08 Agosto 2017, 07.18
Vestone Valsabbia
Controlli

Vigili con lo scarico... alcolico

di Val.

Episodio piuttosto curioso quello in cui sono incappati gli agenti della Locale della Valle Sabbia, impegnati in un surplus di controlli estivi

 
Al primo controllo con l’etilometro risultano 2,13 grammi litro, quattro volte il consentito.
Attendono un po’, come prevede la prassi, e al secondo soffio la percentuale arriva a 2,16.
«Colpa dello scarico della vostra auto – afferma a questo punto il controllato -, più ne respiro più questo coso va su».

Ce n’è una nuova,
insomma, fra le trovate degli utenti della strada che incappano nei controlli e non si rassegnano ad ammettere di aver alzato troppo il gomito.

Questa volta è successo a Vestone, dove l’espediente è stato inventato da un quarantenne di Brescia che venerdì scorso aveva deciso di trascorrere una serata al fresco in Valle Sabbia, raggiunta in motocicletta con la moglie sul sellino posteriore.

Gli agenti della Locale della Valle Sabbia che l’avevano fermato, a pochi chilometri dal ristorante, confessano che facevano fatica a trattenere le risate:
«Continuava ad insistere e si scaldava pure, c’è mancato poco che si arrabbiasse tanto da farci prendere ben altri provvedimenti».
E’ finita che la patente è stata sospesa e la motocicletta portata in deposito. La coppia ha dovuto chiamare dei conoscenti e farsi portare a casa in auto. 

In questi giorni
gli agenti della Locale valsabbina organizzati dal comandante Fabio Vallini sono impegnati in un surplus di controlli estivi, cominciati a Giugno arrestando un 18enne di Villanuova che da qualche tempo utilizzava i parchi pubblici per la sua attività di spaccio.
Gli agenti sono riusciti a documentare un centinaio di cessioni di dosi di Marijuana, ovviamente in cambio di denaro.

L’operazione ha portato al sequestro
di 650 euro ritenuti frutto dell’attività di spaccio, un bilancino di precisione e circa 30 grammi di Marijuana. Otto i ragazzi segnalati come assuntori di sostanze stupefacenti.

Nel solo fine settimana appena trascorso
, gli agenti valsabbini hanno fermato 41 veicoli scoperti da revisione, tre senza assicurazione, contestato una patente scaduta ed effettuato con l’etilometro una sessantina di controlli.

Durante il periodo estivo sono stati introdotti anche i pattugliamenti serali e notturni, anche a piedi nei luoghi dove è maggiore il flusso turistico e questo ha portato al controllo di alcuni locali pubblici per episodi di schiamazzi notturni e danneggiamenti.
 
.in foto: pattugliamento delle spiagge ad Anfo; i risultati dell'operazione antidroga di Villanuova.
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
13/01/2019 08:06:00

Pochi ma buoni Dieci agenti per sedici Comuni valsabbini dove vivono quasi 30 mila abitanti. Eppure, oltre che compiere tutte le mansioni loro delegate, gli agenti dell'Aggregazione di polizia locale della Valle Sabbia trovano il tempo di effettuare servizi antidroga

14/04/2015 06:39:00

Aggregazione della Valle Sabbia Per il momento sono in sei e svolgono attività di Polizia Locale in 13 dei 25 Comuni valsabbini. E cosa vuol dire? L'abbiamo chiesto al comandante Fabio Vallini

12/07/2016 09:08:00

Ritmo serrato Lo scorso fine settimana ha registrato in Valle Sabbia una intensa attività della Locale al comando dell'ispettore capo Fabio Vallini, con pattugliamenti anche serali e notturni

05/04/2017 07:38:00

Giro di vite Giorni intensi di lavoro, ben oltre l’ordinario, per gli agenti della Locale della Valle Sabbia coordinati dal comandante Fabio Vallini. E i risultati non si fanno attendere 

28/10/2014 07:08:00

Sette vigili per otto Comuni Il Consorzio di Polizia Locale della Valle Sabbia perde Vobarno, chiude e si trasforma. Senza Vobarno, nasce un nuovo Corpo con Fabio Vallini al comando



Altre da Valsabbia
22/09/2021

Caccia, Massardi: «Qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega: “Quanto accaduto è una débâcle senza appello per chi si è affidato alla strategia di approvare il calendario venatoria all’ultimo minuto, forse nella inconsistente convinzione che il TAR non intervenisse così come è intervenuto”

22/09/2021

Caccia sospesa in Lombardia

l Tar della Lombardia ha sospeso almeno fino al prossimo 7 ottobre l’attività venatoria nella regione. Accolto il ricorso della Lac, la Lega per l’abolizione della caccia

22/09/2021

Depuratore, Girelli: «Necessario riprendere il percorso con il territorio»

Il Consigliere regionale del PD Gianni Girelli ha presentato una mozione affinché la Regione chieda al governo di rivedere le decisioni prese e ristabilire un iter istituzionale corretto

22/09/2021

Il ricorso dei sindaci: «Mancano le Valutazioni ambientali e sanitarie»

Presentato lunedì al Tar di Brescia il ricorso contro la nomina del commissario per la depurazione del Garda: «Il Commissario può derogare soltanto alle norme sugli appalti non scegliere la localizzazione»

22/09/2021

L'osteoporosi: cos'è e come si previene

Cos'è l'osteoporosi e come si previene? Scopriamolo insieme alla Dott.ssa Clara Zambarda, reumatologa del Centro Medico Fisioterapico Equilibrio di Salò

21/09/2021

Il vescovo presenta la Lettera pastorale

Questo giovedì sera al teatro parrocchiale “La Rocca” di Sabbio Chiese l’appuntamento rivolto alle parrocchie della Valle Sabbia in particolare per educatori e catechisti

21/09/2021

«Resistere e generare. La cooperazione sociale tra emergenze e opportunità»

Il tradizionale appuntamento annuale della cooperativa “La Nuvola nel Sacco” si terrà questo mercoledì sera, 22 settembre, in città. Ecco il programma

21/09/2021

Lettori e pandemia, il punto sulle biblioteche

Alessandra Vittici, direttrice del Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano, analizza per noi l’andamento delle biblioteche, in particolare quelle valsabbine, ai tempi del Covid

21/09/2021

Sul fuoco o elettrico?

C’è una convinzione presente nella mente di ogni vero valsabbino: lo spiedo cucinato sul fuoco è migliore di quello cotto in maniera elettrica! Ma è davvero così?

(3)
20/09/2021

Depuratore, si va a Roma. Pronta la trasferta

I manifestanti del Presidio bresciano, ma anche tutti coloro che vorranno unirsi alla protesta, si danno appuntamento a Palazzo Chigi per interpellare di persona i parlamentari bresciani sulla questione del depuratore del Garda