27 Novembre 2019, 09.25
Bagolino Val del Chiese Storo
Viabilità

A proposito di ponti

di red.

La “rotonda quadrata” di Ponte Caffaro, da tempo ferma al palo, è stata oggetto nei giorni scorsi di una nuova interrogazione alla Provincia Autonoma di Trento. Il punto col consigliere Alex Marini


«Il “mistero buffo” dei ponti sul Caffaro continua a far ridere e infuriare in egual misura la popolazione, che si deve confrontare con un’opera pur finita nel 2017 che però non è ancora stato possibile aprire per evidenti problemi di passaggio dei mezzi pesanti» scrive il consigliere regionale trentino Alex Marini (5Stelle).

Poi aggiunge: «Un’opera  finanziata per oltre 3,8 milioni di euro dall’ente pubblico, quindi dagli stessi cittadini (per la precisione dalla Provincia di Trento tramite l’ex “Fondo ODI”, oggi “Fondo Comuni Confinanti).
Grazie ad una risposta di Regione Lombardia siamo riusciti ad entrare in possesso di notizie più esaustive sulla vicenda e il quadro che ne è uscito, come si poteva immaginare, non è roseo.

Semplificando al massimo, per rendere funzionale la cosiddetta “rotatoria quadrata asimmetrica” sul Caffaro servono risorse extra che si spera di ottenere dai risparmi causati dai ribassi d’asta precedenti.
Il traffico fra Trentino e Lombardia continua a scorrere sul vecchio ponte del 1906 che però abbisogna con urgenza di un allargamento e soprattutto dell’adeguamento statico e sismico.

Una situazione che appare ormai surreale
, sulla quale ho presentato una nuova interrogazione, anche per capire cosa sia disponibile a fare la Provincia di Trento, che tramite gli uffici competenti si è incontrata col Comune di Bagolino il 21 ottobre scorso e che, visto il ruolo ricoperto nel “Fondo Comuni Confinanti”, è l’ente che di fatto tiene in mano i cordoni della borsa.

L’interrogazione che ho presentato il 20 novembre
riassume nei dettagli eventi, costi e tempistiche della vicenda del nuovo ponte sul Caffaro. Fra le cose notevoli da segnalare come detto c’è che la situazione del vecchio ponte appare grave, tanto che le verifiche effettuate hanno evidenziato “notevoli carenze strutturali e la non rispondenza alle norme vigenti” della sua capacità portante.
Per consentire al meglio la circolazione e per far sì che la “rotatoria quadrata asimmetrica” possa avere una speranza di funzionare nel suo complesso, serve allargarlo e metterlo a norma.

Il tutto ad un prezzo salato per le casse pubbliche,
cioè almeno 652.724,44 euro, cioè il costo scritto nel progetto esecutivo dell’intervento, che il Comune di Bagolino spera di ottenere dal “Fondo Comuni Confinanti” con la messa a disposizione delle risorse risparmiate col ribasso d’asta della costruzione del nuovo ponte, il quale a sua volta, per poter funzionare pare proprio aver bisogno a sua volta di modifiche le quali, non serve nemmeno dirlo, avranno dei costi.

Se a tutto ciò aggiungiamo che la stampa ha dato notizia di un interessamento alla vicenda del ponte da parte della Corte dei Conti, il ginepraio sembra completo».

Il testo completo dell’interrogazione lo trovate qui



Vedi anche
02/03/2021 07:01:00

La quadra della rotonda La vicenda kafkiana della rotonda quadrata sul Caffaro, al confine fra Lombardia e Trentino, sembra avere i... mesi contati

18/01/2017 07:47:00

La rotonda «quadrata» sul Caffaro Nel corso della prossima estate il traffico al confine col Trentino verrà deviato sul nuovo ponte e solo allora si riuscirà a capire come meglio utilizzare quello vecchio

04/02/2020 07:27:00

Tre semafori per un ponte Una sorta di rotonda quadrata con tre semafori. Sembra possa essere questa, a breve, la soluzione per poter utilizzare i manufatti realizzati dall’uomo per unire, a Ponte Caffaro, la Lombardia al Trentino. Una soluzione per altro provvisoria

24/09/2019 07:05:00

Caffaro: fissata la data per inaugurare la rotonda Nei giorni scorsi prove di passaggio con autobus ed autoarticolati, avrebbero messo la nuova ammnistrazione bagossa in grado di fare previsioni sulla conclusione dei lavori per la "rotonda quadrata" lungo la 237 del Caffaro al confine regionale

12/09/2017 06:57:00

Sostituite quel ponte Novità sulla "rotonda quadrata" di Ponte Caffaro: il vecchio ponte di confine verrà smantellato e ricostruito da un'altra parte. Al suo posto verrà edificata una nuova struttura, più ampia e robusta



Altre da Bagolino
13/05/2021

Visite senza barriere per i possessori di Certificazione Verde

La casa di riposo di Bagolino, Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi, da lunedì 17 maggio apre alla visite ai parenti degli ospiti muniti di certificazione

12/05/2021

«Quella strada va messa in sicurezza»

Un pendolare che transita quotidianamente lungo la Sp 668 che porta a Bagolino denuncia la necessità di mettere in sicurezza il versante dove scendono pietre

06/05/2021

Coi morti a bordo strada

ll fascino comunicativo delle cappelle di famiglia del cimitero vecchio di Bagolino

03/05/2021

A servizio del territorio

Fondazione Beata Lucia Versa Dalumi. Ecco i servizi erogati, col calendario di maggio

29/04/2021

Chiare, fresche, dolci acque

Regimazione dei reflui: fra lago e monti, Bagolino elenca le priorità e chiede ad A2A di andare oltre l'interessamento e di stabilire un accettabile cronoprogramma

27/04/2021

I ponti di Ponte Caffaro finiscono a Striscia la notizia

La grottesca vicenda dei tre ponti sul confine fra Lombardia e Trentino ha attirato l’attenzione di Capitan Ventosa che è giunto ieri con le telecamere a Storo

24/04/2021

In ricordo di Ivan Roncetti

Anche l'Associazione Artistica Culturale Eridio di Ponte Caffaro ricorda lo scultore valsabbino sempre molto attivo nel sodalizio

23/04/2021

Quando la realtà supera la fantasia

Sembra una barzelletta, ma non è così. Al confine fra Brescia e il Trentino ci sono due ponti sul torrente Caffaro, ma non ne va bene nemmeno uno. Ne verrà fatto un terzo

(1)
22/04/2021

Lettore di targhe sul ponte sì, ma...

Verrà installato questo venerdì 23 aprile sul ponte a Ponte Caffaro per sanzionare i veicoli troppo pesanti. Dubbi sulla sua effettiva efficacia

20/04/2021

Da Bagolino emozioni e riflessioni

Bagolino è un grande borgo ma, a ben riflettere, ha le caratteristiche di una piccola città