03 Novembre 2016, 11.12
Vestone
Alpinismo Giovanile

Uscita speciale alla cima Rocca

di Raffaele Vezzola

Escursione con ferrata per il gruppo di Alpinismo Giovanile del Cai di Vestone vissuta in parallelo con i grandi sulle pendici del gruppo della Rocchetta alle spalle di Riva del Garda


Uscita speciale per i 7 ragazzi che hanno dimostrato salendo ai 3000 metri del passo Zebrù la voglia e la grinta maggiore.
Gruppo limitato nel numero per tre motivi importanti:
1.    Escursione tecnicamente impegnativa essendo una ferrata.
2.    Attrezzatura limitata, il materiale di gruppo per ora riesce a proteggere solo 7 ragazzi.
3.    Accompagnatori disponibili: per uscite di questo tipo non possiamo superare il rapporto 1 accompagnatore ogni 2 ragazzi.

Usciamo in parallelo con gli adulti, loro faranno la ferrata Susatti, noi la ferrata Laste per poi ricongiungerci, ritornare sui nostri passi, per tutti assieme salire il sentiero attrezzato della Cima Rocca, il tutto nel gruppo della Rocchetta che si trova alle spalle di Riva del Garda.
Partenza alle ore 8,30, siamo in più di trenta, il sole è già alto, ce lo garantisce il cambio dell’ora di questa notte. Riempiamo le auto per portarci a Biacesa dove, dopo aver distribuito il materiale, ci incamminiamo sul sentiero del Bech in direzione della Susatti. Giunti al bivio, abbandoniamo gli Adulti per imboccare il nostro sentiero verso la ferrata dei Lasti.

Vestizione, verifica degli imbraghi, spiegazione dell’uso del set da ferrata e via verso l’alto.
La scelta della facile ferrata dei Lasti permette anche ai ragazzi che mai hanno affrontato sentieri attrezzati di familiarizzare con le attrezzature fisse e quelle personali.

Il sole ci riscalda e saliamo veloci in maglietta fino a raggiungere due grossi “cavernoni” trasformati in un museo fotografico all’aperto che illustra le operazioni belliche della Grande Guerra.

Poco più in alto troviamo la chiesetta di san Giovanni e poco oltre il bivacco Arcioni, sulla terrazza del quale ci concediamo il primo veloce ristoro.
Abbiamo fretta, dobbiamo arrivare alla prossima ferrata prima che giungano coloro che sono saliti dalla Susatti perché al congiungimento dovremo tornare a ritroso e non vogliamo perderci il completamento della Foletti.

All’attacco della ferrata, i primi intoppi. Noi procediamo contromano e gruppi sempre più numerosi di alpinisti che giungono da cima Capi ci costringono a rallentare e a volte sostare per consentire il passaggio. La ferrata presenta difficoltà maggiori rispetto alla precedente, un traverso esposto e liscio mette a dura prova il sangue freddo di qualche ragazzo, ma, ben coadiuvati dagli accompagnatori tutto si supera.

Siamo vicini all’uscita e incrociamo i primi compagni del CAI Vestone, ma purtroppo, con loro una folla di altri alpinisti che si snoda lungo il percorso. Solo 3 di noi riescono a passare e completare la via, i rimanenti sono costretti a battere in ritirata fino a raggiungere nuovamente la chiesetta di san Giovanni dove ci concediamo la pausa pranzo.
Riformiamo il gruppo “Caino” per imboccare il sentiero attrezzato che sale Cima Rocca.

L’insegna davanti all’ingresso della prima galleria di guerra indica in modo inequivocabile l’inizio del percorso. È necessario indossare il caschetto oltre ad avere una lampada che si rivelerà indispensabile lungo l’intero percorso. La prima galleria è relativamente breve ma tortuosa; la segnaletica indica all’interno il percorso corretto evitando alcune diramazioni a fondo cieco. In breve raggiungiamo la base di una scala metallica verticale, alta circa 12 metri, che permette l’uscita definitiva dal primo tunnel. Proseguiamo nel bosco affrontando alcuni ripidi canalini terrosi oltre a brevi salti rocciosi ben attrezzati con funi metalliche fisse. In breve siamo all’imbocco della seconda galleria.

La sovrabbondante segnaletica permette ancora una volta di districarsi all’interno dei cunicoli; da notare la presenza di alcune finestre che permettono uno sguardo all’esterno. Usciti all’aperto proseguiamo lungo il sentiero attrezzato che ci porta fino alla vetta.

Magnifica appare la visione del Lago di Garda, sormontato ad oriente dalla lunga catena del Monte Baldo mentre in primo piano si osservano le rocce sommitali di Cima Capi, il lago, Riva del Garda e a ovest la Valle di Ledro.

