speciali della competizione della freccia rossa lungo i tornanti della nostra valle. Ecco dove e quando

04/09/2021

Formazione tecnica superiore per i giovani della valle

Prenderà il via a novembre in Valsabbia un corso di formazione per i giovani fino a 29 anni per tecnici manutentori di impianti industriali per le imprese della valle

24/08/2021

Bracconaggio al Baremone

In piena oasi naturalistica gli agenti della Provinciale hanno sorpreso un uomo che aveva appena ucciso un camoscio. Il bracconiere, di Barghe, è stato denunciato

(11)
14/08/2021

Un nuovo centro logistico per le Poste

Visto l’aumento della spedizione dei pacchi con il commercio online Poste Italiane ha realizzato un nuovo centro di smistamento per l’alta Valsabbia

11/08/2021

Bando Axel, nuovi fondi per le energie rinnovabili

Anche sette Comuni valsabbini inizialmente esclusi dal bando potranno beneficiare dei fondi regionali per progetti di efficientamento energetico grazie a ulteriori finanziamenti

(2)
05/08/2021

Viviana Laffranchi a «We Love Castello»

La cantautrice valsabbina si esibirà questo giovedì sera al Castello di Brescia nella rassegna «Bs/Bg – Connessioni Capitali»

20/07/2021

Municipio, un cantiere aperto

Stanno proseguendo speditamente i lavori di efficientamento energetico della casa comunale e della vicina scuola dell’infanzia

14/07/2021

Trekking con gli asini

Questo sabato, 17 luglio, un'esperienza per grandi e piccini immersi a contatto con la natura, partendo dalla Fattoria “La Mirtilla” di Idro, a cura della Cogess di Barghe

14/06/2021

Vittorino Prandini e le 150 donazioni

L'avisino, classe 1951, ha raggiunto i limiti di età e donato la sua ultima sacca di sangue. Un traguardo festeggiato con gioia da tutti i presenti, ieri, ai prelievi collettivi a Barghe