20 Novembre 2020, 16.28
Valsabbia
Lettere

Un grazie solidale

di Alessandra

In un periodo storico così particolare e complicato dove non ci si può abbracciare, stringere le mani e far percepire in modo fisico la gratitudine, voglio lasciare qualcosa di scritto e di profondo, da poter condividere con più persone possibili


La mia è una delle tante esperienze belle del sociale che avvengono ma che nessuno racconta, proprio perché ci fossilizziamo più a raccontare le cose brutte e tragiche. Vi chiedo quindi dieci minuti del vostro tempo per leggermi.

Mi chiamo Alessandra e sono un'assistente sociale che da dieci anni lavora in questa valle, tra i comuni della Conca d'Oro e la zona di Casto.
Sono arrivata dieci anni fa da una valle seppur vicina, così diversa come quella della Valle Trompia. Ero piena di convinzioni (per lo più di impronta universitaria) e motivazione.
Dieci  anni fa questa valle mi ha accolta, disorientata e messa a dura prova: comuni così piccoli e vicini geograficamente, ma così diversi fra loro.

Questo mio percorso lavorativo in largo e lungo per questa valle si conclude in questi giorni di novembre, per iniziare un nuovo progetto lavorativo che mi emoziona molto, ma che allo stesso tempo mi muove sensazioni di forte dispiacere per tutto ciò che lascio.
Ci tengo a ringraziare parte delle meravigliose realtà valsabbine che ci lavorano, sia in modo professionale che come volontariato.

Troppo spesso l’assistente sociale viene vista come figura scomoda, che aiuta solo un certo target di persone piuttosto che altre, eppure ogni volta che si lavora insieme e le storie sono a lieto fine nessuno lo dice che c’era anche l’assistente sociale… iniziamo a dirlo invece, perché ci fa bene sentirci riconosciute nell'aver fatto bene il nostro lavoro!

L'assistente sociale nell'ente locale è come un portiere di calcio che cerca di parare i colpi il più possibile, cadendo e rischiando di farsi male, ma avere una buona squadra che difende la porta aiuta molto, questo è il lavoro di rete nel sociale.
Come dico da tanti anni ormai: ”il buon lavoro lo fanno le brave persone” sappiate che ci sono davvero delle bravissime professioniste che tengono a ciò che fanno nel sociale in Valle Sabbia!

In questa valle così operosa ho conosciuto realtà meravigliose, persone straordinarie, operatori che con fatica lavorano con tanto amore sia per il territorio che per le persone che hanno in carico.
Un ringraziamento profondo alle colleghe dipendenti dei miei comuni, che non hanno mai mancato di aiutarmi nello sbrigare questioni burocratiche e non, senza di loro non avrei potuto gestire il tutto con il tempo che avevo.

Ringrazio i miei sindaci (Bontempi, Prandini, Zanotti, Cassetti, Bacchetti) che da anni con fiducia si sono appoggiati al mio servizio e che con le proprie risorse hanno attivato percorsi per il territorio.
I colleghi che lavorano all’interno della scuola che con fatica portano avanti il lavoro con tutte le incombenze seppur a volte non di loro competenza; le cooperative sociali valsabbine che insieme a me hanno ideato con tantissima creatività delle bellissime collaborazioni e progetti per il territorio.
Perché si, quando le risorse finanziarie sono quel che sono, bisogna sfoderare la nostra miglior creatività per dare magia ai progetti sociali!

Grazie ai medici di famiglia dei miei comuni, ai servizi specialisti di Asst (cps, eoh, noa, sert) consultorio familiare, alle forze dell'ordine.
Tutti loro in questi anni hanno condiviso i bisogni dei loro utenti e hanno collaborato con me per portarli a segno.

Ai parroci, il particolare al mio amato Don Pietro di Agnosine, che in questi anni è stato preziosissimo per la  realizzazione di alcuni progetti, come la creazione della prima casa in Valle Sabbia per ragazzi diversamente abili con caratteristiche specifiche.
Tramite il consorzio laghi e Comunità montana, abbiamo creato uno spazio come palestra di autonomia per l’oggi e  il futuro nel progetto "dopo di noi ". È uno successo che porto via con me!

Alle mie amate colleghe assistenti sociali dei comuni, che come me ogni giorno fanno tantissimo e anche di più anche se spesso non gli viene riconosciuto, questo lavoro si fa per amore non certo per soldi o per fama, cercate di apprezzarle di più!
Alle mie care colleghe del servizio tutela minori e famiglia, che davvero sono un pezzo di braccio del nostro lavoro e lo fanno con il cuore.
A tutti i volontari che in questi anni  ho disturbato tante volte e che mi hanno sempre detto di sì, senza di voi tante così non sarebbero state possibili, siete magici!

