10 Marzo 2021, 09.22
Blog - Gira la Ruota

Tipo pista, un tipo non più di moda e i «curidùr del martedè»

di Luca Pietrobelli

Oggi il ciclismo è diventato uno sport globale, con atleti da tutto il mondo che si contendono la vittoria ai più alti livelli nelle grandi corse dalla vetrina internazionale


Anni fa era praticamente impensabile vedere corridori colombiani vincere il Tour de France o ragazzi eritrei lottare per vittorie di tappa. Un tempo il ciclismo era tutta una questione strettamente europea, con lampi statunitensi e australiani e il numero di gare sul territorio era enorme.

A livello giovanile e dilettantistico, tra gli anni Ottanta e la prima metà degli anni Novanta, specialmente nel nord Italia, si è vista una vera e propria epoca d’oro delle corse di un giorno: i “tipo pista”.

Questa disciplina, tutt’oggi regolamentata dalla federazione internazionale, prevede una corsa in un circuito cittadino, ovviamente chiuso al traffico, per un totale di una ottantina di chilometri, qualcosa di più per le categorie più avanzate, da corrersi tutti d’un fiato.

Ai tempi erano gare molto in voga in estate, corse principalmente in occasione di feste di paese, feste dell’unità e fiere più o meno grandi, disputate solitamente in mezzo alla settimana, per ravvivare la serata più “fiacca” e permettere agli atleti di non interferire col ricco calendario programmato.

Il premio per il vincitore si aggirava attorno alle 250.000 lire, 150 per il secondo e 50 per il terzo. Un totale di 10-12 eventi in tutta la stagione estiva in cui ci si presentava da soli, con i colori della squadra indossati ma correndo per sé, per il bottino, al più cercando aiuto in un amico con la promessa di spartire la vincita.

Per la conformazione del territorio i “tipo pista”, oggi totalmente soppiantati dai criterium molto famosi negli Stati Uniti e corsi con biciclette a scatto fisso come nei velodromi, erano per lo più localizzati nella bassa bresciana e i ragazzi più vincenti erano soprannominati “curidùr del martedè”, in segno di scherzoso scherno.

La Valsabbia può vantare, anche in questo frangente, uno dei corridori più incisivi nella disciplina, con 9 vittorie e un secondo posto su dieci eventi a cui ha partecipato in una sola stagione, un ragazzo di Villanuova sul Clisi, Andrea, un vero corridore del martedì!

Oggi, qui vicino, si corre ancora una corsa parente stretta dei criterium, la “Città di Brescia”, prestigiosa corsa di livello internazionale che si disputa il primo martedì di Luglio, con partenza e arrivo al Castello di Brescia, in notturna, per incoronare il “Campione della notte”. Nomi di primissimo livello costellano l’albo d’oro, per un’evoluzione storica alquanto singolare: da corridori del martedì a fuoriclasse lanciati nel mondo globale del ciclismo moderno.



Aggiungi commento:
Vedi anche
04/06/2021 09:24:00

Le bandierine Il ciclismo è fatto dai corridori e da quello che io amo definire "il popolo del pedale"...

01/03/2021 09:20:00

La mia prima corsa Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari

10/04/2021 10:32:00

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...

20/04/2021 09:38:00

Eremo di Montecastello. Espiazione e redenzione Rotto il ghiaccio con i panorami del Benaco, dato che le temperature in alta Valle Sabbia non sono ancora abbastanza miti per tentare gli assalti annuali ai vari passi più o meno conosciuti...

20/02/2021 08:00:00

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile



Altre da Blog-GiraLaRuota
04/06/2021

Le bandierine

Il ciclismo è fatto dai corridori e da quello che io amo definire "il popolo del pedale"...

25/05/2021

Eugène Christophe, la prima maglia gialla

Il simbolo per eccellenza del vincitore, della corsa regina, il Tour de France, leggendaria, desiderata e tanto amata, ha avuto una genesi praticamente anonima, poco raccontata e per molto tempo sconosciuta

11/05/2021

La passione del Cobra

La passione per il ciclismo arriva quando si corre da bambini, quando ci si sposta per seguire il Giro, quando in famiglia qualcuno pedala...

(1)
01/05/2021

Henri Hoevenaers, nato il primo maggio

Henri Hoevenaers è stato un ciclista belga, uno dei tanti, tantissimi corridori di media fascia che hanno solcato le strade del professionismo

20/04/2021

Eremo di Montecastello. Espiazione e redenzione

Rotto il ghiaccio con i panorami del Benaco, dato che le temperature in alta Valle Sabbia non sono ancora abbastanza miti per tentare gli assalti annuali ai vari passi più o meno conosciuti...

10/04/2021

Briano, un piccolo Gavia a due passi da casa

Dopo un avvio di primavera con temperature da peschi in fiore, l’inverno, con un colpo di coda micidiale, ha deciso di ricordarci il detto popolare “Aprile non ti scoprire”...

(1)
30/03/2021

Personaggi e storia del ciclismo. Dino Zandegù

Tra i tanti personaggi un po’ istrionici che il ciclismo può vantare, mi sento simpaticamente legato a Dino Zandegù

20/03/2021

Primavera e due ruote

La primavera è alle porte, lo scandire delle stagioni influenza dalla notte dei tempi la vita dell’uomo e, a scandire la primavera del ciclismo è l’arrivo della Milano-Sanremo

01/03/2021

La mia prima corsa

Il ciclismo, come dicono in tanti, non è come il calcio. Non ci si appassiona al ciclismo vedendolo in televisione, non ci sono stadi e non se ne parla tra i banchi di scuola fin dalle elementari

20/02/2021

Matricole, meteore, fuoriclasse, e poi Peter Sagan

Nel freddo di Gennaio trovare gli stimoli per una pedalata in compagnia è semplice e veloce, ma doverli trovare per un’uscita solitaria risulta alquanto difficile