24 Settembre 2019, 07.05
Bagolino Valsabbia
Vabilità

Caffaro: fissata la data per inaugurare la rotonda

di val.

Nei giorni scorsi prove di passaggio con autobus ed autoarticolati, avrebbero messo la nuova ammnistrazione bagossa in grado di fare previsioni sulla conclusione dei lavori per la "rotonda quadrata" lungo la 237 del Caffaro al confine regionale


Teoricamente sarebbero sufficienti tre mesi di lavoro per sistemare il vecchio ponte, allargandolo di un paio di metri e finalmente dare efficienza alla “rotonda quadrata” sul Caffaro, lungo la Provinciale numero 237 al confine fra le regioni Lombardia e Trentino.

I lavori conclusi dalla ditta Pretti & Scalfi un paio di anni fa, infatti, per la realizzazione del “quarto lato” della rotonda rappresentato da un nuovo ponte, si sono dimostrati insufficienti a garantire una circolazione scorrevole e sicura.
Le prove effettuate a suo tempo avevano messo in evidenza ciò che il progetto non aveva previsto, cioè che autobus e camion non avevano spazio sufficiente per manovrare.

La nuova soluzione prevede, appunto, l’allargamento del ponte vecchio, mantenendone le caratteristiche paesaggistiche secondo i dettami della Sovrintendenza, migliorandolo dal punto di vista delle dimensioni, della robustezza e della staticità sismica.

La nuova amministrazione di Bagolino, visto che i lavori precedenti avevano riservato alla fine amare sorprese, ha deciso di anticipare in qualche modo le prove di scorrevolezza.
Così sabato mattina l’intera giunta col sindaco Gianzeno Marca in testa, hanno chiesto a Trentino trasporti e alla ditta Saad di Baitoni di effettuare una serie di prove con autobus (anche quello denominato “serpentone”) ed autoarticolati.

Una prova informale, che però ha registrato la presenza fra gli altri del direttore lavori della Pretti & Scalfi, ing. Ghizzi, del sindaco di Storo Luca Turinelli e, unico rappresentante della Provincia autonoma di Trento il 5Stelle Alex Marini.

«Non vogliamo avere sorprese, in mancanza di dati certi, vogliamo capire cosa può funzionare e cosa invece avrà bisogno di aggiustamenti, prima di spingere al massimo per risolvere in modo definitivo questa annosa questione» ha detto Gianzeno Marca.

Che poi ha indicato un preciso orizzonte temporale: «Abbiano già fissato l’inaugurazione del nuovo svincolo per sabato 18 maggio 2020. Ci riusciremo».

Per tutta la mattinata, col traffico gestito dalle forze di polizia locale di Bagolino e Storo, oltre che da una pattuglia di carabinieri, sono stati posizionati birilli, studiate traiettorie, disegnate fermate degli autobus ed isole del traffico.

Alla fine i punti che ancora presentano delle criticità per la svolta coi mezzi pesanti sono sostanzialmente tre: l’uscita dalla rotonda per girare verso Baitoni e per chi gira in direzione di Lodrone; l’ingresso per chi arriva dal Bresciano.
Nulla di insormontabile, con qualche accorgimento tecnico, sembra.

Se è vero, insomma, la conclusione di quest’opera per la quale sono stati impegnati 3 milioni e 800 mila euro dei fondi dei Comune di Confine, ha i mesi contati.




Commenti:
ID81954 - 24/09/2019 08:30:14 - (criticone) - segnamoci questa data.....

....non prendete impegni. Se si risolverà meglio (ma in pratica hanno fatto solo il loro lavoro ben pagati), se nulla sarà stato risolto allora vogliamo la testa di qualcuno. In merito alla politica, emblematico (per non dire altro) che ci sia stato un solo rappresentante provinciale (di zona) per verificare. Gli altri? Ah già, è sabato, saranno stanchi.

ID81955 - 24/09/2019 10:42:29 - (Venturellimario) -

Siamo nel 2019 ed ancora, nonostante i computer e i programmi di progettazione e simulazione, ancora sbagliano i progetti, ci sarebbe da ridere, ma non ci riesco

ID81956 - 24/09/2019 13:20:32 - (mauretta) - E CHI PAGA?