Alle famiglie e persone che in questi anni ho seguito, così fiera della grande forza e resilienza che avete sfoderato nei momenti difficili... grazie di esservi affidati alla mia persona.
E grazie alla mia cara azienda e tutti i colleghi di Valle Sabbia solidale, in particolare al mio direttore Pasini Andrea che mi ha dato la possibilità di sperimentarmi in un nuovo progetto e territorio, ha compreso la mia fame di imparare ancora, qualcosa di nuovo in un altro servizio.

Mi scuso in anticipo se ho dimenticato qualcuno in questa lettera, ma dieci anni sono davvero tanti da mettere su di un foglio.
Ad ognuno di voi che ho dimenticato dico grazie per essere passati sul mio cammino, per poco o tanto tempo che sia stato. Ognuno di voi ha lasciato un pezzetto di un qualcosa da portare con me, spero di aver fatto lo stesso con voi.

Mando a tutti un grande abbraccio virtuale, proprio quello che ora non ci è permesso dare.
Così grata di aver conosciuto questa valle.

Alessandra




Vedi anche
11/12/2018 10:16:00

Tentata truffa online Vorrei condividere con più persone possibili un nuovo tentativo di frode che gira tra gli acquirenti online, per il quale sono stato contattato ieri

31/07/2017 08:12:00

Il degrado del centro storico di Gavardo Buongiorno direttore Le scrivo per condividere con Lei e con i lettori di ValleSabbia News il degrado del centro storico di Gavardo...

08/10/2016 14:15:00

Grazie per la generosità Più di 200 persone hanno partecipato all'amatriciana solidale presso il polo dell'Infanzia di Gavardo a favore dell'Age di Rieti. Il grazie dell'assessore Comini agli organizzatori e ai partecipanti

22/04/2013 07:00:00

A Michela Quello che hai scritto è di fondamentale importanza, hai scritto della radice non hai scritto delle banalità, per questo ti rispondo ora con un mio scritto

03/12/2015 13:11:00

Terrorismo, la risposta del Papa Il Papa nel continente più complicato e delle contraddizioni nel cuore dell’Africa. La cura contro la guerra, la cura per la misericordia. Una grande opportunità dal punto di vista storico di andare contro tendenza



Altre da Valsabbia
20/06/2021

Focus sulla fragilità dei bambini

Il Poliambulatorio con sede a Vobarno torna ad ospitare Fondazione Cesvi, offrendo alla cittadinanza un’occasione unica di confronto e riflessione

19/06/2021

Cordoglio per la morte di Padre Oscar

E’ giunta inaspettata in Valle Sabbia la notizia della prematura morte di monsignor Oscar Therà, il "figlio delle stelle" che amava trascorrere periodi di riposo in Degagna

18/06/2021

Aliscargo Airlines, a capo degli azionisti Alcide Leali

La nuova compagnia aerea per il trasporto intercontinentale delle merci vede alla guida degli investitori privati l’imprenditore valsabbino, già fondatore di Air Dolomiti e patron dei Lefay Resorts

18/06/2021

Al via Acque e Terre Festival

Quindici spettacoli in nove Comuni nell’arco dell’estate per l’attesa rassegna che regala musica, teatro e cultura di qualità

17/06/2021

Cosa significa essere un «Comune turistico»

E’ sufficiente istituire un assessorato al turismo, elencare edifici storici ed eventi estivi per essere un comune turistico? Secondo l’Istat non basta e vediamo perché. Ecco come sono messi i Comuni valsabbini

16/06/2021

Aria spa, Girelli: «Un nuovo problema. Per i centri estivi bando da rifare»

La segnalazione del consigliere regionale valsabbino del Pd: «600 tra Comuni e parrocchie che avevano partecipato al bando, ora dovranno ripresentare le domande»

15/06/2021

Cinque milioni di euro per la Protezione Civile

Le risorse stanziate dalla Regione saranno destinate all'acquisto di mezzi, dotazioni tecniche e attrezzature necessari alla gestione delle emergenze. Massardi: “Protezione Civile risorsa fondamentale per il nostro territorio”

15/06/2021

Scuola finita, ora c'è la maturità

Bilancio in chiaroscuro per gli alunni del “Perlasca” per l’anno scolastico appena trascorso segnato dalla didattica a distanza. Da mercoledì il via agli esami di Stato

15/06/2021

DAD, ovvero Differenti Approcci Didattici

L’acronimo è lo stesso per la Didattica A Distanza, l’intendimento, made in Fondazione della Comunità Bresciana è limitarne le distorsioni. VIDEO

15/06/2021

La poesia premia, anche a... «d'istanza»

Due studentesse del Liceo Scientifico del Perlasca di Idro si sono aggiudicate il secondo e il terzo posto al concorso POESIA D’ISTANTI