06 Settembre 2016, 05.58
Vestone Sabbio Chiese
Lettere

Inizia un nuovo anno scolastico...

di Mara Pialorsi

«Alla faccia del titolo di studio e della continuità didattica..» ci scrive un'insegnante. Ecco la sua storia


Gentile direttore,
sono (o meglio ero) ormai restata l’unica insegnante di Religione Cattolica titolare di classe di tutto l’Istituto Comprensivo di Sabbio Chiese.
Svolgo (o meglio svolgevo) questo incarico con grande passione, aggiornandomi ogni anno.

Sono insegnante di scuola primaria da 26 anni, ho il diploma in scienze religiose (tre anni si studio all’Università  Cattolica di Brescia, 26 esami sostenuti: teologia, filosofia, pedagogia, psicologia, dogmatica…).
Insieme a molte discipline (italiano, matematica,  storia…) insegno (insegnavo) anche religione.

Stamattina sono stata convocata dal Dirigente che mi ha comunicato che dall’anno scolastico 2016-2017 non potrò più insegnarla, altrimenti non si completano gli orari degli specialisti (quelli che insegnano solo religione).
E io? I miei gusti, le mie inclinazioni, i miei anni di studio…

E i miei alunni di classe terza con cui avevo incominciato un proficuo percorso fin dalla classe prima?
Come spesso succede mi adeguerò, continuando ad amare il mio lavoro, sempre più preoccupata però che la scuola stia diventando un luogo dove gli alunni (e l’insegnante) vengono soffocati dalla burocrazia, dalle scartoffie e dai bilanci che devono quadrare.
 
Vestone 5 settembre 2016
Mara Pialorsi
 


Commenti:
ID68129 - 06/09/2016 08:28:53 - (bob63) - ma va !!!!!!

Carissima sig. ra Mara, chissa' cosa ne pensano delle sue frustrazioni le migliaia di dipendenti in catena di montaggio, alle trancie, in fonderia, ecc.che fanno 3 volte le ore lavorative che fa lei, e non escludo con una busta paga piu bassa, su una cosa le do ragione, che i bilanci dovrebbero quadrare e la burocrazia soffoca non solo gli insegnanti e la scuola ma chiunque, imprese in primis, e per quanto mi riguarda l'insegnante di religione, di musica, di educazione fisica ( considerando il basso se non insignificante parte culturale di un alunno ) dovrebbero rientrare nei tagli annunciati e mai mantenuti.

ID68144 - 06/09/2016 13:42:01 - (Carletto) - BOB

Se ci mettiamo a cercare il lavoro con più dignità o quello più frustrante non ne usciamo più. Anche io considero l'insegnamento della religione a scuola profondamente sbagliato (magari un catechismo fatto bene sarebbe più efficace), però la signora ha tutto il diritto di vedere continuare un percorso lavorativo che le è stato fatto iniziare. Quando si cambia qualcosa ci si dimentica spesso di accompagnare "i tagliati" in modo dignitoso.

ID68145 - 06/09/2016 13:55:51 - (cardinale) - Era ora

Finalmente, era ora.Ha il lavoro sul posto comune, lasci l'insegnamento dell' IRC agli specialisti.Oltretutto diamo un posto di lavoro, uno stipendio ad uno specialista e lei non perde nulla (stesso stipendio e stesse ore) magari si può dedicare maggiormente alle sue materie curricolari.Se poi è così interessata e titolata (vecchi titoli) lasci il ruolo sul posto comune e vada se riesce ad insegnare IRC, nessuno può impedirle questo nuovo percorso (sempre che rientri nei nuovi parametri per l'insegnamento IRC)... Nella scuola esistono milioni di problemi. Questo proprio non lo è!!!!!

ID68146 - 06/09/2016 14:00:00 - (cardinale) -

Dimenticavo...Questo non toglie che l'insegnante che scrive sia decisamente preparata per l'uno e l'altro insegnamento come il suo lungo percorso ha saputo dimostrare.

ID68147 - 06/09/2016 14:02:34 - (bob63) - x Carletto

Accompagnare "i tagliati" in modo dignitoso???? cosa facciamo gli mettiamo a disposizione qualcuno che la aiuti a superare il momento? qualche strizzacervelli? ti ricordo che ci sono migliaia di esodati che sono stati accompagnati al disastro finanziario, milioni di persone a qui e' stato allungato il periodo lavorativo di 8 anni, ci sono milioni di giovani che non trovano lavoro e probabilmente andranno in pensione a 70 anni con una pacca sulla spalla e un bip x campare, altro che modificare il percorso lavorativo, se in una qualsiasi azienda c'e' bisogno di modificare i ruoli non si preoccupa nessuno del trauma del lavoratore, anzi speriamo che ci sia lavoro a sufficienza e non mi lascino a casa.