E CHI PAGA PER QUESTI ERRORI? CONFIDIAMO NELLA MAGISTRATURA, MA COME DA PRASSI I CITTADINI ITALIANI

ID81957 - 24/09/2019 13:34:33 - (Giacomino) - Negligenza, imperizia, inosservanza di norme

sono la caratteristica di un fatto colposo. l'ente che ha appaltato i lavori non ci venga a dire che non aveva il personale per verificare se la via Campini nel punto in cui si doveva innestare il ponte nuovo della rotonda aveva la necessaria larghezza per consentire il passaggio degli autoarticolati.

Aggiungi commento:
Vedi anche
02/03/2021 07:01:00

La quadra della rotonda La vicenda kafkiana della rotonda quadrata sul Caffaro, al confine fra Lombardia e Trentino, sembra avere i... mesi contati

27/11/2019 09:25:00

A proposito di ponti La “rotonda quadrata” di Ponte Caffaro, da tempo ferma al palo, è stata oggetto nei giorni scorsi di una nuova interrogazione alla Provincia Autonoma di Trento. Il punto col consigliere Alex Marini

04/02/2020 07:27:00

Tre semafori per un ponte Una sorta di rotonda quadrata con tre semafori. Sembra possa essere questa, a breve, la soluzione per poter utilizzare i manufatti realizzati dall’uomo per unire, a Ponte Caffaro, la Lombardia al Trentino. Una soluzione per altro provvisoria

08/02/2021 07:25:00

Com'è conciato quel ponte? Lo si saprà entro qualche giorno, con la relazione tecnica che farà seguito all'accurata ispezione avvenuta questa domenica. Ma una soluzione unanime per far funzionare la rotonda quadrata di Ponte Caffaro ancora non c'è. Che ci voglia un commissario?

12/09/2017 06:57:00

Sostituite quel ponte Novità sulla "rotonda quadrata" di Ponte Caffaro: il vecchio ponte di confine verrà smantellato e ricostruito da un'altra parte. Al suo posto verrà edificata una nuova struttura, più ampia e robusta



Altre da Valsabbia
15/05/2021

Approvato nuovo bando Dote Scuola

Il consigliere regionale Floriano Massardi (Lega): “13,6 milioni di euro per gli studenti lombardi under21”

15/05/2021

Covid, Girelli: «Urgente far ripartire la sanità non covid»

Secondo il consigliere regionale valsabbino del Pd in Lombardia si è registrata una pesante riduzione di visite, interventi e screening

15/05/2021

La mulattiera di «Gruffo»: la strada del mercato, antichissimo percorso tra vicinie

Oggi resiste ancora, vecchio tratturo da restauro, colma di innumeri ricordi e di antiche memorie che una sua sistemazione aiuterebbe a conservare

14/05/2021

Tavolo delle associazioni: «Peschiera la soluzione più economica e meno impattante»

La Federazione delle associazioni ambientaliste del Chiese guidata da Gianluca Bordiga ha commissionato uno studio nel quale vengono comparati i diversi progetti per il depuratore che sarà sottoposto all’Ato e alla Cabina di regia

13/05/2021

Un blogger sulle strade della Valle Sabbia

I noto blogger di viaggi Gio del Bianco sta percorrendo questa settimana le strade della Valle Sabbia lungo un itinerario alla scoperta del borghi che circondano il lago d’Idro

13/05/2021

«Orizzonti di giustizia»

Al Perlasca di Idro si è tornati agli incontri in presenza, con “Orizzonti di Giustizia”. Protagonista dell’evento Fiammetta, la terzogenita del giudice Borsellino, ucciso da un agguato mafioso il 19 luglio del 1992

12/05/2021

Depuratore a Lonato, in cosa consiste il progetto?

L’impianto sorgerà nella frazione di Esenta e, secondo Acque Bresciane, darà ampie garanzie di sostenibilità ambientale. Resta da sciogliere il nodo dello scarico dei reflui

12/05/2021

È Lonato la scelta finale per il depuratore

L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma la scelta è già stata fatta nel corso della Commissione Ciclo Idrico del Broletto, alla presenza dei vertici di Acque Bresciane e dell’Ufficio d’Ambito

12/05/2021

«Una bestemmia culturale»

Questo, in estrema ed iconica sintesi, il pensiero di un produttore vinicolo valsabbino riguardo all’iniziativa di Bruxelles di togliere l'alcol dal vino e di aggiungervi acqua

(2)
12/05/2021

Medicina di territorio, belle parole ma...

«Si stanno muovendo tutti per invertire lo stato di abbandono che la medicina sul territorio sta subendo da anni (vedi le proteste a Salò). Tutti meno che i valsabbini». Così un lettore, riferendosi al Presidio di Nozza

(1)