05 Dicembre 2006, 00.00
Vestone
Arte

ÂŤOltre l'immagineÂť con Claudio Filippini

La Galleria Punto Arte di Paolo Perotti in via Bettinzoli 8 a Vestone, dal 2 al 17 dicembre, espone le opere di Claudio Filippini. Apertura dal mercoledĂŹ a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

La Galleria Punto Arte di Paolo Perotti in via Bettinzoli 8 a Vestone, dal 2 al 17 dicembre, espone le opere di Claudio Filippini. Apertura dal mercoledĂŹ a domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

Dell'opera di Filippini riportiamo la critica della professoressa Marta Mai

Le opere, che guardiamo, non sono prodotte da un abile fotografo - anche se questa è la prima impressione, che ne riportiamo, allorquando lan- ciamo una frettolosa occhiata alle immagini, che si presentano con i contorni ben definiti e con i colori meticolosamente stesi - ma sono il risultato del raffinato lavoro del pittore Claudio Filippini.
L’artista, con cura certosina, totale padronanza del disegno e delle composizioni dei colori, accarezza e leviga le sue creazioni, passandole e ripassandole, sino a raggiungere il risultato, che lo gratifica e che, perfetto, richiama tutto il nostro essere a concentrarsi sulle immagini.

E allora l’artista ci appare sostenuto, in questo suo procedere, da un ritmo musicale dolce e regolare, che gli suona dentro - Dante direbbe che ... gli detta dentro ... - ed immaginiamo la sua mano procedere lieve e sentiamo il suo cuore sereno.

Sì! Perché Claudio Filippini vive bene il suo tempo negli ambienti, che l’uomo a lui contemporaneo ha modificato, per essere al passo con le conquiste tecnologiche, e con le costruzioni, che ha recuperato, per salvare la memoria recente di un mondo industriale, che si è sovrapposto a quello agricolo-contadino.

In lui non c’è nessuna rivisitazione nostalgica di ciò che è lontano nel tempo.
Non sogna scene arcadiche e non trasfigura la realtà. E’ concreto e benevolo nei confronti del suo tempo, di cui vede il lato positivo dovuto al progresso.

Se si sofferma su scene metropolitane, ignora le brutture, che la quotidianità distribuisce a profusione, non indugia sui degradi, ma mira ad evidenziare l’essenzialità del luogo, che, preso in considerazione a seconda della funzione del suo esìstere, racconta la quotidianità del vivere dell’uomo del XXI secolo.
Sfronda il superfluo, non affolla le scene, che possono essere piĂš o meno animate, ma mai forzate.
Sosta con rispetto sui segni lasciati dal tempo, che rac- contano il passato in equilibrio con il presente.

Sentiamo le opere di Claudio Filippini buone, e non solo per la maestria con cui sono eseguite, ma per il paragone che, spontaneamente, ci attraversa la mente.
Le avviciniamo alla corrente letteraria dell’Ottocento nota come Verismo, che in opposizione al Naturalismo francese, non guarda il bacato o il depravato, ma, nel pur preciso racconto della realtà, considera solo l’aspetto sano.

Ed allora, del tutto aderenti al discorso dell’artista, con il quale entriamo in sintonia, ci piace riflettere sui soggetti da lui scelti e rivisitati.
Ci sono tante stazioni ferroviarie e ci sono tanti tratti di strade asfaltate, ma anche stradine di paese a ciottoli o lastricate.
Leggiamo nel suo indulgere su queste tematiche un messaggio implicito: “ La vita è un viaggio. Ogni giorno ne inizia uno nuovo e cosĂŹ, giorno dopo giorno, ciascuno di noi avanza e - per dirla con Ungaretti - ... la morte si sconta vivendo ... cioè, inevitabilmente, ci avviciniamo alla tappa finale“.
Questa certezza però, non disturba l’artista, che non comunica malinconia.

E non ci tragga in inganno l’uso abbondante, che l’artista fa, del colore grigio. Qui il grigio non è triste: qui traluce e ci magnetizza. Il grigio esce dai pennelli come cipria profumata. Ha la delicatezza del petalo del fiore di pesco appena appena offuscato da una nuvoletta ovattata.