ID68149 - 06/09/2016 18:43:49 - (Pedersem) - Amatevi gli uni gli altri...disse un Signore...

Gentile insegnante, INSEGNANTE ANCHE DI RELIGIONE CATTOLICA, mi sa che il suo passo indietro vale molto più di tanti discorsi (speriamo sinceri e non mossi da altri fini poco didattici)sulla continuità, sui gusti e sugli anni di studio, perché grazie al suo gesto, gesto di carità fraterna, proprio di coloro che si dicono cristiani, ha permesso a dei colleghi specialisti di usufruire di un posto di lavoro, essendo già ella operativa sulla classe come insegnante di posto comune. Se voi insegnanti di religione cattolica non siete i primi capaci di fare "gesti di cuore" allora siamo proprio arrivati "alla frutta"...

ID68151 - 06/09/2016 20:17:50 - (bernardofreddi) -

Caro bob, i dipendenti alla catena di montaggio, alle trance o in fonderia dovrebbero starsene zitti e vergognarsi, poiché in confronto agli operai cinesi lavorano la miseria di 8 ore al giorno con stipendi ben oltre il limite di sopravvivenza. Per fortuna che adesso arriva Marchionne a sistemarli a dovere, quegli ingordi, che la domenica invece di lavorare se ne vanno a spasso e pretendono pure di far studiare i figli a spese dello Stato!

ID68152 - 06/09/2016 20:53:16 - (Tc) - bernandofreddi...

non so se e' ironico o se e' serio...da buon operaio sulla soglia degli anta e con stipendi ancora arretrati,le posso dire di mollare il suo lavoro (se lavora) e venire in fabbrica con me,pero' non pretenda lo stipendio a fine mese,poi vediamo dove se lo mette Marchionne e tutto quello che gli gira intorno...ha rovinato la classe operaia,il motore della nazione,applicando turni massacranti,stipendi ridicoli e magari Sabato e Domenica lavorativi,dove chi ha una famiglia con figli,neppure sa piu' di averla,da poco che la vede o frequenta...la crisi e' stata voluta e creata apposta,per togliere agli operai di ora tutti i diritti conquistati allora e non mi parli dei cinesi,che a forza di pungere le balle al toro,prima o poi...e loro sono piu' di 2 miliardi...poi ne riparliamo...

ID68154 - 07/09/2016 08:01:36 - (bob63) - x bernardo freddi

Non ho capito bene la sua ironia, non ho detto alla sig.ra Mara di tacere, le ho fatto presente che ha la fortuna di lavorare in un ambito sicuramente piu agevole di molti altri, buon per lei, da qui a fare paragoni con i cinesi ne passa. PS. sono una partita iva e quanto alle ore ne faccio dalle 50 alle 60 alla settimana in base alle esigenze di cui 2/3 impegnati x mantenete la macchina chiamata stato non 18 x 8 mesi all'anno.

ID68155 - 07/09/2016 08:38:50 - (bernardofreddi) -

Quello che volevo dire è che non mi piacciono - al di là della questione personale della Signora - queste guerre fra poveri, come se il nemico fosse quello che sta un pochino meglio non quello che si arricchisce alle spalle degli altri. Come se i terremotati se la prendessero con quelli a cui è rimasta in piedi la casa, magari danneggiata ma agibile. Il paragone con i cinesi era per dire che c'è sempre qualcuno che sta peggio, ma non è un buon motivo per digerirle in silenzio (come se il vicino mi buttasse la spazzatura nel cortile e poi mi dicesse. "Di che ti lamenti? Pensa a quelli della campania che hanno i rifiuti tossici!").

ID68160 - 07/09/2016 12:20:46 - (ElenaEttacani) -

Conosco personalmente la maestra Mara, che mio figlio ha la fortuna di avere come insegnante. Mi dispiace leggere critiche così aspre nei confronti di una persona che mette davanti a tutto la sua grande passione e dedizione. Ogni polemica diventa sterile quando la si fa nei confronti di chi svolge il proprio lavoro, di qualsiasi tipo, a scuola o in una fabbrica, con impegno e serietà. Forza Mara, continua così!!!