Scolliniamo seguendo il sentiero 471A che sfrutta una vecchia trincea di guerra disposta grosso modo lungo il filo di cresta fino a giungere alla spettacolare Bocca Pasumer ,ardita sui paretoni che salgono dalla valle del Ponale.
Dapprima per sentiero poi lungo una stradina scendiamo velocemente fino al parcheggio dove abbiamo lasciato le auto. Il sole è già calato, le magliette sono umide di sudore e la pelle d’oca rizza i peli sulle nostre braccia ma una visione ci riscalda nuovamente: un tavolo apparecchiato ci attende.

È l’ultima uscita della stagione estiva e come è uso al CAI Vestone si banchetta: pane, salame, prosciutto (resti del bottino dell’uscita al san Valentino di questa primavera), formaggi, acciughe, vino, bibite, torte e spumante per festeggiare.

Uscita positiva dove ho potuto verificare i progressi di questi mesi, sicurezza ed attenzione alla progressione hanno garantito piacere ed adrenalina. Un buon gruppo sempre sbilanciato verso l’alto e verso avanti.
Un paio di -quanto manca?- ma nessun -sono stanco- oppure -quando ci fermiamo?-.
Abbiamo tenuto il passo degli adulti e tanto basta!

Alla prossima che sarà la Novembrata.


Aggiungi commento:
Vedi anche
22/07/2020 09:49:00

I ragazzi del Cai Vestone salgono di quota Per la seconda uscita estiva i gruppo dei ragazzi si è diretto in val Breguzzo, mentre l’Alpinismo giovanile al Passo del Frate e alla cima Uzza

25/04/2017 08:58:00

In 60 sulla cima del Pizzoccolo A Pasquetta è arrivata la prima uscita in montagna dei ragazzi dell’Alpinismo Giovanile del Cai di Vestone

05/08/2020 10:00:00

Escursione a Cima Terre Fredde Per la terza uscita di quest’anno abbiamo scelto un'altra facile vetta delle montagne di casa, ossia Cima Terre Fredde (Mt. 2645 slm), posta sopra la sponda ovest del Lago della Vacca, più o meno a metà tra i più noti “Cornone del Blumone” e “monte Frerone”

30/08/2018 16:00:00

Acque selvagge Wildwater in Trentino per i ragazzi del gruppo Avanzato dell’Alpinismo Giovanile del Cai di Vestone

13/08/2017 09:15:00

Sulle Dolomiti di Brenta Per i ragazzi del Cai di Vestone in programma l’ambiziosa ferrata Sosat per la “punta” del gruppo avanzato e il giro di 5 rifugi per tutti gli altri. Ma l’avevo già detto che il meteo aveva dato cattivo tempo per la giornata di domenica?



Altre da Vestone
15/05/2021

Un nuovo camioncino per Vaifro

Ancora non è tornato al suo posto, il modellino di camion sottratto dalla lapide di Vaifro Turrini, nel cimitero di Nozza. Intanto però un donatore anonimo ha inviato un modellino per rimpiazzarlo

15/05/2021

Anche per Soumia arrivano gli «anta»

Tanti auguri a Soumia El Melhi, di Vestone, che proprio oggi, sabato 15 maggio, compie i suoi primi 40 anni

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

15/05/2021

Un sentiero da recuperare

L’antica strada comunale da Nozza porta a Belprato è ora un sentiero che necessiterebbe di un intervento di sistemazione e recupero

12/05/2021

Ridateci il camioncino di papà

Era stato piazzato dai figli sulla tomba di Vaifro Turrini, nel cimitero di Nozza. E' rimasto lì sei mesi poi è scomparso

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)
10/05/2021

Finalmente si riparte...

Nei giorni scorsi si è riunito il Direttivo del Club Alpino di Vestone e si è decisa la riapertura dell’attività per gruppi del “CAI dei grandi” e per l’Alpinismo Giovanile

10/05/2021

Un nuovo ecografo per il Consultorio

E’ già in funzione dalla fine di marzo e sabato scorso è stato ufficialmente inaugurato, alla presenza di quanti si sono dati da fare per ottenerlo

09/05/2021

Scontro all'incrocio

Una mancata precedenza causa malfunzionamento dei freni. Così un 59enne di Vestone è finito all’ospedale

08/05/2021

«Ripartiremo in autunno, ma a precise condizioni»

Così Nicola Cargnoni, gestore della sala vestonese, che in realtà sta già pensando come e con quali ghiotte occasioni cinefile ricominciare. E dispensa consigli su cosa andare a vedere nei Cinema che hanno riaperto in città