I paesaggi grigi, che richiamano l’inverno, nulla hanno delle inquiete tenebre di foscoliana memoria, ma diffondono, nella pacatezza velata dei toni, una armoniosa intimità, che addolcisce i cuori e smorza acerbe passioni.
Quando poi l’artista irrompe con toni accesi o rischiara con bagliori di luce, sembra dichiarare con più incisività il suo amore per la vita: la pittura, in un crescendo, declina i sentimenti e diventa lirica.
Se tentiamo allora di approfondire la lettura delle immagini , quali esse siano, la vita non è piÚ solo una corsa verso la tappa finale, ma è una conquista di mete perseguite con costante perseveranza.
Giorno dopo giorno se ne raggiunge una, per poi tendere all’altra. II domani è sempre misterioso, ma nell’uomo c’è l’ansia della scoperta.

A questa pacata, ma costante tensione verso il domani, si contrappone la costruzione, che l’artista fa dell’oggi: nelle sue opere, oggi, nulla tralascia e tutto compie, perché il domani viene, per importanza, dopo l’oggi.
Oggi l’uomo opera per la sua crescita, domani avrà un punto di partenza più alto. In questa dimensione sta la statura artistica del pittore, che non coglie l’attimo fuggente ma l’essenza, che travalica il tempo ed eterna, in una armoniosa simbiosi, il soggetto creato ed il suo artefice, entrambi proiettati in un futuro di crescita».


Aggiungi commento:
Vedi anche
06/10/2015 11:18:00

Claudio Filippini a Weekend'Arte Sarà inaugurata questo pomeriggio alle 17 nella sala espositiva “Via Glisenti 43” a Vestone la mostra delle opere dell’artista di Castenedolo. Domenica 11 ottobre il finissage della mostra e l’incontro con l’autore

04/01/2010 12:00:00

Record di visite per l'arte di Filippini Almeno un migliaio i visitatori che fino aieri hanno potuto ammirare le opere nella mostra allestita in via Quarena a Gavardo. C'è tempo ancora mercoledÏ 6.

05/08/2017 07:15:00

Tra arte e il ricordo della Grande Guerra Questo sabato a Livemmo di Pertica Alta lo spettacolo “Note e voci dalla trincea”, dedicato al centenario della Prima guerra mondiale. Domenica in piazza “Arte e sapori” con le opere di Germano Filippini

06/04/2009 00:00:00

Il Punto Arte virtuale di Perotti Con la mostra dedicata al pittore Mario Cappa prende il via l'avventura mediatica www.perottiarte.it, spazio virtuale predisposto da Paolo Perotti perchĂŠ gli artisti emergenti valsabbini possano trovare gli estimatori che si meritano.

06/12/2019 15:00:00

Melzani e Sanzeni in mostra a Vestone Sabato 7 dicembre alle ore 18 si terrà l'inaugurazione della mostra “Tra metafisica e spiritualità” presso la galleria “Via Glisenti 43”, protagoniste le chine di Paolo Melzani e le sculture di Lino Sanzeni



Altre da Vestone
03/05/2021

Al via le iscrizioni per la Ivars Tre Campanili

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per la mezza maratona di corsa in montagna di Vestone in calendario il prossimo 4 luglio

03/05/2021

Libri per beneficenza

Sono quelli del professor Ludovico Galli, donati dallo storico stesso all’Associazione Amici della Storia di Vestone. Il ricavato è stato devoluto all'ospedale di Desenzano

(1)
27/04/2021

Caro Andrea...

Sono passati 10 anni ma il mio primo pensiero in ogni giornata “è per Te”, cosi come l’ultima preghiera della sera

26/04/2021

Don Alessio Primo cav. Leali, ecco chi era

Pubblichiamo nella sua forma integrale, il discorso pronunciato a Nozza dal professor Alfredo Bonomi in occasione dell'intitolazione della piazza a don Primo Leali

26/04/2021

La piazza di don Primo Leali

Ricorrenza piÚ speciale del solito, quella del 25 aprile che media e alta Valle Sabbia da qualche tempo festeggiano tutti assieme, a Vestone come centro baricentrico, oppure a Pertica Bassa

24/04/2021

A Vestone con don Primo Leali

In occasione della giornata che media e alta valle Sabbia quest’anno celebreranno a Nozza, ci sarà anche l’inaugurazione di una via intitolata ad uno dei preti valsabbini della Resistenza

24/04/2021

In ricordo di Ivan Roncetti

Anche l'Associazione Artistica Culturale Eridio di Ponte Caffaro ricorda lo scultore valsabbino sempre molto attivo nel sodalizio

24/04/2021

Ciao Ivan

Si è spento nel pomeriggio di venerdì, stroncato dal Covid dopo un lungo ricovero, Ivan Roncetti, persona attiva nel mondo dell’arte e del volontariato valligiano

18/04/2021

Quattro gomme a terra

Sono quelle che si è ritrovata all’auto un’impiegata del “Day hospital” di Nozza. E non è la prima volta