ID68167 - 08/09/2016 00:50:30 - (stef) -

A mio parere si sono spese troppe parole superflue nei precedenti commenti , toccando altri problemi altrettanto seri , ma lontani dal senso di questa lettera. Anche io sono la mamma di una alunna della maestra Mara che reputo, preparata, coinvolgente ed assolutamente dedita al suo lavoro. Sicuramente insegnare ha i suoi lati positivi , come lo stop di due mesi, ma ha tante altre sfaccettature complicate: non dimentichiamoci che noi affidiamo loro i nostri figli, che sono tenute a contribuire alla loro educazione e formazione nei primi importantissimi anni.....quindi...se lo fanno con la stessa passione che ha la nostra cara maestra Mara ...ben venga!!

ID68174 - 08/09/2016 12:25:56 - (Tc) - stef

A tuo parere saran superflue,ma quanto meno han fatto riflettere...;-)

Aggiungi commento:
Vedi anche
29/04/2020 16:29:00

Con l'hashish alla fermata dell'autobus Nei guai un 22 di Sabbio Chiese, sorpreso a Vestone con quasi mezzo etto di “fumo” in tasca

31/03/2013 08:25:00

Pasquetta in Rocca E' il simbolo di Sabbio Chiese, ma potrebbe ben esserlo per tutta la Valle Sabbia. E' la Rocca di Sabbio Chiese che questo lunedì festeggia l'intervento di restauro

11/04/2020 07:55:00

Venerdì nero in Valsabbia, con sette decessi La Valle Sabbia fino a qualche giorno fa sembrava un'area fortunata, rispetto al resto della provincia, ma si sta riscoprendo altrettanto fragile

16/10/2015 01:05:00

Grandinata notturna in Valsabbia Impressionante la grandinata di questa notte in molte zone della Valle

15/03/2021 07:24:00

«L’hub di Gavardo non basta» «Per la Valle Sabbia “storica”, almeno da Sabbio Chiese in su, passando per la Conca d’Oro e tutto il resto dell’impluvio del Chiese, le vaccinazioni vanno fatte a Nozza» ad affermarlo è lo storico Alfredo Bonomi



Altre da Vestone
22/06/2021

Associazioni d'arma, finanziati progetti

Anche numerose associazioni valsabbine sono beneficiarie del contributo del bando di Regione Lombardia. Floriano Massardi (Lega): “Coronamento lungo percorso, estrema soddisfazione per le assegnazioni dei contributi”

22/06/2021

L'emergenza si fa in tre

Sono stati inaugurate a Vestone in un colpo solo, col determinante contributo di una cordata di imprenditori locali, ben tre postazioni DAE

21/06/2021

Interventi a sostegno dell'agricoltura nelle aree montane

Il Bando della Comunità Montana mira ad aiutare gli operatori del settore agricolo con particolare attenzione a potenziamento e sviluppo delle aziende. Per fare domanda c'è tempo fino a fine giugno

14/06/2021

Un sanificatore ad ozono per l'Ambulanza

L'hanno donato ai volontari di Vestone alcune associazioni e circoli locali, per aiutare i soccorritori nella quotidiana gestione della pulizia di locali e automezzi nel rispetto delle norme anti contagio

(1)
14/06/2021

Vittorino Prandini e le 150 donazioni

L'avisino, classe 1951, ha raggiunto i limiti di età e donato la sua ultima sacca di sangue. Un traguardo festeggiato con gioia da tutti i presenti, ieri, ai prelievi collettivi a Barghe

13/06/2021

Lavori in corso

750 mila euro. Tanto verrà speso in totale a Nozza per la sistemazione dello stabile che ospita scuola dell’Infanzia, nido e palestra

10/06/2021

Ivars Tre Campanili è Covid Free

Delle precise disposizioni consentiranno una sicura partecipazione di tutti gli atleti alla corsa in montagna in calendario domenica 4 luglio a Vestoe

10/06/2021

«Vestone Sport Art Camp»

Anche l’associazione Free ha una proposta estiva per bambini e ragazzi, all’insegna di sport, arte e divertimento, in piena sicurezza

10/06/2021

«Bambini in movimento»

Il Comune di Vestone propone un mini centro ricreativo estivo diurno per i bimbi della scuola dell’infanzia. Per le iscrizioni c’è tempo fino al 25 giugno, ma solo fino ad esaurimento posti

09/06/2021

Controlli mirati contro l'incidentalità

Numerose le sanzioni sollevate dalla Polizia locale della Valle Sabbia negli ultimi 15 giorni: tanti i veicoli con assicurazione e revisione scadute, guida senza patente o in stato di ebbrezza