12 Ottobre 2020, 08.00
Idro Vestone Valsabbia
Viabilità

Variante Vestone-Idro, respinto il ricorso del raggruppamento di imprese

di Redazione

Il Tar ha giudicato legittima la decisione del Broletto di revocare l'appalto da 55 milioni alla Cmc dopo che la società ha ottenuto il concordato preventivo


Altro intoppo superato nel travagliato iter del progetto della variante Vestone-Idro.

Il Tar ha respinto il ricorso della Cmc contro la decisione della Provincia di far decadere l'aggiudicazione dell'appalto inizialmente affidato al raggruppamento di imprese di cui faceva parte.

La misura era scattata ad aprile in quanto, secondo il Broletto, la società aveva perso i requisiti di partecipazione avendo avviato una procedura di concordato preventivo. Una circostanza che stando al Broletto e ora anche ai giudici ha fatto venire meno uno degli obblighi imposti ai candidati al bando.

«Il pronunciamento del Tar apre ora la possibilità di aggiudicare la gara al secondo concorrente, consentendo così la prosecuzione dell'intervento», osserva il presidente della Provincia Samuele Alghisi.

L'iter insomma riparte, al netto di eventuali impugnazioni della sentenza del Tar davanti al Consiglio di Stato. Il raggruppamento formato da Cooperativa Muratori&Cementisti, Cmc Società Cooperativa di Ravenna e Giudici Spa si era aggiudicato nel 2016 la gara per la progettazione esecutiva e la realizzazione della variante alla provincia 237 del Caffaro.

A marzo 2020 era scattata la fase della progettazione esecutiva che avrebbe dovuto portare alla costruzione dell'arteria. Ma dall'esame della documentazione è emerso che la Cmc non aveva rispettato il requisito che imponeva di «non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta o concordato preventivo».

Contrariamente a quanto sostenuto dal raggruppamento di imprese, «l'ammissione al concordato è avvenuta prima dell'approvazione del progetto definitivo, con la conseguenza che l'aggiudicazione del 2016 non è mai divenuta efficace prima che fosse accertata la perdita dei requisiti della Cmc», affermano i giudici.

Questo potrebbe accorciare il cronoprogramma, che dopo una serie di ostacoli burocratici e la revisione dell'accordo tra le province di Trento e Brescia, aveva fissato come data di apertura dei cantieri la primavera del 2023.

Dalla Provincia ritengno che sia plausibile avviare l'opera un anno prima, consapevole di quanto il collegamento sia strategico per snellire i tempi di percorrenza da e verso il lago d'Idro.


Vedi anche
03/12/2015 07:00:00

Variante di Lavenone, a gennaio si aprono le buste Prosegue l'iter per l'assegnazione dei lavori per la realizzazione della Variante Vestone-Idro

08/01/2016 08:38:00

Appalto Variante, otto partecipanti Il 7 gennaio scadeva il termine per la presentazione delle offerte per la realizzazione della Variante Vestone-Idro

20/06/2018 06:45:00

Variante di Lavenone, pochi mesi ancora «La Variante di Lavenone? Faccio fatica a sbilanciarmi sui tempi, quando le questioni non dipendono totalmente da noi, ma il 2019 potrebbe essere per davvero l’anno buono per veder cominciare i lavori»

19/07/2020 07:00:00

Variante Vestone-Idro, si attende il Tar a settembre L’altra grande opera attesa da anni in Valle Sabbia è in fase di stallo: ora la Provincia chiede la decadenza dell’aggiudicazione all’impresa in concordato preventivo e di assegnarla alla seconda

19/12/2018 08:23:00

Nubi sulla Variante di Lavenone Il colosso CMC di Ravenna, capofila del raggruppamento di imprese che ha vinto l’appalto per la realizzazione della Vestone-Idro, si ritrova in forte crisi finanziaria



Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)